RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Il rinvio pregiudiziale

Il rinvio pregiudiziale è una procedura esercitata dinanzi alla Corte di giustizia dell’Unione europea che consente ad una giurisdizione nazionale di interrogare la Corte di giustizia sull'interpretazione o sulla validità del diritto europeo.

Il rinvio pregiudiziale fa parte delle procedure che possono essere esercitate dinanzi alla Corte di giustizia dell’Unione europea (CGUE). Questa procedura è aperta ai giudici nazionali degli Stati membri, i quali possono adire la Corte per interrogarla sull’interpretazione o sulla validità del diritto europeo nell’ambito di una causa pendente.

A differenza delle altre procedure giurisdizionali, il rinvio pregiudiziale non è un ricorso contro un atto europeo o nazionale, bensì un quesito sull’applicazione del diritto europeo.

Il rinvio pregiudiziale favorisce quindi la cooperazione attiva tra le giurisdizioni nazionali e la Corte di giustizia nonché l'applicazione uniforme del diritto europeo in tutta l'UE.

Natura del rinvio pregiudiziale

Qualsiasi giurisdizione nazionale, investita di una controversia in cui l'applicazione di una norma di diritto europeo solleva dei quesiti (controversia principale), può decidere di rivolgersi alla Corte di giustizia per risolverli. Esistono due tipi di rinvio pregiudiziale:

  • il rinvio per l’interpretazione della norma europea: il giudice nazionale chiede alla Corte di giustizia di formulare un parere sull’interpretazione del diritto europeo per poter applicare la norma correttamente;
  • il rinvio per l’esame di validità della norma europea: il giudice nazionale chiede alla Corte di giustizia di verificare la validità di un atto di diritto europeo.

Il rinvio pregiudiziale costituisce quindi un rinvio "da giudice a giudice". Anche se può essere richiesto da una delle parti della controversia, spetta alla giurisdizione nazionale prendere la decisione di rimettersi alla Corte di giustizia. L'articolo 267 del trattato sul funzionamento dell’UE precisa, al riguardo, che le giurisdizioni nazionali di ultima istanza, le cui decisioni non possono essere oggetto di ricorso, hanno l'obbligo di esercitare un rinvio pregiudiziale se una delle parti lo richiede. Per contro, le giurisdizioni nazionali che non si pronunciano in ultima istanza non hanno l’obbligo di esercitare tale rinvio anche se una delle parti lo richiede. In qualsiasi caso, tutte le giurisdizioni nazionali possono spontaneamente adire la Corte di giustizia se nutrono dubbi su una disposizione europea.

La Corte di giustizia si pronuncia in seguito unicamente sugli elementi costitutivi del rinvio pregiudiziale dei quali è investita. La giurisdizione nazionale domina quindi la controversia principale.

In via di principio, la Corte di giustizia deve rispondere al quesito sollevato. Essa non può rifiutare di rispondere per il fatto che la risposta non sarebbe né pertinente né opportuna riguardo alla controversia principale. Essa può invece opporsi se il quesito non rientra nella sua sfera di competenza.

Portata delle decisioni pregiudiziali

La decisione della Corte di giustizia è passata in giudicato. Essa è inoltre obbligatoria non solo per la giurisdizione nazionale che ha avviato il rinvio pregiudiziale ma anche per tutte le giurisdizioni nazionali degli Stati membri.

Nel quadro del rinvio pregiudiziale per l’esame di validità, se l'atto europeo è dichiarato non valido, lo è anche l'insieme degli atti adottati sulla sua base. Spetta quindi alle istituzioni europee competenti adottare un nuovo atto per porre rimedio alla situazione.

Ultima modifica: 20.02.2013
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina