RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 11 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Programma d’azione comunitaria in materia di sanità pubblica (2003-2008)

Archivi

Il programma d'azione comunitaria nel settore della sanità pubblica (2003-2008) è stato elaborato per contribuire alla realizzazione di un elevato livello di protezione della salute in Europa. A tal fine, il programma orienta l’azione sull'informazione sulla salute, sulla capacità di reazione della Comunità di fronte alle minacce per la salute, nonché sulla prevenzione delle malattie.

ATTO

Decisione n° 1786/2002/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 settembre 2002 che approva un programma d’azione comunitaria in materia di salute pubblica (2003-2008).

Abrogata dalla decisione n° 1350/2007/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 ottobre 2007 che istituisce un secondo programma d’azione comunitaria in materia di salute (2008-2013) [Gazzetta ufficiale L 301 del 20.11.2007].

SINTESI

Il programma d’azione è un programma globale che sostituisce otto programmi di azione preesistenti nel settore sanitario. Tali programmi riguardavano: la promozione della salute, il cancro, l'aids e alcune malattie trasmissibili, la tossicodipendenza, la sorveglianza della salute e le malattie connesse all'inquinamento, la prevenzione delle ferite e le malattie rare.

Il programma costituisce una parte essenziale della strategia della Comunità europea in materia sanitaria e persegue i seguenti obiettivi e azioni:

  • migliorare l’informazione e le conoscenze per promuovere la salute pubblica e i sistemi sanitari
    Azioni:
     creazione di un sistema globale di raccolta, analisi e valutazione delle informazioni e della conoscenze per informare, consigliare e distribuire l’informazione a tutti i livelli della società, al grande pubblico, alle autorità e ai professionisti in materia di salute;
  • rafforzare la capacità di reazione rapida e coordinata alle minacce per la salute, ad esempio le minacce transfrontaliere come l'HIV, la nuova variante della malattia di Creutzfeldt-Jakob e le affezioni connesse con l'inquinamento;
    Azioni: sviluppo, rafforzamento e appoggio della capacità, della gestione e dell'interconnessione dei meccanismi di sorveglianza, di allarme precoce e di reazione rapida;
  • agire sui fattori sanitari determinanti
    Azioni:
     vaste azioni di promozione della salute accompagnate da misure e da strumenti specifici di riduzione e di eliminazione dei rischi.
    priorità principali - ridurre il numero elevato dei decessi prematuri e di affezioni provocate da importanti malattie come il cancro e far regredire le malattie mentali. Di conseguenza, si porrà l'accento sui fattori chiave collegati al tipo di vita, alla situazione socioeconomica e all'ambiente, quali il consumo di tabacco, di alcol, la tossicodipendenza, la nutrizione e lo stress.

Oltre alle misure citate, l'applicazione del programma proposto comprende l'elaborazione di un programma di lavoro annuo composto da obiettivi e azioni precise e l'elaborazione di indicatori sanitari. Il programma consente anche azioni congiunte con altri programmi e azioni comunitarie.

Considerando il principio della sussidiarietà e delle restrizioni nella Comunità in materia di salute, saranno indispensabili per il buon funzionamento del programma e per il raggiungimento dei suoi obiettivi, la collaborazione attiva e l'impegno totale dell'insieme degli Stati membri.

Finanziamenti

Il presente programma prevede una dotazione finanziaria di 312 milioni di euro per il periodo 2003-2008.

Paesi autorizzati a partecipare

Il programma è aperto alla partecipazione:

  • dei paesi dell’AELS/SEE, conformemente alle condizioni stabilite nell’accordo SEE;
  • dei paesi associati dell'Europa centrale e orientale, conformemente alle condizioni stabilite dagli accordi europei, nei loro protocolli e alle decisioni dei consigli di associazione;
  • di Cipro, sulla base di crediti supplementari conformemente alle modalità da convenire per questo paese;
  • di Malta e della Turchia, sulla base di crediti supplementari conformemente alle disposizioni del trattato.

Cooperazione internazionale

Va incoraggiata anche la collaborazione con i paesi terzi e le organizzazioni internazionali competenti in materia di sanità pubblica, come l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Valutazione

Si prevede che il programma sia presentato a una duplice valutazione; una valutazione basata sugli indicatori e i risultati contenuti nei programmi di lavoro annuali e una valutazione realizzata da esperti esterni e autonomi a metà percorso del programma, cioè il terzo e ultimo anno del programma e successivamente al suo completamento. I risultati saranno accessibili al pubblico. Si prevede anche che la Commissione presenti una relazione al Parlamento europeo, al Comitato economico e sociale e al Comitato delle regioni a metà percorso, cioè al terzo anno e una relazione finale.

Proroga dei programmi precedenti

Per evitare qualsiasi interruzione nelle azioni fondamentali, si prevede un'estensione limitata, con una proposta della Commissione [Com (2000) 448 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale] dei programmi esistenti che si concludono prima dell'avviamento del nuovo programma.

Agenzia esecutiva

Dal 20 giugno 2008, l'Agenzia esecutiva per la sanità pubblica ha cambiato la sua denominazione in Agenzia esecutiva per la salute e i consumatori. L'Agenzia assiste la Commissione nell'esecuzione del secondo programma per la sanità pubblica 2008-2013, del programma per i consumatori 2007-2013 e nell'esecuzione di misure di formazione in materia di sicurezza alimentare. L'agenzia ha sede a Lussemburgo.

RIFERIMENTI

Atto Data di entrata in vigore Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri Gazzetta ufficiale

Decisione 1786/2002/CE

09.10.2002

-

L271 del 9.10.2002

ATTI COLLEGATI

PROGRAMMA D’AZIONE COMUNITARIA 2008-2013

Decisione n. 1350/2007/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 ottobre 2007 che istituisce un secondo programma d’azione comunitaria in materia di salute (2008-2013) [Gazzetta ufficiale L 301 del 20.11.2007].

RELAZIONI

Relazione della Commissione del 23 luglio 2008: Attuazione del programma di sanità pubblica nel 2007 [COM(2008)482 def. – Non pubblicata sulla Gazzetta ufficiale].

Relazione della Commissione del 17 aprile 2008: Attuazione del programma di sanità pubblica nel 2006 [COM(2008)198 def. – Non pubblicata sulla Gazzetta ufficiale].

Relazione della Commissione del 23 novembre 2006: Attuazione del programma di sanità pubblica nel 2005 [COM(2006) 711 def.] – Non pubblicata sulla Gazzetta ufficiale.

Nel 2005, sono stati prescelti circa 50 progetti per un finanziamento nel quadro del programma europeo di sanità pubblica. Per quanto riguarda le principali attività sanitarie pubbliche svolte nel 2005, la relazione riguarda segnatamente i punti seguenti:

Relazione della Commissione del 24 ottobre 2005 sui progetti relativi al programma sanità pubblica introdotti nel periodo 2003-2004 [COM(2005) 511 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

La relazione rileva i risultati significativi ottenuti nel corso dei due primi anni di attuazione del programma. In particolare, il programma ha destato un grande interesse delle parti interessate alla salute pubblica in Europa. Sono state presentate numerose proposte di progetti. Nel complesso, sono stati stanziati fondi nel bilancio 2003 e 2004 per circa 150 progetti.

AGENZIA ESECUTIVA

Decisione 544/2008/CE della Commissione del 20 giugno 2008 che modifica la decisione 858/2004/CE per trasformare la denominazione «Agenzia esecutiva per il programma di sanità pubblica» in «Agenzia esecutiva per la salute e i consumatori» [Gazzetta ufficiale L 173 del 3.7.2008].

La Commissione garantisce la gestione globale dei programmi e delle misure adottati. L'Agenzia esecutiva è responsabile della loro attuazione e raccoglie le informazioni necessarie per la loro valutazione.

STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SANITÀ PUBBLICA

Libro bianco della Commissione del 23 ottobre 2007 dal titolo – “Approccio strategico dell'UE per il periodo 2008-2013” [COM(2007) 630 definitivo – Non pubblicato nella Gazzetta ufficiale].

Comunicazione della Commissione, del 16 maggio 2000, al Consiglio, al Parlamento europeo, al Comitato economico e sociale e al Comitato delle regioni sulla strategia della Commissione europea in materia di sanità [COM(2000) 285 def. - Non pubblicata sulla Gazzetta ufficiale].

Questa comunicazione illustra la strategia generale della Comunità nel settore della sanità, vale a dire come essa intende giungere ad un approccio coerente ed efficace in relazione alle questioni sanitarie nell’insieme dei settori oggetto delle sue politiche. Il programma d'azione 2003-2008 è un elemento chiave di questa strategia.

 
Ultima modifica: 05.08.2008

Vedi anche

Per ulteriori informazioni si consulti il sito Sanità pubblica della Commissione europea.

Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina