RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Clausole abusive

La presente direttiva mira a proteggere i consumatori europei dalle clausole abusive contenute nei contratti conclusi con i professionisti.

ATTO

Direttiva 93/13/CEE del Consiglio, del 5 aprile 1993, concernente le clausole abusive nei contratti stipulati con i consumatori [Cfr. atto(i) modificatore(i)].

SINTESI

La presente direttiva non si applica alle clausole contrattuali che riflettono:

  • disposizioni legislative o regolamentari imperative;
  • disposizioni di convenzioni internazionali di cui gli Stati membri o la Comunità sono parte.

Una clausola non negoziata si considera abusiva se determina, a danno del consumatore, un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi delle parti derivanti dal contratto.
L'allegato della direttiva riporta un elenco significativo delle clausole che possono essere dichiarate abusive.

Il carattere abusivo di una clausola contrattuale è valutato tenendo conto:

  • della natura dei beni o servizi oggetto del contratto;
  • delle circostanze che accompagnano la conclusione del contratto;
  • delle altre clausole del contratto o di un altro contratto da cui esso dipende.

La valutazione del carattere abusivo delle clausole non verte né sulla definizione dell'oggetto principale del contratto, né sulla perequazione tra il prezzo e i servizi o i beni che devono essere forniti in cambio, purché tali clausole siano formulate in modo chiaro e comprensibile.

In caso di dubbio sul senso di una clausola, prevale l'interpretazione più favorevole al consumatore.

Le clausole abusive contenute in un contratto stipulato fra un consumatore ed un professionista non vincolano il consumatore.

Gli Stati membri provvedono a fornire mezzi adeguati ed efficaci per far cessare l'utilizzo di clausole abusive.

La Commissione riferisce al Parlamento europeo e al Consiglio, entro il 31 dicembre 1999, in merito all'esito dell'applicazione della presente direttiva.

RIFERIMENTI

Atto Data di entrata in vigore Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri Gazzetta ufficiale

Direttiva 93/13/CEE

11.5.1993

31.12.1994

GU L 95, 21.4.1993

Atto/i modificatore/i Data di entrata in vigore Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri Gazzetta ufficiale

Direttiva 2002/995/CE

9.12.2002

1.1.2003

GU L 353, 30.12.2002

ATTI COLLEGATI

Relazione della Commissione sull'applicazione della direttiva 93/13/CEE del Consiglio, del 5 aprile 1993, concernente le clausole abusive nei contratti stipulati con i consumatori [COM(2000) 248 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
La relazione si propone non solo di presentare una valutazione della direttiva 93/13/CEE in riferimento ai primi cinque anni successivi alla data di scadenza prevista per il suo recepimento, ma anche di sollevare una serie di questioni che consentano di migliorare la situazione esistente.
Secondo la Commissione, in seguito all'azione condotta dalla Commissione dal 1993, sono stati conseguiti diversi risultati: procedure di infrazione, studi di mercato, sovvenzioni concesse allo scopo di sopprimere le clausole abusive in taluni settori, dialoghi instaurati tra consumatori e professionisti, campagne d'informazione, la conferenza tenutasi a Bruxelles nel luglio 1999 e la base di dati Clab.
Sulla base dell'esperienza di attuazione della direttiva nei diversi Stati membri, la relazione propone una serie di elementi di riflessione mirati a migliorare il sistema esistente. Tali elementi riguardano essenzialmente il campo di applicazione della direttiva, nonché le sue limitazioni, la nozione di clausola abusiva e l'elenco contenuto nell'allegato della direttiva, l'assenza di controllo sulle condizioni precontrattuali, il principio di trasparenza e il diritto all'informazione, le sanzioni, le modalità nazionali esistenti per la soppressione delle clausole abusive, la problematica posta da alcuni settori economici e il futuro della base di dati Clab.

Ultima modifica: 04.02.2011
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina