RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Programma specifico: prevenzione, preparazione e gestione delle conseguenze del terrorismo (2007-2013)

Nel quadro del programma generale «Sicurezza e tutela delle libertà», l'Unione europea (UE) ha istituito per il periodo 2007-2013 un programma specifico che sostiene i progetti in materia di prevenzione, preparazione e gestione delle conseguenze degli attentati terroristici e di altri rischi correlati alla sicurezza.

ATTO

Decisione 2007/124/CE del Consiglio, del 12 febbraio 2007, che istituisce per il periodo 2007-2013 il programma specifico "Prevenzione, preparazione e gestione delle conseguenze in materia di terrorismo e di altri rischi correlati alla sicurezza", quale parte del programma generale sulla sicurezza e la tutela delle libertà.

SINTESI

Il programma è diretto a sostenere gli sforzi degli Stati membri nel prevenire, preparare e proteggere i cittadini e le infrastrutture critiche contro gli attentati terroristici, e deve contribuire ad assicurare la protezione dal terrorismo e altri rischi correlati alla sicurezza.

Prevenzione e preparazione

Il programma intende:

  • promuovere la valutazione delle minacce per le infrastrutture critiche, lo sviluppo di metodologie di protezione e norme di sicurezza;
  • sostenere misure operative condivise per migliorare la sicurezza delle catene di fornitura transfrontaliere;
  • incoraggiare la cooperazione e lo scambio di esperienze nel settore della protezione delle infrastrutture critiche.

Gestione delle conseguenze

Il programma prevede di promuovere lo scambio di competenze e di buone prassi tra i vari attori impegnati nella gestione delle crisi, e l'organizzazione di esercitazioni congiunte per potenziare il coordinamento tra i servizi pertinenti.

Progetti e azioni ammissibili

Il programma permetterà di finanziare, tramite sovvenzioni o appalti pubblici:

  • progetti di dimensione europea promossi e gestiti dalla Commissione;
  • progetti transnazionali ai quali partecipano partner di almeno due Stati membri o di almeno uno Stato membro e un paese candidato o aderente;
  • progetti nazionali negli Stati membri che preparino progetti transnazionali e/o azioni comunitarie o li integrino, oppure che elaborino tecnologie innovative utilizzabili in altri paesi.

Le azioni ammissibili sono segnatamente le attività di cooperazione e di coordinamento operative, le attività di analisi, monitoraggio e controllo, lo scambio di informazioni, la formazione e lo scambio di esperti, nonché le attività di sensibilizzazione e divulgazione.

Per partecipare al programma "Prevenzione, preparazione e gestione delle conseguenze in materia di terrorismo", gli organismi interessati devono avere personalità giuridica e sede negli Stati membri. Le organizzazioni a scopo di lucro hanno accesso alle sovvenzioni soltanto se operano in associazione con organi statali o senza scopo di lucro.

Contesto

Il programma specifico in materia di terrorismo, assieme al programma specifico in materia di criminalità, fa parte del programma quadro "Sicurezza e tutela delle libertà" che è dotato di un bilancio di 745 milioni di euro per il periodo 2007-2013.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale

Decisione 2007/124/CE

24.2.2007

-

L 58 del 24.2.2007

ATTI COLLEGATI

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio, del 16 giugno 2011, sulla valutazione intermedia del programma quadro «Sicurezza e tutela delle libertà» (2007-2013) [COM(2011) 318 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
La relazione valuta l’attuazione del programma «Prevenzione, preparazione e gestione delle conseguenze in materia di terrorismo e di altri rischi correlati alla sicurezza» nel corso del periodo 2007-2009. Secondo la relazione i progetti sostenuti dal programma hanno complessivamente prodotto i risultati attesi: creazione di nuovi strumenti e metodologie, diffusione delle buone pratiche e rafforzamento delle conoscenze su problematiche specifiche. La maggior parte dei progetti riguarda la prevenzione e la preparazione ai rischi, ed è destinata agli agenti delle autorità di contrasto. Italia e Spagna rappresentano da sole il 48 % dei progetti. La Commissione rileva tuttavia qualche difficoltà di attuazione ed evidenzia uno scarso utilizzo dei crediti. Essa propone di proseguire il programma fino al 2013 migliorando la procedura di approvazione delle sovvenzioni e il processo di valutazione.

Comunicazione della Commissione relativa a un programma europeo per la protezione delle infrastrutture critiche [COM(2006) 786 definitivo - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo che istituisce il programma quadro "Sicurezza e tutela delle libertà" per il periodo 2007-2013 [COM(2005) 124 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Ultima modifica: 05.09.2011
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina