RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Migrazioni: approccio globale riguardante le regioni orientali e sudorientali dell'Europa

La presente comunicazione rientra nel quadro dell'approccio globale sulla questione delle migrazioni, approvato dal Consiglio europeo dei giorni 15 e 16 dicembre 2005. Essa stabilisce un elenco di proposte riguardanti l'applicazione di tale approccio alle regioni situate ad est e a sud-est dell'Unione europea (UE).

ATTO

Comunicazione della Commissione, del 16 maggio 2007, al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale e al Comitato delle regioni sull'applicazione dell'approccio globale in materia di migrazione alle aree orientali e sudorientali vicine all'Unione europea [COM(2007) 247 def. - Non pubblicata sulla Gazzetta ufficiale].

SINTESI

La Commissione propone le seguenti misure:

Turchia e Balcani occidentali

  • completare il dialogo relativo alle migrazioni svolto nel quadro di diverse sedi bilaterali, regionali e nazionali;
  • potenziare l'impatto positivo delle migrazioni sullo sviluppo;
  • impedire la fuga di cervelli, facilitare l'invio di fondi dei lavoratori emigrati nei rispettivi paesi d'origine e migliorare la migrazione circolare;
  • seguire l'attuazione delle politiche di asilo;
  • migliorare il sistema giuridico e amministrativo nei paesi di questa regione, al fine di garantire una migliore protezione internazionale alle persone;
  • potenziare il ruolo di Frontex con tali paesi;
  • favorire l'assistenza reciproca tra le autorità di tali paesi, incaricate della lotta contro la criminalità organizzata. Il sostegno fornito potrebbe concretizzarsi in una migliore collaborazione tra Europol e l'iniziativa di cooperazione per l'Europa sudorientale (SECI).

Paesi partner della politica europea di buon vicinato in Europa orientale e nel Caucaso meridionale

  • avviare il dialogo sulla migrazione con i paesi che hanno messo a punto un piano d'azione con l'UE (Armenia, Azerbaigian, Georgia) e potenziarlo con quelli i cui piani sono già stati attuati (Moldova e Ucraina). Avviare dibattiti esplorativi con la Bielorussia;
  • ispirarsi alle esperienze maturate in diverse sedi, in particolare per quanto riguarda il processo di Budapest e quello di Söderköping. La Commissione suggerisce parimenti di valutare la possibilità di creare una struttura di cooperazione che riunirebbe gli Stati membri, le agenzie competenti dell'UE, i paesi del mar Nero non membri dell'UE e le organizzazioni regionali, in particolare la SECI, la Cooperazione economica del Mar Nero (CEMN) e il Forum del Mar Nero;
  • sviluppare partnership per la mobilità;
  • impedire la fuga di cervelli, facilitare il rilascio di visti, nonché l'invio di fondi da parte dei lavoratori emigrati;
  • concludere l'accordo di riammissione con la Moldova, attuare quello concluso con l'Ucraina e prevedere nuovi accordi con altri paesi della regione;
  • sostenere ulteriormente tali paesi nella gestione delle loro frontiere, nonché nella lotta contro la criminalità organizzata e la frode documentale.

Russia

  • attuare più rapidamente le misure corrispondenti alle priorità della Road map per lo spazio comune della libertà, della sicurezza e della giustizia;
  • approfondire lo scambio d'informazioni tra l'UE e la Russia (segnatamente attraverso l'accordo Europol-Russia) e migliorare la collaborazione Europol-Frontex nella regione del Mar Baltico, nonché l'assistenza reciproca tra Frontex e gli organismi di controllo delle frontiere russe.

Siria, Libano, Giordania, Iran e Iraq

  • continuare il dialogo con il Libano e la Giordania e avviare un dialogo analogo con la Siria non appena verrà firmato l'accordo di associazione;
  • sostenere la Giordania e la Siria nei loro sforzi in favore dei rifugiati in esito al conflitto in Iraq;
  • invitare l'Iran ad intensificare la cooperazione con i paesi vicini per quanto riguarda il traffico di migranti e la tratta di esseri umani.

Asia centrale

  • intensificare la collaborazione per la gestione delle frontiere e fornire assistenza tecnica in materia d'immigrazione clandestina, di traffico di migranti e di tratta degli esseri umani.

Paesi d'origine asiatica

  • continuare i negoziati in corso per la conclusione di accordi di riammissione e favorire iniziative nel campo della lotta contro il traffico di migranti e la tratta di esseri umani;
  • realizzare partnership per la mobilità con alcuni paesi.

La Commissione suggerisce del pari di migliorare il coordinamento:

  • sviluppando una visione coerente delle attuali iniziative, segnatamente sollecitando gli Stati membri a ampliare l'elenco dei progetti già realizzati;
  • riunendo e dando diffusione delle informazioni disponibili, in particolare attraverso una rete di scambio tra le agenzie europee, le organizzazioni internazionali e gli organismi regionali;
  • approfondendo le partnership con vari organismi, come i ministeri del commercio, del lavoro e dell'istruzione;
  • sviluppando le reti di personale di collegamento in materia di «immigrazione» ( (ES) (DE) (EN) (FR)) (OLI), nonché i centri comuni di trattamento delle richieste di visti.

Contesto

La presente comunicazione rientra nel quadro dell'approccio globale sulla questione delle migrazioni, approvato dal Consiglio europeo dei giorni 15 e 16 dicembre 2005. Essa è stata elaborata in risposta alle richieste del Consiglio europeo dei giorni 15 e 16 dicembre 2006.

Ultima modifica: 25.09.2007
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina