RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Regolamento interno del Comitato delle regioni

Il Comitato delle regioni è un organo consultivo dell'Unione europea (UE), istituito dal trattato di Maastricht. Si compone di 350 membri e di un ugual numero di supplenti il cui mandato è di 5 anni. Nel corso del processo decisionale europeo, il Comitato deve essere consultato in relazione ai seguenti ambiti: coesione economica e sociale, reti d'infrastruttura transeuropee, sanità, istruzione e cultura, politica occupazionale, politica sociale, ambiente, energia, formazione professionale e trasporti.

SINTESI

Il regolamento definisce il funzionamento e l'organizzazione del Comitato delle regioni. L'articolo 264 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (UE) conferisce al Comitato un potere di auto-regolamentazione. La presente edizione del regolamento interno è entrata in vigore il 10 gennaio 2010.

Composizione

Il Comitato si compone dei rappresenti delle collettività regionali e locali. Membri e supplenti devono essere titolari di un mandato elettorale o essere politicamente responsabili dinanzi a un'assemblea eletta, conformemente all'articolo 300 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (UE) 3. I membri vengono nominati su proposta dello Stato membro di appartenenza, ma è il Consiglio ad approvare la lista dei membri e dei supplenti a maggioranza qualificata. Questi ultimi non devono essere vincolati da alcun mandato imperativo ed esercitano le proprie funzioni in piena indipendenza, nell'interesse generale dell’UE. Il loro mandato è di cinque anni.

La funzione dei supplenti è quella di rappresentare i membri in caso di impedimento di questi ultimi.

I membri e i supplenti di uno stesso Stato membro costituiscono una delegazione nazionale. Ciascuna delegazione fa capo a un presidente, eletto tra i suoi membri.

I membri e i supplenti del Comitato delle regioni possono costituire dei gruppi in funzione delle loro affinità politiche. Ciascun gruppo deve essere costituito da almeno 18 membri in rappresentanza di almeno un quinto degli Stati membri. Almeno la metà dei membri del gruppo devono inoltre essere titolari.

Ciascun gruppo politico dispone di una segreteria il cui personale è costituito da agenti del segretariato generale. I gruppi si riuniscono di norma in occasione delle sessioni plenarie. I gruppi possono inoltre riunirsi in riunione straordinaria due volte l'anno.

È altresì prevista la costituzione di gruppi interregionali quale, ad esempio, il gruppo "spazio alpino".

L'assemblea plenaria

Il Comitato si riunisce in assemblea plenaria, le cui principali attribuzioni sono:

  • adozione di pareri, relazioni e risoluzioni;
  • adozione del progetto di stato di previsione delle spese e delle entrate del Comitato;
  • adozione del programma politico del Comitato all'inizio di ogni mandato;
  • elezione del presidente, del primo vicepresidente e degli altri membri dell'ufficio di presidenza;
  • costituzione delle commissioni;
  • adozione e revisione del regolamento interno del Comitato;
  • la decisione di esercitare un ricorso dinnanzi alla Corte di giustizia dell’UE.

Il presidente del Comitato convoca l'assemblea plenaria almeno una volta al trimestre. Nel caso in cui almeno un quarto dei membri lo richiedano per iscritto, il presidente è tenuto a convocare una sessione plenaria straordinaria. Nella richiesta scritta deve essere indicato il tema da trattare e all' ordine del giorno non possono figurare altri temi.

Almeno quattro settimane prima dell'inizio della sessione plenaria, il presidente trasmette ai membri e ai supplenti il progetto di ordine del giorno, basato su un progetto preliminare elaborato dall'ufficio di presidenza. L'ufficio di presidenza, che si riunisce prima dell'apertura della sessione plenaria, stabilisce il progetto di ordine del giorno definitivo.

Le sessioni dell'assemblea plenaria sono aperte al pubblico, a meno che l'assemblea plenaria non disponga diversamente. Alle sessioni plenarie possono assistere rappresentanti del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione; il presidente inoltre può invitare personalità esterne. L'ufficio di presidenza può proporre all'assemblea plenaria di tenere un dibattito generale su questioni politiche d'attualità di rilevanza regionale e locale, il cosiddetto "dibattito di attualità".

Il numero legale è raggiunto quando la maggioranza dei membri è presente. 14. L'assemblea plenaria si pronuncia a maggioranza dei voti espressi, salvo disposizioni contrarie del regolamento interno. Ufficio di presidenza

L'ufficio di presidenza riflette la composizione globale del Comitato. L'ufficio di presidenza è composto dal presidente, dal primo vicepresidente, di un vicepresidente per ogni Stato membro, da ventisette membri e dai presidenti dei gruppi politici. Viene eletto dall'assemblea plenaria e rimane in carica per la durata di due anni e mezzo. Ad esclusione del presidente, il primo vicepresidente e i presidenti dei quattro gruppi politici, i seggi vengono ripartiti come segue:

  • tre seggi: Germania, Regno Unito, Francia, Italia, Spagna, Polonia;
  • due seggi: Paesi Bassi, Grecia, Repubblica ceca, Belgio, Ungheria, Portogallo, Svezia, Austria, Slovacchia, Danimarca, Finlandia, Irlanda, Lituania, Bulgaria, Romania;
  • un seggio: Lettonia, Slovenia, Estonia, Cipro, Lussemburgo, Malta.

L'ufficio di presidenza svolge tra gli altri, i seguenti compiti:

  • definisce un progetto di programma politico all'inizio di ciascun mandato e ne controlla l'applicazione;
  • prepara, organizza e coordina i lavori dell'assemblea plenaria e delle commissioni;
  • è responsabile di tutte le questioni finanziarie, organizzative e amministrative;
  • assume il segretario generale nonché alcune categorie di funzionari e di altri agenti;
  • presenta all'assemblea plenaria il progetto dello stato di previsione delle spese e delle entrate;
  • può, eventualmente, istituire gruppi di lavoro su questioni specifiche;
  • quando l’assemblea plenaria non è in grado di deliberare entro i termini, l’ufficio può esercitare un ricorso dinnanzi alla Corte di giustizia dell’UE a nome del Comitato; l’assemblea plenaria decide, nel corso della sessione successiva, il mantenimento o no del ricorso in questione.

Presidente

Il presidente rappresenta il Comitato e ne dirige i lavori. È assistito da un primo vicepresidente e da un vicepresidente per ciascuno Stato membro.

Commissioni

All'inizio di ogni mandato, l'assemblea plenaria costituisce delle commissioni incaricate di preparare i suoi lavori. Le commissioni elaborano progetti di parere, di rapporto e di risoluzione e li sottopongono all'assemblea plenaria. Attualmente se ne contano sei:

  • COTER: commissione per la politica di coesione territoriale;
  • ECOS: commissione per la politica economica e sociale;
  • DEVE: commissione per lo sviluppo sostenibile;
  • EDUC: commissione per la cultura e l'educazione;
  • CONST: commissione per gli affari costituzionali e la governance europea;
  • RELEX: commissioni per le relazioni esterne.

La composizione delle commissioni deve riflettere la composizione del Comitato. Ogni membro del Comitato deve fare parte di almeno una commissione ed al massimo di due. L'ufficio di presidenza può prevedere deroghe per i membri che appartengono alle delegazioni nazionali, in cui il numero di membri è inferiore al numero delle commissioni.

Le riunioni delle commissioni sono aperte al pubblico, a meno che una commissione non disponga diversamente. Rappresentanti del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione possono assistere alle deliberazioni delle commissioni e rispondere alle domande dei loro membri. In casi particolari, è possibile organizzare audizioni pubbliche o riunioni con esperti per chiarire uno o più punti dell'ordine del giorno.

Documenti elaborati dal Comitato delle regioni

I pareri, le relazioni e le risoluzioni del Comitato delle regioni vengono pubblicati nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il Comitato adotta pareri, a norma dell'articolo 307 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (UE):

  • su consultazione della Commissione, del Consiglio o del Parlamento nei casi previsti dai trattati europei o in altri casi qualora una delle istituzioni lo ritenga opportuno
  • di propria iniziativa;
  • qualora venga consultato il Comitato economico e sociale e il Comitato delle regioni ritenga che sono in gioco alcuni interessi regionali specifici.

I pareri esprimono l'opinione del Comitato e comportano raccomandazioni o proposte concrete di modifica. Ogni parere è corredato da una relazione in un documento a parte.

Le relazioni propongono analisi e raccomandazioni su questioni di competenza del Comitato.

Le risoluzioni trattano temi d’attualità connessi alla sfera di attività dell'Unione europea, vertono su questioni di rilevante interesse per le collettività regionali e locali.

Segretariato generale

Il Comitato è assistito da una segreteria generale, sotto la direzione del segretario generale. La segreteria deve assicurare il funzionamento del Comitato, assistere i membri nell'esercizio del loro mandato e redigere i processi verbali degli organi del Comitato. Il segretario generale garantisce l'esecuzione delle decisioni prese dall'ufficio di presidenza o dal presidente. Egli partecipa, in qualità di consulente, alle riunioni dell'ufficio di presidenza ed è eletto da quest'ultimo a maggioranza dei due terzi dei membri. Rimane in carica per cinque anni.

ACCESSO AI DOCUMENTI

Qualsiasi cittadino dell'Unione europea e qualsiasi persona fisica o giuridica residente o avente la sede sociale in uno degli Stati membri ha il diritto di accedere ai documenti del Comitato a norma del trattato e del regolamento (CE) n. 1049/2001, e conformemente alle modalità stabilite dal proprio ufficio di presidenza.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreData limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale
Regolamento interno del Comitato delle regioni

10.1.2010

-

GU L 6 del 9.1.2010

Il presente documento di sintesi, diffuso a titolo informativo, non è inteso a interpretare né sostituire il documento di riferimento, che costituisce l'unica base giuridica vincolante.

Ultima modifica: 04.01.2010
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina