RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 23 lingue
Nuove lingue disponibili:  BG - CS - ET - GA - LV - LT - HU - MT - PL - RO - SK - SL

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Prevenzione e repressione della tratta di essere umani

Questa nuova direttiva stabilisce norme minime a livello di Unione europea (UE) relative alla definizione dei reati e delle sanzioni in materia di tratta di esseri umani. Inoltre prevede misure che mirano a rafforzare la prevenzione del fenomeno e la protezione delle vittime.

ATTO

Direttiva 2011/36/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 aprile 2011 concernente la prevenzione e la repressione della tratta di esseri umani e la protezione delle vittime e che sostituisce la decisione quadro del Consiglio 2002/629/GAI [GU L 101 del 15.4.2011].

SINTESI

La tratta di esseri umani è considerata uno tra i reati più gravi a livello mondiale. Costituisce una violazione dei diritti umani e una forma moderna di schiavitù. La nuova direttiva adottata dall'Unione europea (UE) definisce norme minime comuni per determinare i reati connessi alla tratta di esseri umani e fissare le relative pene.

Definizioni

Sono considerati punibili il reclutamento, il trasporto, il trasferimento, l'alloggio o l'accoglienza di persone, compreso il passaggio o il trasferimento dell'autorità su tali persone, a fini di sfruttamento.

Lo sfruttamento comprende, come minimo:

  • lo sfruttamento della prostituzione o altre forme di sfruttamento sessuale;
  • il lavoro o i servizi forzati (compreso l'accattonaggio, la schiavitù o pratiche simili alla schiavitù, la servitù, lo sfruttamento di attività illeciti o il prelievo di organi).

Lo sfruttamento si configura quando è stata esercitata una forma di coercizione sulla persona(minaccia dell'uso o l'uso stesso della forza, il rapimento, la frode, l'inganno, ecc.) indipendentemente dall'eventuale consenso fornito dalla vittima.

Nel caso in cui la vittima sia un minore (persona di età inferiore ai diciotto anni), tali atti di sfruttamento configurano automaticamente la tratta di esseri umani, anche in assenza di uso dei mezzi di coercizione indicati precedentemente.

Pene

Sono punibili l'istigazione alla tratta di esseri umani e il favoreggiamento, il concorso e il tentativo.

La direttiva stabilisce come pena massima per tali reati almeno cinque anni di reclusione e almenodieci anni qualora siano rilevate le seguenti circostanze aggravanti:

  • il reato è stato commesso nei confronti di vittime particolarmente vulnerabili (i minori rientrano sempre in tale categoria);
  • il reato è stato commesso nel contesto di un'organizzazione criminale;
  • il reato ha messo in pericolo la vita della vittima intenzionalmente o per colpa grave;
  • il reato è stato commesso ricorrendo a violenze gravi o ha causato alla vittima un pregiudizio particolarmente grave.

Anche le persone giuridiche possono essere ritenute responsabili se i reati sono commessi a loro vantaggio da una persona che detiene una posizione dominante. La situazione è analoga qualora la mancata sorveglianza o il mancato controllo da parte di tale soggetto ha consentito a un altro soggetto sotto la sua autorità di commettere tali reati.

Le sanzioni nei confronti delle persone giuridiche comprendono sanzioni pecuniarie penali o non penali nonché altre sanzioni quali l'assoggettamento a sorveglianza giudiziaria o lo scioglimento.

Gli Stati membri possono decidere di non esercitare l'azione penale o comminare sanzioni contro le vittime della tratta di esseri umani coinvolte in attività criminali che sono state costrette a compiere.

Per quanto riguarda l'azione penale contro gli autori dei reati, la direttiva prevede in particolare la possibilità per gli Stati membri di perseguire i rispettivi cittadini per reati commessi in un altro paese dell'UE e di ricorrere agli strumenti investigativi usati contro la criminalità organizzata, come le intercettazioni telefoniche.

Assistenza, sostegno e protezione delle vittime

Gli stati membri devono vigilare affinché alle vittime siano forniti assistenza e sostegno prima, durante e dopo i procedimenti penali per consentire loro di esercitare i diritti loro conferiti dallaposizione di vittima nel procedimento penale. Le misure di sostegno possono in particolare consistere nella fornitura di un alloggio, di cure mediche (compresa l'assistenza psicologica) nonché di informazioni e servizi di interpretariato e traduzione, se necessario. In qualità di vittime particolarmente vulnerabili, i minori devono beneficiare di misure complementari, quali l'assistenza fisica e psico-sociale, l'accesso all'istruzione e, all'occorrenza, la possibilità di designare un tutore o un rappresentante.

Nel corso delle indagini e dei procedimenti penali, le vittime devono ricevere una protezione adeguata che preveda la consulenza e l'assistenza legale, se necessario gratuite e, all'occorrenza, un programma di protezione dei testimoni. Si dovranno evitare altri traumi alla vittima, risparmiandole ad esempio ogni contatto con l'indagato. I minori devono beneficiare di misure specifiche, in particolare in relazione alle loro audizioni. In particolare, saranno interrogati senza ritardo in locali predisposti e da parte di operatori formati a tale scopo.

Le vittime della tratta di esseri umani devono avere accesso ai sistemi di risarcimento delle vittime di reati dolosi violenti.

Prevenzione

Per prevenire la tratta di esseri umani, la direttiva richiede agli Stati membri di:

  • scoraggiare la domanda attraverso l'istruzione e la formazione;
  • svolgere campagne di informazione e sensibilizzazione;
  • formare i funzionari che possono entrare in contatto con le vittime della tratta;
  • adottare le misure che dispongano che costituisca reato la condotta di chi ricorre a servizi (sessuali o di altro tipo) di persone vittime della tratta.

Viene istituito un coordinatore europeo per la lotta contro la tratta di esseri umani allo scopo di garantire un approccio uniforme in materia di lotta contro tale fenomeno nell'UE.

La Danimarca non partecipa alla direttiva.

Contesto

La tratta di esseri umani è esplicitamente vietata dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea e l'UE considera la lotta contro tale fenomeno una delle priorità del programma di Stoccolma.

Questa nuova direttiva sostituisce la decisione quadro 2002/629/GAI sulla lotta contro la tratta di esseri umani. Adotta una definizione più ampia di tale fenomeno, includendovi altre forme di sfruttamento.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreData limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale

Direttiva 2011/36/UE

15.4.2011

6.4.2013

GU L 101 del 15.4.2011

ATTI COLLEGATI

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni: La strategia dell’UE per l’eradicazione della tratta degli esseri umani (2012 – 2016) [COM(2012) 286 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
Con questa strategia, la Commissione europea intende concentrarsi su misure concrete atte a sostenere il recepimento e l’attuazione della direttiva 2011/36/UE, apportare un valore aggiunto e integrare il lavoro svolto dai governi, dalle organizzazioni internazionali e dalla società civile nell’UE e nei paesi terzi. La strategia individua le cinque seguenti priorità per l'UE:

  • Individuare, proteggere e assistere le vittime della tratta;
  • Intensificare la prevenzione della tratta di esseri umani;
  • Potenziare l'azione penale nei confronti dei trafficanti;
  • Migliorare il coordinamento e la cooperazione tra i principali soggetti interessati e la coerenza delle politiche;
  • Aumentare la conoscenza delle problematiche emergenti relative a tutte le forme di tratta di esseri umani e una dare risposta efficace.

All'interno delle suddette priorità, la comunicazione delinea una serie di azioni che la Commissione europea propone di attuare nel corso dei prossimi cinque anni, unitamente ai paesi dell'UE, il Servizio europeo per l’azione esterna, le istituzioni e le agenzie dell’UE, le organizzazioni internazionali, i paesi terzi, la società civile e il settore privato.

Decisione 2007/675/CE della Commissione del 17 ottobre 2007 che istituisce il gruppo di esperti sulla tratta degli esseri umani [GU L 277 del 20.10.2007].

Piano dell'UE sulle migliori pratiche, le norme e le procedure per contrastare e prevenire la tratta di esseri umani [GU C 311 del 9.12.2005].

Ultima modifica: 05.03.2013
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina