RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 9 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Riforma delle norme UE in materia di aiuti di Stato relativamente ai servizi di interesse economico generale

Scopo della presente comunicazione è avviare il dibattito politico in merito alla prossima revisione del pacchetto sugli aiuti di Stato sui servizi di interesse economico generale (SIEG).

ATTO

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni del 23 marzo 2011 - «Riforma delle norme UE in materia di aiuti di Stato relativamente ai servizi di interesse economico generale» [COM(2011) 146 definitivo – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

Contesto

Il pacchetto sugli aiuti di Stato per i servizi di interesse economico generale (SIEG) è destinato ad essere rivisto. L'attuale pacchetto include una serie di misure adottate nel 2005, in particolare la decisione relativa ai SIEG e la disciplina relativa ai SIEG, in cui la Commissione ha chiarito l'applicazione degli articoli 106 e 107 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE) (in materia di aiuti di Stato) alla compensazione per la prestazione di SIEG.

Nella sua comunicazione «Verso un atto per il mercato unico», la Commissione si è impegnata ad adottare, entro il 2011, una comunicazione e una serie di provvedimenti sui servizi di interesse generale. La Commissione ha sottolineato che l'UE e i suoi Stati membri devono assicurare che i servizi pubblici siano più facili da utilizzare al livello appropriato, aderiscano a chiare norme di finanziamento, siano della massima qualità e accessibili a tutti. Le norme comunitarie sulla concorrenza si applicano solo ai servizi di interesse generale di natura «economica».

Revisione delle norme in materia di aiuti di Stato relative ai SIEG

L’obiettivo generale della riforma delle norme in materia di aiuti di Stato per i SIEG è quello di accrescere il contributo che i SIEG possono apportare ad una più ampia ripresa economica dell’UE. Gli Stati membri devono in effetti garantire determinati servizi a condizioni accessibili alla popolazione in generale, ad esempio ospedali, istruzione, servizi sociali, ma anche comunicazioni e trasporti.

In linea con le disposizioni della decisione relativa ai SIEG e della disciplina relativa ai SIEG, la Commissione ha svolto un’ampia consultazione. La Commissione ha richiesto agli Stati membri di presentare delle relazioni in merito all’applicazione del pacchetto attualmente in vigore in materia di SIEG ed ha inoltre avviato una consultazione pubblica in merito. Nel complesso il processo di consultazione ha concluso che l'introduzione del pacchetto SIEG attualmente in vigore è stata generalmente ben accolta e che gli strumenti giuridici esistenti hanno dato un contributo positivo all'obiettivo generale della certezza del diritto. La consultazione ha anche, però, dimostrato la necessità di un miglioramento, in particolare, la necessità di strumenti più chiari, semplici, proporzionati ed efficaci per garantire un’applicazione più agevole delle norme. Per conseguire gli obiettivi sopra esposti, la Commissione sta valutando la possibilità di basare la prossima riforma sui due principi fondamentali di chiarificazione e di un approccio diversificato e proporzionato.

Per garantire una maggiore chiarezza, la Commissione sta valutando la possibilità di fornire ulteriori chiarimenti in merito ai concetti chiave che sottendono alle norme sugli aiuti di Stato per i SIEG. Nella misura in cui tali concetti sono definiti dal trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE), come interpretato dalla Corte, il ruolo della Commissione si limita a fornire chiarimenti sul modo in cui essa comprende il TFUE e la giurisprudenza. La Commissione sta valutando la possibilità di fornire ulteriori orientamenti, tra l’altro, su:

  • la distinzione tra attività economiche e attività non economiche in base alle norme sugli aiuti di Stato e la classificazione di determinati soggetti come imprese;
  • i limiti a cui sono soggetti gli Stati membri in base alle norme sugli aiuti di Stato al momento di definire una determinata attività economica come SIEG;
  • le condizioni alle quali la compensazione per determinati SIEG forniti a livello locale incide sugli scambi tra Stati membri, ricadendo pertanto nel campo di applicazione delle norme sugli aiuti di Stato;
  • le regole che le autorità pubbliche devono seguire, in base alle norme sugli aiuti di Stato, quando affidano ad un’impresa la prestazione di un SIEG;
  • le condizioni alle quali la compensazione per un SIEG non comporta un aiuto di Stato perché la gara d’appalto seleziona il fornitore con il costo minore per la collettività o perché il prezzo applicato è in linea con quello di un’impresa efficace e «gestita in modo efficiente» (queste due alternative derivano dalla sentenza Altmark della Corte di giustizia europea);
  • il modo in cui aumentare la convergenza tra l’applicazione delle norme sugli aiuti di Stato e quelle sugli appalti pubblici;
  • le interazioni tra le norme del pacchetto e altre norme specifiche per il settore dei SIEG.

L'attuale pacchetto di SIEG distingue già diversi livelli di controllo. In un approccio diversificato e proporzionato, la Commissione intende fare una distinzione più chiara tra vari tipi di servizi in base alla gravità del rischio che gli aiuti di Stato in tali settori economici creino distorsioni della concorrenza nel mercato interno. Ciò comporterebbe:

  • una semplificazione dell’applicazione delle norme sugli aiuti di Stato per determinati tipi di servizi sociali organizzati da comunità locali, che presentano una serie di particolarità per quanto riguarda la struttura di finanziamento e gli obiettivi e che hanno solo un’incidenza ridotta sugli scambi tra gli Stati membri;
  • una maggiore enfasi sull'efficenza dei servizi commerciali su vasta scala che adempiono obblighi di servizio pubblico, tenendo conto nella compensazione concessa dei livelli di efficienza e qualità del prestatore di SIEG.
Ultima modifica: 18.08.2011
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina