RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Accordo tra l'Unione europea e gli Stati Uniti sul trasferimento dei dati di messaggistica finanziaria

Questa decisione prevede la conclusione di un accordo tra l'Unione europea (UE) e gli Stati Uniti d'America, in base al quale l'Unione europea rende disponibili i dati di messaggistica finanziaria al dipartimento del Tesoro statunitense, al fine di prevenire e combattere il terrorismo e il finanziamento del terrorismo.

ATTO

Decisione 2010/412/UE del Consiglio, del 13 luglio 2010, relativa alla conclusione dell’accordo tra l’Unione europea e gli Stati Uniti d’America sul trattamento e il trasferimento di dati di messaggistica finanziaria dall’Unione europea agli Stati Uniti ai fini del programma di controllo delle transazioni finanziarie dei terroristi.

SINTESI

A fini esclusivi di prevenzione, indagine, accertamento o azione penale nei confronti del terrorismo o del suo finanziamento, il presente accordo tra l'Unione europea (UE) e gli Stati Uniti d'America (USA) prevede il trasferimento di:

  • messaggistica finanziaria riguardante trasferimenti finanziari e relativi dati conservati nel territorio dell’Unione europea dai fornitori di servizi internazionali di messaggistica finanziaria (denominati fornitori), al dipartimento del Tesoro statunitense;
  • pertinenti informazioni ottenute attraverso il programma di controllo delle transazioni finanziarie dei terroristi (Terrorist Finance Tracking Program — TFTP) alle autorità di contrasto, di pubblica sicurezza o antiterrorismo dei paesi dell'UE, o a Europol o Eurojust.

Per ottenere i dati necessari conservati nel territorio dell'UE, il dipartimento del Tesoro statunitense avanza una richiesta, e invia eventuali documenti supplementari, ad un fornitore designato nel territorio degli Stati Uniti. Contemporaneamente fornisce una copia di questi documenti a Europol, che verifica la conformità della richiesta con i requisiti dell'accordo e notifica conseguentemente il fornitore designato. Una volta confermata la conformità della richiesta, essa diventa giuridicamente vincolante, e il fornitore designato è autorizzato a trasferire i dati richiesti al dipartimento del Tesoro statunitense.

Il dipartimento del Tesoro statunitense deve garantire che siano applicate determinate salvaguardie, in particolare in relazione alla tutela dei dati personali, quando i dati forniti sono trattati. I dati possono essere trattati esclusivamente a fini di prevenzione, indagine, accertamento o azione penale nei confronti del terrorismo e del suo finanziamento. Le informazioni devono essere assicurate da accesso non autorizzato, dalla divulgazione e dalla perdita, così come da ogni forma di trattamento non autorizzato. Tutte le ricerche dei dati forniti si basano su informazioni o prove preesistenti che inducono a ritenere che l’oggetto delle ricerche abbia un nesso con il terrorismo o il suo finanziamento. Tutte le ricerche e le relative motivazioni devono essere conservate.

Il dipartimento del Tesoro statunitense deve cancellare i dati non estratti:

  • non più necessari per lottare contro il terrorismo, in base ad una valutazione almeno annuale;
  • trasmessi senza essere stati richiesti;
  • al più tardi entro il 20 luglio 2012, se pervenuti prima del 20 luglio 2007;
  • entro cinque anni successivi al ricevimento, se sono pervenuti dopo il 20 luglio 2007.

I dati estratti possono essere conservati solo per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati richiesti. L'accordo definisce inoltre le salvaguardie per limitare il trasferimento successivo dei dati estratti.

Il dipartimento del Tesoro statunitense deve rendere disponibili le informazioni, ottenute attraverso il TFTP e che possono contribuire alle azioni dell'UE contro il terrorismo, alle autorità competenti dei paesi dell'UE interessati e, se del caso, a Europol e Eurojust. Qualora sussistano informazioni successive e siano ritenute necessarie per la lotta degli USA contro il terrorismo, esse saranno parimenti ritrasmesse agli Stati Uniti. Per favorire uno scambio d’informazioni efficace Europol può designare un ufficiale di collegamento presso il dipartimento del Tesoro statunitense.

Qualora un'autorità di un paese dell'UE interessato, ovvero Europol o Eurojust, stabilisca che vi è motivo di ritenere che la persona o l’ente ha un nesso con il terrorismo o il suo finanziamento quale definito nella decisione quadro sulla lotta contro il terrorismo e nella direttiva relativa alla prevenzione dell'uso del sistema finanziario a scopo di riciclaggio, detta autorità può chiedere una ricerca al fine di ottenere informazioni tramite il TFTP.

Nel corso della durata dell’accordo, la Commissione esamierà le varie opzioni possibili per stabilire un sistema UE equivalente al TFTP statunitense. Una volta istituito tale sistema europeo, ci sarà la necessità di rivedere ed eventualmente modificare il presente accordo e garantire la complementarietà dei due sistemi.

Il rispetto delle limitazioni e delle salvaguardie all'accordo sarà garantito da supervisori indipendenti. Essi avranno il potere di esaminare, richiedere e bloccare ricerche dei dati forniti, nonché di richiedere ulteriori giustificativi in merito al nesso con il terrorismo. Uno di questi controllori sarà nominato dalla Commissione.

Attraverso le autorità nazionali di protezione dei dati, una persona ha il diritto di chiedere la conferma che i suoi dati personali siano stati trattati nel rispetto dei diritti di protezione dei dati. La divulgazione di queste informazioni può essere rifiutata o limitata, se necessario, per la lotta contro il terrorismo o la tutela della pubblica sicurezza o la sicurezza nazionale. In tali casi, una spiegazione scritta sarà fornita alla persona, insieme alle informazioni sui mezzi di impugnazione in sede amministrativa e giudiziaria disponibili negli Stati Uniti. Una persona ha anche il diritto di chiedere la rettifica, la cancellazione o il blocco dei propri dati personali inesatti o erroneamente trattati. Per mantenere l'esattezza delle informazioni ricevute o trasmesse a norma del presente accordo, i dati possono essere integrati, cancellati o rettificati da ciascuna parte. Il dipartimento del Tesoro statunitense pubblica sul proprio sito Internet informazioni dettagliate sul TFTP, compreso il diritto di ricorso.

Questo accordo entra in vigore il 1° agosto 2010 e rimarrà in vigore per un periodo di cinque anni. Successivamente, sarà automaticamente rinnovato per successivi periodi di un anno, a meno che una delle parti non comunichi la sua intenzione di non prorogarlo.

RIFERIMENTI

AttoEntrata in vigoreTermine ultimo di recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale

Decisione 2010/412/UE

13.7.2010

-

GU L 195, 27.7.2010

Ultima modifica: 11.01.2012
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina