RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 11 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Protezione dei consumatori

INTRODUZIONE

L'Atto unico europeo e lo sviluppo del concetto di Europa dei cittadini hanno consentito di inserire la priorità che il trattato di Roma assegna alla libertà di circolazione in un quadro che garantisce anche dell'ambiente, della salute o della protezione dei consumatori.

Successivamente un grande passo in avanti è stato compiuto grazie al trattato sull'Unione europea, il quale ha introdotto nel trattato CE un articolo specifico dedicato ai consumatori (l'ex articolo 129 A, ora articolo 153). Più di recente, la cosiddetta crisi della "mucca pazza" ha fatto emergere l'esigenza di tutelare maggiormente i consumatori nell'Unione europea e di migliorare la loro informazione.

Il trattato di Amsterdam va incontro a queste attese ed accresce la propria efficacia grazie alla modifica dell'articolo 153 (ex articolo 129) del trattato CE. Le disposizioni riguardanti i consumatori sono state migliorate specificando meglio gli obiettivi della Comunità e ricollegandoli in modo più organico alle altre politiche.

CRONISTORIA

Originariamente, il trattato di Roma non conteneva basi giuridiche specifiche per la protezione dei consumatori. Tuttavia, già ben prima del riconoscimento formale sancito dall'ex articolo 129 A, la Comunità non aveva tralasciato questo settore: ad esempio si possono menzionare la direttiva del 1979 relativa alla protezione dei consumatori in materia di indicazione dei prezzi delle derrate alimentari, basata sull'ex articolo 235 del trattato CE (ora articolo 308) e la direttiva del 1984 relativa alla pubblicità ingannevole e quella del 1985 sulla protezione dei consumatori in caso di contratti negoziati fuori dai locali commerciali, fondate sull'ex articolo 100 (ora articolo 94) dello stesso trattato.

A partire dall'Atto unico europeo e dall'inserimento dell'articolo 100 A nel trattato CE (ora divenuto articolo 95) le proposte della Commissione relative al ravvicinamento delle legislazioni che hanno per oggetto il mercato interno devono basarsi su un livello elevato di protezione dei consumatori. Questo articolo è il fondamento di tutta una serie di provvedimenti legislativi: dalle direttive relative a viaggi, vacanze e circuiti tutto compreso (1990) e fino alle clausole vessatorie nei contratti stipulati con i consumatori (1993). A questa abbondante produzione legislativa ha fatto seguito, con la Conferenza intergovernativa che ha portato al trattato sull'Unione europea, l'inserimento nel trattato CE di un titolo specifico dedicato alla protezione dei consumatori.

Da quel momento gli sforzi della Comunità per realizzare un elevato livello di protezione dei consumatori hanno subito un'accelerazione. Attraverso azioni specifiche, la Comunità si adopera per assicurare la protezione della salute e degli interessi economici dei consumatori. Nel 1998 ad esempio è stata emanata una direttiva in materia d'indicazione dei prezzi dei prodotti offerti ai consumatori (la prima direttiva basata sull'ex articolo 129 A, ora articolo 153), nel 1997 una direttiva con cui si è voluto modificare quella sulla pubblicità ingannevole (del 1984) allo scopo di disciplinare anche la pubblicità comparativa e, infine, una direttiva del 1997 relativa alla protezione dei consumatori in materia di contratti a distanza (queste due ultime direttive sono fondate sull'ex articolo 100 A, ora articolo 95).

IL NUOVO ARTICOLO 153 DEL TRATTATO CHE ISTITUISCE LA COMUNITÀ EUROPEA

La Comunità ha oggi più ampia possibilità di adottare misure preventive ai fini della protezione dei consumatori.

Il nuovo articolo 153 (ex articolo 129 A) fissa l'obiettivo di garantire un livello elevato di protezione dei consumatori e non più solo quello di contribuirvi. Il nuovo articolo pone l'accento sulla promozione del diritto dei consumatori all'informazione, all'educazione e all'organizzazione per la salvaguardia dei propri interessi.

Vedi anche

Per saperne di più:

Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina