RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Competenze informatiche (eSkills) per il XXI secolo: promozione della competitività, della crescita e dell'occupazione

Con la presente comunicazione la Commissione europea intende promuovere linee di azione a lungo termine a favore delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC), che rivestono un ruolo fondamentale per la competitività dell'Unione europea (UE) in un contesto di mondializzazione; essenziale è un forte impegno in termini di ricerca e di investimenti.

ATTO

Comunicazione della Commissione al Consiglio, al Parlamento Europeo, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni del 7 settembre 2007 - Competenze informatiche (eSkills) per il XXI secolo: promozione della competitività, della crescita e dell'occupazione [COM(2007) 496 definitivo - non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

Le tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) rivestono un ruolo fondamentale per la produttività, la crescita e l'occupazione. L'UE e i suoi Stati membri devono cogliere rapidamente le occasioni che esse offrono (tenuto conto delle loro continue evoluzioni) per superare i deficit di competenze informatiche e realizzare una vera economia della conoscenza.

La Commissione ha rilevato quanto segue:

  • alle competenze informatiche non viene attribuito un peso politico di primo piano;
  • non esiste una strategia globale in materia di competenze informatiche a livello dell'UE oppure restano differenze fra le normative dei vari paesi;
  • occorre porre rimedio al deficit di immagine e al calo dell'offerta di professionisti altamente qualificati nel campo delle TIC, nonché alla carenza di mano d'opera nel settore che ne consegue;
  • si approfondisce il divario fra l'offerta e la domanda di alcune competenze informatiche, mentre continua a mancare una cultura informatica.

La Commissione insiste inoltre sull'esigenza di definire un programma di azione a lungo termine per le competenze informatiche. L'attuazione di tali misure rientra nella sfera di competenza degli Stati membri, ma esse devono presentare un reale valore aggiunto europeo.

Per sostenere iniziative nel settore, la Commissione propone di definire gli elementi chiave del programma e presentare le linee di azione da realizzare a livello europeo.

Gli elementi chiave del programma sono i seguenti:

  • cooperazione a lungo termine fra le varie parti in causa (autorità pubbliche, settore privato, università, associazioni, ecc.)
  • investimenti nelle risorse umane;
  • promozione di scienze, matematica, competenze informatiche e TIC, e valorizzazione delle professioni nel settore, in particolare fra i giovani, specialmente di sesso femminile;
  • sviluppo dell'alfabetizzazione informatica favorendo in particolare categorie come i disoccupati, gli anziani o le persone con un basso livello di istruzione al fine di favorire occupabilità e l'inclusione mediante le TIC;
  • acquisizione di competenze informatiche lungo tutto l'arco della vita, in particolare mediante l'aggiornamento delle competenze e lo sviluppo dell'eLearning.

Linee d'azione a livello europeo

La Commissione propone cinque linee di azione, con attività che devono essere avviate nel 2007 ed essere completate entro il 2010. Tali linee di azione verranno eseguite tramite programmi europei come il programma di apprendimento permanente il settimo programma quadro di ricerca e innovazione tecnologica (PCRDT), il programma per l'innovazione e la competitività (PIC), nonché i Fondi strutturali destinati al sostegno dell'occupazione e alla coesione regionale.

Gli obiettivi delle linee di azione sono i seguenti:

  • promozione della cooperazione a lungo termine e monitoraggio dei progressi compiuti: la Commissione favorirà un dialogo costante fra tutte le parti in causa (Stati membri, imprese, associazioni, ecc.). La Commissione pubblicherà inoltre una relazione annuale sull'acquisizione delle competenze informatiche;
  • messa a punto di azioni e strumenti di sostegno: si tratta in particolare di sostenere l'elaborazione di un quadro europeo di competenze informatiche, promuovere ulteriormente l'iniziativa Europass, elaborare un manuale europeo sui partenariati realizzati tra vari soggetti, istituire programmi di ammissione rapida e privilegiata nell'UE, riservati agli specialisti delle TIC di paesi terzi, incoraggiare le donne a scegliere carriere nel mondo delle TIC (operazione IT girls (EN) e promuovere l'eTraining (formazione on line) in agricoltura e nelle zone rurali;
  • sensibilizzazione, in particolare promuovendo lo scambio di informazioni e buone pratiche fra gli Stati membri e sostenendo le campagne di sensibilizzazione e informazione a livello europeo e nazionale;
  • promozione dell'occupabilità e dell'inclusione sociale: in collegamento con l'iniziativa sulla eInclusione [EN], la Commissione intende incoraggiare le iniziative e i partenariati fra coloro che forniscono formazione e i destinatari e valutare l'opportunità di finanziamenti pubblici e privati delle iniziative cui sono associati vari soggetti;
  • promozione di un maggiore e migliore uso dell'eLearning: nel 2008 la Commissione pubblicherà una relazione con raccomandazioni per iniziative mirate di eLearning, promuoverà lo sviluppo di corsi di eLearning e di meccanismi di scambio delle risorse per la formazione del personale fino al 2009 e sosterrà l'interconnessione dei centri di formazione e ricerca quale contributo a una migliore comprensione dei futuri bisogni di competenze informatiche.
Ultima modifica: 29.02.2008
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina