RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Regolamento interno del Consiglio europeo

Il regolamento interno del Consiglio europeo definisce com’è organizzata e come funziona questa istituzione, fissa la sua struttura interna e definisce il ruolo del presidente e del segretariato generale. Il regolamento interno fissa inoltre le regole per l’organizzazione e la preparazione delle riunioni, le votazioni e la pubblicità dei lavori di quest’istituzione.

ATTO

Decisione del Consiglio europeo 2009/882/UE, del 1° dicembre 2009, relativa all’adozione del suo regolamento interno.

SINTESI

Il Consiglio europeo è composto dai capi di Stato e di governo degli Stati membri dell’Unione europea (UE), dal suo presidente e dal presidente della Commissione europea. Anche l’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza partecipa ai suoi lavori.

La funzione del Consiglio europeo è dare slancio alla politica dell’UE. Il Consiglio definisce le priorità della costruzione europea e indica la direzione che le politiche europee devono prendere.

La preparazione delle riunioni del Consiglio europeo

Il presidente del Consiglio europeo deve elaborare un progetto di ordine del giorno nonché orientamenti e progetti di decisione per il Consiglio europeo. Questi documenti vengono prima trasmessi al Consiglio «Affari generali». Per la loro elaborazione il presidente del Consiglio europeo deve collaborare a stretto contatto con il presidente della Commissione e il membro del Consiglio europeo che rappresenta lo Stato membro che detiene la presidenza del Consiglio.

Questi documenti vengono quindi discussi in seno al Consiglio «Affari generali». Quest’ultimo riceve anche i contributi delle altre formazioni del Consiglio. In occasione di un’ultima sessione nei cinque giorni che precedono la riunione del Consiglio europeo, il Consiglio «Affari generali» redige l’ordine del giorno provvisorio.

Il Consiglio europeo approva l’ordine del giorno definitivo all’inizio della sua riunione.

Svolgimento delle riunioni del Consiglio europeo

Le riunioni si tengono a Bruxelles salvo circostanze eccezionali. Il Consiglio europeo si riunisce due volte a semestre su convocazione del suo presidente. Quest’ultimo può anche convocare una sessione straordinaria in caso di necessità. Quando l’ordine del giorno lo richiede, ciascun membro del Consiglio europeo può essere accompagnato da un ministro, mentre il presidente della Commissione può essere accompagnato da un membro della Commissione.

I membri del Consiglio europeo si pronunciano all’unanimità salvo disposizioni diverse dei trattati. Prima di procedere alla votazione, il presidente del Consiglio europeo deve verificare il quorum, che è pari ad almeno i due terzi dei membri del Consiglio europeo. Il presidente del Consiglio europeo e quello della Commissione non fanno tuttavia parte del quorum e non hanno diritto di voto in sede di Consiglio europeo.

Il presidente del Parlamento europeo può essere invitato per essere ascoltato dal Consiglio europeo. Allo stesso modo, possono essere organizzati incontri con i rappresentanti di paesi terzi, organizzazioni internazionali o altre personalità a margine del Consiglio europeo.

Pubblicità dei lavori del Consiglio europeo, pubblicazione e notifica degli atti

Le riunioni del Consiglio europeo non sono pubbliche. Tuttavia il Consiglio europeo può decidere di rendere pubblici i risultati delle votazioni e, se del caso, le dichiarazioni di voto.

Dopo ogni riunione il segretariato generale del Consiglio europeo deve redigere un verbale in cui siano menzionati:

  • i documenti presentati al Consiglio europeo;
  • le conclusioni approvate;
  • le decisioni prese;
  • le dichiarazioni fatte dal Consiglio europeo e le dichiarazioni di cui un membro del Consiglio europeo ha richiesto la verbalizzazione.

Quando il Consiglio europeo adotta decisioni senza l’indicazione del destinatario tali decisioni vengono pubblicate nella Gazzetta ufficiale dell’UE. Se le decisioni adottate riguardano un preciso destinatario, queste gli devono essere notificate.

Rappresentanza del Consiglio europeo dinanzi al Parlamento europeo

Il presidente presenta una relazione al Parlamento dopo ogni riunione del Consiglio europeo. Inoltre, il rappresentante dello Stato membro che detiene la presidenza del Consiglio illustra al Parlamento le priorità e i risultati raggiunti nel corso del semestre.

Segretariato generale

Il Consiglio europeo e il suo presidente sono assistiti da un segretariato generale, posto sotto l’autorità del segretario generale. Quest’ultimo assiste alle riunioni del Consiglio europeo. In particolare partecipa all’elaborazione dei verbali delle riunioni e deve notificare ai destinatari le decisioni del Consiglio europeo. Il segretario generale è altresì responsabile della gestione del bilancio del Consiglio europeo.

Il presente documento di sintesi, diffuso a titolo informativo, non è inteso a interpretare né sostituire il documento di riferimento, che costituisce l'unica base giuridica vincolante.

Ultima modifica: 09.02.2010
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina