RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Rete di funzionari di collegamento incaricati dell'immigrazione

La presente proposta istituisce una rete di funzionari di collegamento incaricati dell'immigrazione. Questi funzionari sono rappresentanti degli Stati membri distaccati in un paese terzo ed incaricati di facilitare l’azione condotta dall'Unione europea (UE) in materia di lotta contro l'immigrazione clandestina. Il testo adottato ha lo scopo di rendere reciproca l'azione dei funzionari di collegamento incaricati dell'immigrazione e di mettere in relazione coloro che sono presenti in una determinata regione o paese terzo.

ATTO

Regolamento (CE) n. 377/2004 del Consiglio, del 19 febbraio 2004, relativo alla creazione di una rete di funzionari di collegamento incaricati dell'immigrazione [Cfr. atti modificativi].

SINTESI

Ciascuno Stato membro distacca un funzionario di collegamento incaricato dell'immigrazione * presso le sue autorità consolari situate nei paesi terzi. I funzionari di collegamento incaricati dell'immigrazione mantengono contatti diretti con le autorità del paese ospitante per migliorare lo scambio di informazioni riguardanti:

  • i flussi di immigrazione illegale proveniente dal paese ospitante o in transito sul suo territorio;
  • le rotte seguite da tali flussi di immigrazione;
  • il loro "modus operandi";
  • l'esistenza di organizzazioni criminali dedite al traffico di clandestini;
  • gli incidenti che possono essere la causa di nuovi sviluppi dei flussi;
  • i metodi usati per la falsificazione di documenti d'identità e documenti di viaggio;
  • i modi e i mezzi di prestare assistenza alle autorità nei paesi ospitanti ai fini della prevenzione di questi flussi di immigrazione;
  • i modi e i mezzi per facilitare il ritorno dei clandestini nei paesi d'origine.

Gli Stati membri comunicano agli altri Stati membri, al Consiglio e alla Commissione i distacchi da essi disposti di funzionari di collegamento incaricati dell'immigrazione. Queste informazioni sono pubblicate sulla rete d'informazione e di coordinamento sul web sicura per lo scambio di informazioni sull'immigrazione clandestina (ICONet).

I funzionari di collegamento incaricati dell'immigrazione distaccati nello stesso paese formano una rete locale nella quale essi:

  • si scambiano informazioni ed esperienze pratiche, soprattutto tramite regolari riunioni e tramite ICONet;
  • coordinano le posizioni da adottare nei contatti con i vettori commerciali;
  • partecipano a corsi specializzati di formazione congiunti ed organizzano sessioni di informazione per gli agenti consolari degli Stati membri nel paese ospitante;
  • adottano approcci comuni riguardanti i metodi di raccolta di informazioni;
  • stabiliscono dei contatti con reti analoghe nel paese ospitante e nei paesi terzi limitrofi.

Le riunioni hanno luogo sia per iniziativa dello Stato membro che esercita la presidenza del Consiglio sia per iniziativa degli altri Stati membri. I rappresentanti della Commissione europea e dell'agenzia Frontex sono autorizzati a partecipare, a meno che considerazioni di carattere operativo non richiedano il contrario.

Gli Stati membri possono convenire, a livello bilaterale o multilaterale, che i funzionari di collegamento distaccati di un paese dell'Unione europea (UE) provvedano anche agli interessi di un altro o altri Stati membri. Possono altresì decidere di ripartirsi taluni compiti tra loro.

Lo Stato membro che esercita la presidenza del Consiglio dell'UE redige al termine di ogni semestre, per il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione, una relazione sulle attività delle reti dei funzionari di collegamento incaricati dell'immigrazione nei paesi e nelle regioni aventi un particolare interesse per l’UE in materia di migrazione. Questa relazione è elaborata secondo un modello stabilito dalla decisione 2005/687/CE della Commissione. In base a questa relazione, la Commissione redige a sua volta un riassunto annuale sullo sviluppo delle reti dei funzionari di collegamento incaricati dell'immigrazione.

Contesto

Il presente regolamento fa eco al piano per la gestione delle frontiere esterne degli Stati membri dell'UE, che prevede la creazione di una rete di funzionari di collegamento incaricati dell'immigrazione operante nei paesi terzi.

Conformemente al Consiglio europeo di Salonicco del giugno 2003 e in base all'esperienza acquisita in materia di gestione dei progetti, compreso quello della rete di funzionari di collegamento incaricati dell'immigrazione dei Balcani occidentali guidato dal Belgio, l'esistenza della rete è stata formalizzata mediante l'adozione di un atto giuridicamente vincolante.

Termini chiave dell’atto
  • Funzionario di collegamento incaricato dell'immigrazione: rappresentante di uno degli Stati membri distaccato all'estero dal servizio immigrazione allo scopo di mantenere contatti con le autorità del paese ospitante per contribuire alla prevenzione dell'immigrazione clandestina e alla lotta contro tale fenomeno.

RIFERIMENTI

AttoEntrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale

Regolamento n. 377/2004

5.10.2004

_

GU L 316, 15.12.2000

Atto/i modificatore/iEntrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale

Regolamento n. 493/2011

16.6.2011

_

GU L 141, 27.5.2011

ATTO COLLEGATO

Decisione 2005/267/CE del Consiglio, del 16 marzo 2005, relativa alla creazione sul web di una rete di informazione e coordinamento sicura per i servizi di gestione dell'immigrazione degli Stati membri [Gazzetta ufficiale L 83 dell’1.4.2005].
La rete ICONet permette agli Stati membri di scambiare rapidamente sul web informazioni sui flussi migratori irregolari, l'ingresso e l'immigrazione clandestini e il rimpatrio di persone soggiornanti illegalmente. L'obiettivo è combattere meglio l'immigrazione clandestina e la tratta degli esseri umani.

Ultima modifica: 26.07.2011
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina