RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Piano sulle migliori pratiche, le norme e le procedure

Il piano mira a rafforzare la lotta contro la tratta degli esseri umani finalizzata a qualsiasi tipo di sfruttamento e a proteggere, assistere e reinserire le vittime.

ATTO

Piano UE sulle migliori pratiche, le norme e le procedure per contrastare e prevenire la tratta di esseri umani [GU C 311 del 9.12.2005].

SINTESI

Il programma dell’Aia, adottato dal Consiglio europeo nel novembre 2004, invita la Commissione e il Consiglio a mettere a punto, nel 2005, un piano per elaborare norme comuni, migliori pratiche e meccanismi destinati a prevenire e contrastare la tratta degli esseri umani.

Principi generali che disciplinano l’attuazione del piano d’azione

Nella comunicazione al Parlamento e al Consiglio del 18 ottobre 2005 sulla lotta contro gli esseri umani, la Commissione ha delineato i mezzi necessari per sviluppare un approccio integrato basato sul rispetto dei diritti umani ed elaborare una risposta politica coordinata, segnatamente nei settori della libertà, della sicurezza e della giustizia, delle relazioni esterne, della cooperazione allo sviluppo, degli affari sociali e dell’occupazione, della parità di genere e della non discriminazione.

È essenziale migliorare la nostra comprensione collettiva dei problemi legati alla tratta degli esseri umani, considerando anche le cause primarie nei paesi di origine, i fattori che ne facilitano lo sviluppo nei paesi di destinazione e i legami con altri tipi di reato. Per conoscere meglio la portata e la natura di questo fenomeno che colpisce l’Unione europea, occorre elaborare, entro l’autunno 2006, orientamenti comuni per la raccolta di dati, compresi indicatori comparabili, e sviluppare un modello comune di ricerca che gli Stati membri useranno per potenziare le ricerche possibili in aree specifiche, a cominciare dalla tratta dei bambini.

L'UE riconosce che è indispensabile che gli Stati membri assicurino che i diritti umani delle vittime della tratta siano pienamente tutelati in tutte le fasi del processo. Gli Stati membri dovrebbero adoperarsi per sviluppare un'adeguata struttura pubblica di coordinamento per valutare e coordinare le politiche nazionali e garantire il trattamento appropriato delle vittime.

Gli Stati membri e la Commissione dovrebbero attuare politiche che rafforzino l'azione penale contro la tratta degli esseri umani, considerando anche la protezione delle vittime potenziali e dei gruppi vulnerabili quali le donne e i bambini.

La politica dell'UE in questa materia dovrebbe mirare a un approccio dei diritti dei bambini che si basi su principi universalmente riconosciuti, che rispetti in particolare i principi sanciti dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia e tenga conto del programma d'azione del Consiglio d'Europa sui bambini e la violenza (2006 - 2008).

Dovrebbero essere adottate strategie di prevenzione specifiche incentrate sul genere, elemento chiave per combattere la tratta di donne e ragazze. Nel far ciò si dovrebbe altresì tener conto dell'applicazione dei principi di parità di genere e dell'eliminazione della domanda di qualsiasi forma di sfruttamento, compresi lo sfruttamento sessuale e lo sfruttamento del lavoro domestico.

Entro la fine del 2006 saranno attuate varie azioni per prevenire la tratta degli esseri umani, tra cui: la predisposizione di materiale per campagne dell’UE volte a sensibilizzare ai pericoli insiti nel fenomeno e dare pubblicità alle attività di prevenzione e repressione per dissuadere i trafficanti; la creazione di una rete di contatti nei media sulla tratta per far conoscere al pubblico i successi riportati, all'interno e all'esterno dell'UE.

La tratta di esseri umani è un reato grave contro la persona che deve essere affrontato come una priorità dai servizi di contrasto. La tratta deve essere convertita da attività della criminalità organizzata a basso rischio e alto profitto in una ad alto rischio e basso profitto. L’UE dovrebbe rafforzare la sua azione per privare la tratta degli esseri umani di qualsiasi redditività e, laddove vi sia stato vantaggio finanziario, sequestrare e confiscare qualsiasi bene.

Per contrastare la tratta finalizzata allo sfruttamento della mano d'opera, dovrebbe essere intensificata la cooperazione con i servizi responsabili del controllo delle condizioni di lavoro e delle indagini finanziarie connesse al lavoro irregolare.

Analogamente, i servizi incaricati dell'applicazione della legge dovrebbero collaborare maggiormente con l'Europol, che dovrebbe partecipare regolarmente agli scambi di informazioni, alle operazioni congiunte e alle attività delle squadre investigative comuni. Dovrebbe essere consultato anche l’Eurojust, al fine di agevolare l'azione penale contro i trafficanti.

Le strategie di contrasto della tratta di esseri umani dovrebbero procedere di pari passo con le strategie contro la corruzione e la povertà. Inoltre, le organizzazioni dei datori di lavoro, i sindacati e le organizzazioni della società civile che operano nel settore dovrebbero cooperare con le autorità pubbliche. È altresì necessario che gli Stati membri e le istituzioni UE continuino a cooperare con le organizzazioni internazionali competenti, come l’ONU, l’OSCE e il Consiglio d'Europa.

Sul piano regionale, è indispensabile trovare soluzioni per prevenire la tratta degli esseri umani e garantire la protezione delle vittime. A questo proposito, gli Stati membri e la Commissione dovrebbero intensificare gli sforzi per promuovere iniziative regionali che completino e ispirino la cooperazione a livello dell’UE.

Il piano d'azione sarà riveduto e aggiornato regolarmente; la tabella delle azioni allegata permetterà una valutazione e un aggiornamento periodici.

ATTI COLLEGATI

Documento di lavoro della Commissione del 17 ottobre 2008 – Valutazione e monitoraggio dell'attuazione del piano UE sulle migliori pratiche, le norme e le procedure per contrastare e prevenire la tratta di esseri umani [COM(2008) 657 def. – Non pubblicato nella Gazzetta ufficiale].
La presente relazione offre una panoramica sull'attuazione delle misure anti-tratta negli Stati membri UE e in Norvegia, nonchè nelle istituzioni UE.
L'armonizzazione della legislazione anti-tratta degli Stati membri è proceduta rapidamente negli ultimi anni, specialmente per quanto concerne il diritto penale e l'assistenza alle vittime. Tuttavia, esiste una vasta incongruità tra l'adozione e l'attuazione della legislazione. Inoltre la Commissione sta progettando la revisione della decisione quadro sulla lotta contro la tratta. In questo modo i meccanismi di assistenza alle vittime saranno resi più efficaci. Se l'intensificazione della cooperazione internazionale delle strutture repressive e giudiziarie è cresciuta, restano ancora altri miglioramenti da attuare. Sono stati istituiti dei meccanismi di coordinamento a livello governativo, ma resta ancora molto lavoro da fare sui sistemi di monitoraggio.
Gli organi UE interessati si sono anche impegnati ad adottare determinate misure anti-tratta. Tuttavia esiste ancora una forte debolezza nella pratica e diverse misure restano da attuare del tutto.
Nel perseguimento della politica anti-tratta a livello comunitario, la Commissione propone che, nel breve termine, gli sforzi si concentrino sulle seguenti azioni cruciali:

  • la nomina di Relatori Nazionali, specialmente a scopo di monitoraggio;
  • la creazione o il miglioramento di meccanismi nazionali per l'identificazione e l'orientamento delle vittime verso i servizi di assistenza;
  • la creazione o il miglioramento dei sistemi di tutela dei minori;
  • il sostegno, anche finanziario, ad organizzazioni non governative (ONG) attive nel campo;
  • la formazione delle parti interessate;
  • il miglioramento della coordinazione delle indagini e dei procedimenti giudiziari;
  • l'ulteriore sviluppo della cooperazione sulle misure antri-tratta con i paesi partner esterni all'UE.

Il risultato di questo piano sarà utilizzato come base per una nuova strategia post-2009.

Ultima modifica: 30.05.2011
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina