RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Frenatura di taluni veicoli a motore (fino al 2014)

La presente direttiva si propone di fissare prescrizioni tecniche armonizzate relative alla frenatura di taluni veicoli a motore e dei loro rimorchi, per consentire l'attuazione della procedura di omologazione CE.

ATTO

Direttiva 71/320/CEE del Consiglio, del 26 luglio 1971, per il ravvicinamento delle legislazioni negli Stati membri relative alla frenatura di talune categorie di veicoli a motore e dei loro rimorchi [Cfr.atti modificativi].

SINTESI

La presente direttiva fissa le procedure relative all'omologazione CE per quanto concerne il dispositivo di frenatura di taluni veicoli.

La presente direttiva riguarda ogni veicolo a motore destinato a circolare su strada, con o senza carrozzeria, che abbia almeno quattro ruote e una velocità massima per costruzione superiore a 25 km/h, nonché i suoi rimorchi, e che rientri nelle categorie M (M1, M2, M3), N (N1, N2, N3) e O (O1, O2, O3, O4).

Il dispositivo di frenatura è il complesso di organi che hanno la funzione di diminuire o annullare progressivamente la velocità di un veicolo in marcia, oppure di mantenerlo immobile se esso è già fermo.

Il dispositivo di frenatura deve adempiere alle funzioni seguenti:

  • frenatura di servizio: controllo del movimento del veicolo senza togliere le mani dall'organo di direzione;
  • frenatura di soccorso: arresto del veicolo mantenendo il controllo dell'organo di direzione almeno con una mano;
  • frenatura di stazionamento: mantenimento del veicolo in stato di immobilità.

In un dispositivo di frenatura devono sussistere almeno due comandi, indipendenti l'uno dell'altro. Il comando del dispositivo di frenatura di servizio deve essere indipendente da quello del dispositivo di frenatura di stazionamento.

Oltre a questi elementi, la direttiva prevede norme di sicurezza, un sistema di collaudo dell'efficacia dei dispositivi di frenatura nonché di un sistema di controllo dei veicoli.

Gli Stati membri non possono rifiutare l'omologazione CE né l'omologazione di portata nazionale di un veicolo per motivi concernenti i suoi dispositivi di frenatura, se tale veicolo è munito dei dispositivi previsti dagli allegati della direttiva e se detti dispositivi rispondono alle prescrizioni contenute in questi stessi allegati.

La presente direttiva è abrogata dal regolamento (CE) n. 661/2009 con decorrenza 1° novembre 2014.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreData limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale

Direttiva 71/320/CEE

30.7.1971

30.1.1973

GU L 202 del 6.9.1971

Atto(i) modificatore(i)Data di entrata in vigoreData limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale

Direttiva 85/647/CEE

23.12.1985

10.10.1986

GU L 380 del 31.12.1985

Direttiva 98/12/CE

7.4.1998

31.12.1998

GU L 81 del 18.3.1998

Le modifiche e correzioni successive della direttiva 71/320/CEE del Consiglio sono state integrate nel testo di base. Questa versione consolidata  ha solo valore documentale.

Ultima modifica: 03.11.2011
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina