RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


EUROPASS – Al servizio della mobilità dei cittadini

L’Europass è un portafoglio unico previsto per aiutare i cittadini a dimostrare con chiarezza e facilmente le loro qualifiche e le loro competenze in tutta Europa. L'Europass riunisce cinque documenti elaborati a livello europeo per migliorare la trasparenza delle qualifiche. Il suo fine è quello di facilitare la mobilità di tutti coloro i quali vogliono formarsi o lavorare in tutta Europa.

ATTO

Decisione n. 2241/2004/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 dicembre 2004, che istituisce un quadro europeo unico per la trasparenza delle qualifiche e delle competenze (Europass).

SINTESI

L’Europass è uno dei tre strumenti principali dell’Unione europea (UE) di sostegno alla mobilità. Tale portafoglio contenente cinque documenti aiuta i cittadini a dimostrare con chiarezza e facilmente le loro qualifiche e le loro competenze negli Stati membri dell'UE, nei paesi candidati (Bulgaria, Croazia, Romania e Turchia), nonché in Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera. Esso viene ad aggiungersi al sito Internet Ploteus, aperto nel 2002, che contiene informazioni sulle possibilità di istruzione e di formazione professionale nell’intero spazio europeo, nonché al quadro europeo delle qualifiche professionali di cui è in corso l'attuazione.

L’Europass comprende i documenti seguenti:

L’Europass – Curriculum vitae (Europass-CV)

Si tratta della versione perfezionata del CV europeo creato dalla Commissione nel 2002. Il modello CV Europass, elemento centrale del portafoglio, è stato concepito per evidenziare le competenze dei cittadini.

L’Europass – Mobilità

Utilizzando un modello europeo comune, l’Europass – Mobilità si prefigge di registrare tutti i periodi di mobilità transnazionale per fini di apprendistato a qualunque livello: tirocinio presso un’impresa, semestre di studi presso un’università ovvero ogni altra esperienza di formazione. Esso sostituisce, con un campo d’applicazione molto più vasto, l’Europass-Formazione.

L’Europass – Supplemento al diploma

Il supplemento al diploma contiene informazioni sul percorso del suo titolare nell’insegnamento superiore. Esso descrive la natura, il livello, il contesto, il contenuto e lo status degli studi svolti con successo da parte del cittadino. Tuttavia, esso non sostituisce il diploma originale. Messo a punto congiuntamente con il Consiglio d'Europa e con l'UNESCO, esso viene compilato dall’organismo che lo rilascia contemporaneamente al diploma.

Il supplemento al diploma è composto da otto parti che forniscono informazioni sul titolare del diploma, sul diploma, sul livello di qualifica, sul contenuto e sui risultati ottenuti, sulla funzione della qualifica, sulla certificazione del supplemento e sul sistema nazionale di insegnamento superiore.

L’Europass – Supplemento al certificato

Il supplemento al certificato chiarisce le qualifiche professionali di ogni persona che possiede il certificato d’insegnamento o di formazione professionale al quale il supplemento si riferisce. A tal fine, esso fornisce fra l’altro informazioni sulle competenze acquisite, sulle attività professionali accessibili, sugli organismi certificanti, sul livello del certificato, nonché sul livello di accesso richiesto e sulle possibilità di accesso a livello dell'insegnamento successivo. Esso non sostituisce il certificato originale, né costituisce un sistema automatico di riconoscimento. Tale supplemento viene compilato dalle autorità nazionali competenti.

L’Europass – Portafoglio delle lingue

Il portafoglio delle lingue consente ai cittadini di presentare le competenze linguistiche e culturali da essi acquisite. Esso contiene l'Europass Passaporto delle lingue, il quale sottolinea le attitudini linguistiche del titolare secondo criteri comuni riconosciuti in tutta l’Europa, le sue esperienze in ogni lingua e prevede un fascicolo contenente lavori personali che consentano di presentare le conoscenze linguistiche conseguite.

L’iniziativa Europass è sostenuta tramite un portale Internet gestito a livello comunitario. Tale sito consente ai cittadini di compilare il proprio CV Europass e il proprio Passaporto delle lingue, nonché di informarsi sugli altri documenti Europass.

Un cofinanziamento è previsto per la creazione di una rete di centri nazionali Europass (CNE) incaricati dell’attuazione a livello nazionale, segnatamente dei compiti di coordinamento e di promozione.

La Commissione dovrebbe presentare una relazione di valutazione al Parlamento europeo sull’attuazione della presente direttiva ogni quattro anni dal 1° gennaio 2008.

Per le descrizioni dei modelli comuni dei documenti Europass si può consultare l’allegato della presente decisione.

La decisione sottolinea l’importanza di garantire la coesione e la complementarità con gli altri strumenti che incoraggiano la mobilità a livello europeo e internazionale, segnatamente:

  • la rete europea per l’occupazione (EURES);
  • la rete europea di centri nazionali di informazione sul riconoscimento e sulla mobilità universitaria (ENIC-NARIC) creata dal Consiglio d’Europa e dall’Unesco.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreData limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale
Decisione (CE) n. 2241/2004

1.1.2005

-

GU L 390 del 21.12.2004

ATTI COLLEGATI

Relazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio, del 4 luglio 2008, sulla prima valutazione dell'iniziativa Europass [COM(2008) 427 def. – Non pubblicata sulla Gazzetta ufficiale].
La relazione espone le principali conclusioni e raccomandazioni della prima valutazione esterna dell'iniziativa Europass nonché le conclusioni della Commissione e il seguito che essa intende dare alle medesime. La valutazione considera l'iniziativa un efficace strumento di mobilità che fornisce ai cittadini un mezzo adeguato per attestare le proprie qualifiche e competenze in modo chiaro, sia in contesti di apprendimento sia sul mercato del lavoro. La rete di CNE e il portale Internet, apprezzati dalle parti interessate e dagli utilizzatori, sono considerati strumenti di attuazione con un buon rapporto costi-benefici. Ciononostante, la valutazione evidenzia che l'iniziativa poteva essere maggiormente sfruttata. Nell'ottica di aumentare la rilevanza e l'efficacia dell'iniziativa, la valutazione formula le raccomandazioni seguenti:

  • accordare maggiore attenzione alla mobilità occupazionale attraverso strumenti di attuazione migliorati;
  • utilizzare indicatori specifici per migliorare le relazioni di attività dei CNE;
  • intensificare la promozione dell'iniziativa fra gli studenti e i datori di lavoro;
  • sviluppare ulteriormente il CV, in particolare il modello e gli strumenti di orientamento;
  • inserire adeguatamente in un quadro integrato il supplemento al diploma e il supplemento al certificato;
  • rafforzare la cooperazione con i servizi che si occupano di orientamento e di occupazione per accrescere l'impatto dell'iniziativa sulle persone con scarse qualifiche e sui disoccupati.


Per dar seguito alla valutazione la Commissione intende:

  • collaborare maggiormente con le istituzioni competenti per promuovere l'iniziativa fra le persone con scarse qualifiche e i disoccupati;
  • fornire una versione sviluppata del CV Europass e un servizio adeguato di valutazione autonoma;
  • promuovere ulteriormente l'uso di Mobilità Europass nelle azioni di mobilità a livello nazionale e regionale;
  • inserire il rilascio di Mobilità Europass nel programma di apprendimento permanente;
  • garantire un maggiore coordinamento della gestione del supplemento Europass al diploma e del supplemento Europass al certificato;
  • sviluppare ulteriormente il diploma Europass affinché siano presi maggiormente in considerazione i risultati dell'apprendimento dei detentori;
  • collegare l'iniziativa Europass all'attuazione del Quadro europeo delle qualifiche (EQF).
Ultima modifica: 05.08.2008
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina