RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Prospetto da pubblicare per l’offerta pubblica o l'ammissione alla negoziazione di strumenti finanziari

La presente direttiva ha l'obiettivo di migliorare la qualità dell'informazione fornita agli investitori dalle società che desiderano raccogliere capitali nell'Unione europea (UE). A tal fine viene rafforzata l'armonizzazione delle disposizioni riguardanti la preparazione e il contenuto dei prospetti. Viene altresì introdotto un sistema di autorizzazione unica per i prospetti utilizzabile in tutti gli Stati dell'UE (passaporto unico per gli emittenti).

ATTO

Direttiva 2003/71/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 4 novembre 2003 relativa al prospetto da pubblicare per l'offerta pubblica o l'ammissione alla negoziazione di strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2001/34/CE [Cfr. atti modificativi].

SINTESI

Scopo della direttiva è armonizzare i requisiti relativi alla redazione, all'approvazione e alla diffusione del prospetto da pubblicare per l'offerta al pubblico di strumenti finanziari o la loro ammissione alla negoziazione in un mercato regolamentato che ha sede o opera in uno Stato membro.

Questo testo prevede regole che consentono alle società di raccogliere capitali più facilmente e a minor costo in tutta l'Unione europea (UE) sulla base dell'avallo dato dall'autorità regolamentare di un unico Stato membro ("autorità competente dello Stato membro di origine"). Essa rafforza la protezione offerta agli investitori garantendo che tutti i prospetti, ovunque siano emessi nell'Unione europea, forniscano loro l'informazione chiara e completa di cui necessitano per prendere le loro decisioni.

Obbligo di pubblicare un prospetto

Gli Stati membri non possono autorizzare alcuna offerta al pubblico di strumenti finanziari sul loro territorio senza la preventiva pubblicazione di un prospetto, salvo quando un’offerta di strumenti finanziari:

  • è rivolta unicamente a investitori qualificati; e/o
  • è rivolta a meno di 150 persone fisiche o giuridiche, diverse dagli investitori qualificati; e/o
  • è rivolta a investitori che acquistano strumenti finanziari per un corrispettivo totale di almeno 100 000 EUR per investitore, per ogni offerta separata; e/o
  • ha un valore nominale unitario di almeno 100 000 EUR; e/o
  • ha un corrispettivo totale nell’UE inferiore a 100 000 EUR, da calcolarsi su un periodo di dodici mesi.

La presente direttiva prevede quindi delle deroghe, regolamentate da norme tecniche elaborate dall’Autorità europea degli strumenti finanziari (AEVM) e adottate dalla Commissione europea.

Caratteristiche del prospetto

Il prospetto è un documento di pubblicità contenente dati finanziari sull’emittente e sugli strumenti finanziari che devono essere offerti al pubblico o ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato. Esso deve contenere una sintesi delle informazioni sugli strumenti finanziari interessati al fine di guidare gli investitori. Tuttavia, tale sintesi non è obbligatoria quando il prospetto riguarda l’ammissione alla negoziazione in un mercato regolamentato di strumenti finanziari diversi dai titoli di capitale con un valore nominale di almeno 100 000 EUR.

Informazioni da includere

Le informazioni da includere nel prospetto riguardano in particolare:

  • gli strumenti finanziari (titoli di capitale o altri);
  • i diversi tipi e le caratteristiche di offerte e di ammissioni alla negoziazione in un mercato regolamentato per strumenti finanziari diversi dai titoli di capitale;
  • le attività e le dimensioni dell’emittente;
  • la natura pubblica dell’emittente.

Determinate informazioni possono essere omesse se sono contrarie all’interesse pubblico, se arrecano un grave pregiudizio all’emittente o se sono di minore importanza. L’AEVM partecipa all’elaborazione delle norme relative all’omissione di questo tipo di informazioni.

La validità di un prospetto è di 12 mesi, purché venga integrato con i supplementi eventualmente prescritti.

Approvazione del prospetto

Il prospetto non può essere pubblicato finché non sia stato approvato dall'autorità competente dello Stato membro d'origine. Tale autorità competente comunica all’AEVM e parallelamente all'emittente, all'offerente o alla persona che chiede l'ammissione alla negoziazione in un mercato regolamentato, la sua decisione relativa all'approvazione del prospetto. Tale notifica deve avvenire entro 10 giorni lavorativi dalla presentazione della bozza di prospetto (20 giorni lavorativi se l'offerta al pubblico riguarda strumenti finanziari emessi da un emittente che non ha alcuno strumento finanziario ammesso alla negoziazione in un mercato regolamentato e che non ha ancora mai offerto strumenti finanziari al pubblico).

Pubblicazione del prospetto

Dopo l’approvazione, il prospetto è depositato presso l’autorità competente dello Stato membro d’origine ed è messo a disposizione dell’AEVM. La sua pubblicazione avviene inoltre in uno dei seguenti modi:

  • mediante inserimento in un giornale a diffusione nazionale o a larga diffusione;
  • in forma stampata;
  • sul sito web dell’emittente;
  • sul sito web del mercato regolamentato;
  • sul sito web dell’autorità competente dello Stato membro d’origine.

L’AEVM pubblica sul suo sito web l’elenco dei prospetti approvati.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreData di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale

Direttiva 2003/71/CE

31.12.2003

1.7.2005

GU L 345, 31.12.2003

Atto(i) modificatore(i)Data di entrata in vigoreData di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale

Direttiva 2010/73/CE

31.12.2010

1.7.2012

GU L 327, 11.12.2010

Direttiva 2010/78/CE

4.1.2011

31.12.2011

GU L 331, 15.12.2010

ATTI COLLEGATI

Regolamento (CE) n. 1569/2007 della Commissione, del 21 dicembre 2007, che stabilisce un meccanismo per determinare l’equivalenza dei principi contabili applicati dagli emittenti di titoli di paesi terzi conformemente alle direttive 2003/71/CE e 2004/109/CE del Parlamento europeo e del Consiglio [Gazzetta ufficiale L 340 del 22.12.2007].
Il presente regolamento stabilisce le condizioni alle quali i principi contabili in vigore in un paese terzo possono essere considerati equivalenti agli «International Financial Reporting Standards» o «IFRS», che sono i principi contabili internazionali adottati dall’UE. I principi contabili ammessi in un paese terzo sono considerati equivalenti ai principi internazionali se gli investitori possono valutare, tra l’altro, la situazione patrimoniale e finanziaria, e i risultati dell'emittente in modo analogo ai bilanci redatti conformemente agli IFRS. La decisione sull’equivalenza viene presa su iniziativa della Commissione oppure su richiesta dell’autorità competente di uno Stato membro o di un’autorità responsabile dei principi contabili o della vigilanza dei mercati di un paese terzo. Tale decisione viene resa pubblica.

Regolamento (CE) n. 809/2004 della Commissione, del 29 aprile 2004, recante modalità di applicazione della direttiva 2003/71/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le informazioni contenute nei prospetti, il modello dei prospetti, l'inclusione delle informazioni mediante riferimento, la pubblicazione dei prospetti e la diffusione di messaggi pubblicitari [Gazzetta ufficiale L 149 del 30.04.2004].
Il presente regolamento precisa le modalità di esecuzione della direttiva 2003/71/CE per quanto riguarda sia il modello del prospetto che i documenti relativi alle informazioni richieste che lo compongono. Descrive dettagliatamente gli elementi di informazione che compongono il prospetto e il prospetto di base e che sono contenuti nello schema, ovvero nell'elenco di base delle informazioni minime obbligatorie, e nel modulo relativo alle informazioni supplementari.

Ultima modifica: 15.03.2011

Vedi anche

  • Direzione generale del Mercato interno e dei servizi, Strumenti finanziari, Direttiva sui prospetti (DE) (EN) (FR)
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina