RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Facilitare il rilascio dei visti per soggiorni di breve durata con la Russia

Questo accordo tra la Comunità europea e la Russia è volto a facilitare il rilascio dei visti per soggiorni di breve durata ai cittadini delle due parti. Il suo scopo è ridurre le formalità amministrative, accelerare i termini di trattamento delle domande di visto e concedere il rilascio gratuito a determinate categorie di persone.
Lo stesso giorno è entrato in vigore un altro accordo riguardante la riammissione delle persone che risiedono senza permesso di soggiorno.

ATTO

Decisione 2007/340/CE del Consiglio, del 19 aprile 2007, relativa alla conclusione dell'accordo di facilitazione del rilascio dei visti per soggiorni di breve durata tra la Comunità europea e la Federazione russa.

SINTESI

La decisione è volta a concludere l'accordo tra la Comunità europea e la Federazione russa diretto ad agevolare, su una base di reciprocità, il rilascio dei visti ai cittadini dell'Unione europea (UE) e della Federazione russa per soggiorni previsti di massimo 90 giorni per periodi di 180 giorni.

Alla decisione sono acclusi l'accordo tra la Comunità europea e la Russia e il protocollo dell'accordo relativo agli Stati membri che non applicano integralmente l'acquis di Schengen.

Contenuto dell'accordo

Per le seguenti categorie di cittadini i documenti di seguito indicati sono sufficienti per giustificare la finalità del viaggio nel territorio dell'altra parte:

  • per i membri di delegazioni ufficiali, un invito ufficiale a partecipare a una riunione e una lettera emessa da un'autorità competente di uno Stato membro o della Russia attestante che l'interessato è membro di una delegazione;
  • per gli autotrasportatori che effettuano servizi di trasporto internazionale tra la Comunità europea e la Russia, una richiesta scritta dell'associazione nazionale dei trasportatori della Russia o delle associazioni nazionali dei trasportatori degli Stati membri;
  • per gli imprenditori, una richiesta scritta della persona giuridica, della società o dell'organizzazione ospitante;
  • per i giornalisti, un certificato rilasciato da un'associazione di categoria attestante che l'interessato è un giornalista qualificato, e un documento rilasciato dal datore di lavoro attestante che il viaggio è dovuto a motivi di lavoro;
  • per i partecipanti ad eventi sportivi internazionali e le persone che li accompagnano, una richiesta scritta dell'organizzazione ospitante;
  • per i parenti stretti, una richiesta scritta della persona ospitante;
  • per i partecipanti ad attività scientifiche, culturali e artistiche, una richiesta scritta a partecipare a dette attività, rilasciata dall'organizzazione ospitante;
  • per gli studenti e i docenti accompagnatori, una richiesta scritta o un certificato di iscrizione dell'istituto o università ospitante.

Le missioni diplomatiche e gli uffici consolari degli Stati membri e della Russia rilasciano visti per più ingressi validi fino a:

  • 5 anni, ai membri di governi e parlamenti nazionali e regionali e ai membri di corti costituzionali o di tribunali di ultimo grado nonché ai coniugi e ai figli dei cittadini dell'UE o della Russia che soggiornano legalmente nel territorio della Russia o dell'UE;
  • 1 anno, ai membri di delegazioni ufficiali, agli imprenditori, agli autotrasportatori che effettuano servizi di trasporto internazionale tra il territorio della Russia e quello degli Stati membri, ai partecipanti ad eventi sportivi internazionali, ai partecipanti ad attività scientifiche, culturali e artistiche e ai giornalisti. A determinate condizioni la validità può andare da un minimo di 2 a un massimo di 5 anni.

I diritti per il trattamento delle domande di visto ammontano a 35 euro. Sono esenti dai diritti per il trattamento delle domande di visto le seguenti categorie di persone:

  • i parenti stretti, i coniugi e i figli dell'interessato;
  • i membri di delegazioni ufficiali;
  • i membri di governi e parlamenti nazionali e regionali e i membri di corti costituzionali o di tribunali di ultimo grado;
  • gli studenti e i docenti accompagnatori;
  • i disabili e gli accompagnatori;
  • i partecipanti ad eventi sportivi internazionali;
  • i partecipanti ad attività scientifiche, culturali e artistiche;
  • le persone che hanno documentato la necessità del viaggio per motivi umanitari.

Le missioni diplomatiche e gli uffici consolari degli Stati membri e della Russia decidono sulla domanda di rilascio del visto entro 10 giorni dalla data di ricevimento della domanda e della documentazione necessaria. Qualora si debba procedere ad un ulteriore esame della domanda, il termine per decidere può essere prorogato fino a 30 giorni.

I cittadini dell'UE o della Russia che abbiano smarrito o a cui siano stati rubati i documenti di identità durante il soggiorno possono uscire dal territorio dello Stato ospitante esibendo un documento di identità valido, rilasciato dalle missioni diplomatiche o dagli uffici consolari degli Stati membri o della Russia.

Contesto

In una dichiarazione comune adottata al vertice di San Pietroburgo del 31 maggio 2003, l'Unione europea e la Federazione russa hanno convenuto di esaminare le condizioni per la soppressione dell'obbligo di visto quale prospettiva a lungo termine. Nella dichiarazione comune sull'allargamento dell'Unione europea e sulle relazioni UE-Russia, del 27 aprile 2004, l'UE e la Russia hanno ribadito l'intenzione di facilitare il rilascio dei visti ai loro cittadini e di avviare i negoziati per concludere un accordo. L'accordo è stato concluso il 19 aprile 2007. Lo stesso giorno è stato concluso anche il parallelo accordo di riammissione.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigore - Data di scadenzaTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale
Decisione 2007/340/CE--GU L 129 del 17.5.2007
Ultima modifica: 15.06.2007
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina