RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Programma specifico: Prevenzione e lotta contro la criminalità (2007-2013)

Nel quadro del programma generale “Sicurezza e tutela delle libertà”, l'Unione europea (UE) ha istituito per il periodo 2007-2013 un programma specifico che sostiene i progetti in materia di prevenzione e lotta contro la criminalità organizzata e non organizzata.

ATTO

Decisione 2007/125/GAI del Consiglio, del 12 febbraio 2007, che istituisce per il periodo 2007-2013 il programma specifico "Prevenzione e lotta contro la criminalità", quale parte del programma generale sulla sicurezza e la tutela delle libertà.

SINTESI

Il programma "Prevenzione e lotta contro la criminalità", subentra al programma quadro sulla cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale (AGIS). Esso è diretto a prevenire e combattere la criminalità, in particolare il terrorismo, la tratta degli esseri umani i reati a danno dei bambini, il traffico illecito di droga e di armi, la corruzione e la frode. Si articola in quattro temi:

  • prevenzione della criminalità e criminologia;
  • attività di contrasto della criminalità;
  • protezione e sostegno ai testimoni;
  • protezione delle vittime.

Nell'ambito di queste linee d'azione principali il nuovo programma prevede soprattutto di:

  • organizzare azioni di coordinamento e cooperazione tra le autorità di contrasto, le altre autorità nazionali e gli organi dell'Unione europea (UE);
  • favorire le migliori prassi per la protezione delle vittime di reati e dei testimoni;
  • incoraggiare i metodi necessari per una strategia di prevenzione e lotta contro la criminalità e per il mantenimento della sicurezza, per esempio i lavori della rete europea di prevenzione della criminalità e i partenariati tra settore pubblico e privato.

Pur non riguardando la cooperazione giudiziaria, il programma può contemplare azioni che incoraggiano la cooperazione tra autorità giudiziarie e autorità di contrasto.

Progetti e azioni ammissibili

Il programma permetterà di finanziare, tramite sovvenzioni o appalti pubblici:

  • progetti di dimensione europea promossi e gestiti dalla Commissione;
  • progetti transnazionali ai quali partecipano partner di almeno due Stati membri o di almeno uno Stato membro e un paese candidato o aderente;
  • progetti nazionali negli Stati membri che preparino progetti transnazionali e/o azioni comunitarie o li integrino , oppure che elaborino tecnologie innovative utilizzabili in altri paesi;
  • sovvenzioni di funzionamento a favore di organizzazioni non governative che perseguano, senza scopo di lucro, obiettivi del programma a dimensione europea.

Le azioni ammissibili sono in particolare la cooperazione e il coordinamento operativo, le attività di analisi, valutazione e controllo, il trasferimento di tecnologie e metodologie, la formazione e lo scambio di esperti, nonché le attività di sensibilizzazione e divulgazione.

Il programma è destinato alle autorità di contrasto e ad altri attori privati o pubblici, comprese le autorità regionali e nazionali, le parti sociali, le università, gli uffici statistici e le organizzazioni non governative, e agli organismi internazionali competenti che partecipano in qualità di partner.

Gli organismi che partecipano al programma, devono avere personalità giuridica e sede negli Stati membri. Le organizzazioni a scopo di lucro hanno accesso alle sovvenzioni soltanto se operano in associazione con organi statali o senza scopo di lucro.

A partire dal 1º gennaio 2007 la decisione sostituisce le corrispondenti disposizioni della decisione 2002/630/GAI (AGIS). Le azioni iniziate prima del 31 dicembre 2006 a norma della decisione 2002/630/GAI continuano ad essere disciplinate, fino a compimento, da detta decisione.

Contesto

Il programma specifico "Prevenzione e lotta contro la criminalità", assieme al programma "Prevenzione, preparazione e gestione delle conseguenze in materia di terrorismo", fa parte del programma quadro "Sicurezza e tutela delle libertà" che è dotato di un bilancio di 745 milioni di europer il periodo 2007-2013.

RIFERIMENTI

Atto Data di entrata in vigore Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri Gazzetta ufficiale
Decisione 2007/125/GAI

24.2.2007

-

GU L 58 del 24.2.2007

ATTI COLLEGATI

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio, del 16 giugno 2011, sulla valutazione intermedia del programma quadro “Sicurezza e tutela delle libertà” (2007-2013) [COM (2011) 318 def. Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
La relazione valuta l’attuazione del programma “Prevenzione e lotta contro la criminalità” per il periodo 2007-2009. I progetti sostenuti dal programma hanno complessivamente prodotto i risultati attesi: creazione di nuovi strumenti e metodologie, diffusione delle buone prassi e rafforzamento delle conoscenze su questioni specifiche. La maggior parte dei progetti riguarda i metodi orizzontali di prevenzione della criminalità e la cooperazione tra i servizi repressivi. Gli agenti dei servizi repressivi sono inoltre i principali partecipanti al programma. Tuttavia la Commissione rileva diversi problemi di attuazione e un uso insufficiente dei crediti. Essa propone pertanto di proseguire il programma fino al 2013, migliorando la procedura di approvazione delle sovvenzioni e il processo di valutazione.

Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo che istituisce il programma quadro "Sicurezza e tutela delle libertà" per il periodo 2007-2013 [COM(2005) 124 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Ultima modifica: 08.09.2011
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina