RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 11 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


L'apprendimento on line: programma eLearning (2004-2006)

Archivi

Il programma eLearning era inteso a migliorare la qualità e l’accessibilità dei sistemi europei d’istruzione e formazione mediante un uso efficace delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

ATTO

Decisione n. 2318/2003/CE del Parlamento europeo e del Consiglio
del 5 dicembre 2003 recante adozione di un programma pluriennale (2004-2006) per l'effettiva integrazione delle tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni (TIC) nei sistemi di istruzione e formazione in Europa (programma eLearning).

SINTESI

Obiettivi

L'obiettivo generale del programma era quello di incoraggiare l'uso efficace delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) nei sistemi europei di istruzione e formazione. Si trattava di favorire un'istruzione di qualità nonché di adeguare i sistemi educativi e formativi alle esigenze della società della conoscenza e del modello europeo di coesione sociale.

Gli obiettivi specifici del programma erano:

  • identificare e promuovere i mezzi per utilizzare l'apprendimento on line allo scopo di rafforzare la coesione sociale e lo sviluppo personale, incoraggiare il dialogo interculturale e lottare contro il cosiddetto "divario digitale;
  • promuovere e sviluppare l’utilizzo dell’apprendimento on line per attuare il paradigma dell’istruzione e della formazione permanente in Europa;
  • sfruttare il potenziale apprendimento on line allo scopo di rafforzare la dimensione europea dell’istruzione;
  • favorire una cooperazione più strutturata nel settore apprendimento on line tra i vari programmi e strumenti comunitari e le azioni degli Stati membri;
  • prevedere meccanismi intesi a migliorare la qualità dei prodotti e dei servizi nonché ad assicurare la loro efficace divulgazione e lo scambio delle buone pratiche.

Azioni

Le azioni condotte nell'ambito del programma eLearning riguardavano:

  • la promozione dell’alfabetizzazione digitale. Le azioni in questo settore riguardavano il contributo delle TIC alla formazione, in particolare di coloro che, a causa dell’ubicazione geografica, della situazione sociale o di esigenze particolari, non avevano accesso alle forme di istruzione e formazione tradizionali. Lo scopo di tali azioni consisteva nell’individuare i buoni esempi e sviluppare sinergie tra i numerosi progetti nazionali ed europei destinati ai gruppi mirati di cui sopra. Il settore ha beneficiato degli studi e delle raccomandazioni fornite da un gruppo di eminenti esperti;
  • la creazione di campus virtuali europei. Le azioni in questo settore erano volte ad una migliore integrazione della dimensione virtuale nell’istruzione superiore. L'obiettivo era incoraggiare l’elaborazione di nuovi modelli organizzativi per le università virtuali europee (campus virtuali) e programmi di scambio e condivisione di risorse (mobilità virtuale) basati sui sistemi europei di cooperazione esistenti (programma Erasmus, processo di Bologna) nonché sull’integrazione della dimensione e-learning nei rispettivi strumenti operativi (sistema europeo di trasferimento di crediti accademici – ECTS, master europeo, garanzia di qualità, mobilità);
  • lo sviluppo di gemellaggi elettronici tra istituti scolastico primari e secondari e la promozione delle formazioni destinate ai docenti (e-Twinning). L’azione avviata il 14 gennaio 2005 era intesa a potenziare e sviluppare il collegamento delle scuole in rete, in particolare attraverso un programma europeo di gemellaggi tra scuole che consentiva a tutti gli istituti europei di stabilire partenariati pedagogici con scuole di altri paesi europei, promuovendo l’apprendimento delle lingue ed il dialogo interculturale e divulgando il modello di società europea multilingue e multiculturale;
  • l’attuazione di azioni trasversali e del monitoraggio dell’apprendimento on line. Le azioni realizzate in questo settore erano dirette alla promozione dell’apprendimento on line in Europa e si inserivano nel prosieguo del monitoraggio del piano d’azione eLearning. Lo scopo era divulgare, valorizzare ed adottare le buone pratiche nonché i risultati dei numerosi progetti e programmi finanziati a livello europeo o dagli Stati membri e potenziare la cooperazione tra i diversi soggetti interessati, stimolando in particolare la creazione di partenariati pubblico-privato.

L’attuazione del programma comportava anche azioni dirette alla divulgazione dei risultati programma comporterà anche azioni dirette alla divulgazione dei risultati (pubblicazione di informazioni su Internet, presentazione di progetti, manifestazioni ecc.).

Paesi partecipanti

La partecipazione al programma era aperta ai 25 Stati membri della Comunità, ai paesi SEE-EFTA ed ai paesi candidati all'adesione all'Unione europea (UE).

Attuazione del programma

La Commissione ha assicurato l’attuazione del programma. Ha garantito la creazione di sinergie con altri programmi ed azioni comunitari agevolando la cooperazione con le organizzazioni internazionali. Con la collaborazione di un comitato composto di rappresentanti degli Stati membri, la Commissione ha definito il piano di lavoro annuale, il bilancio annuale e tutte le altre misure necessarie all’attuazione del programma.

Gli Stati membri erano invitati a cercare corrispondenti appropriati incaricati di operare in stretta collaborazione con la Commissione per quanto riguardava le informazioni utili per l’utilizzo dell’e-learning.

Bilancio

La dotazione finanziaria per il periodo compreso tra il 1° gennaio 2004 ed il 31 dicembre 2006 era pari a 44 milioni di euro. Il bilancio era così suddiviso:

  • il 10 % per l'apprendimento on line al fine di promuovere per promuovere l’alfabetizzazione digitale;
  • il 30 % ai campus virtuali europei;
  • circa il 45 % per il gemellaggio elettronico delle scuole in Europa e promozione della formazione dei docenti;
  • un tetto del 7,5 % per azioni trasversali e controllo del piano d'azione eLearning;
  • un tetto del 7,5 % per l'assistenza tecnica e amministrativa.

I finanziamenti erano concessi in seguito a gare d’appalto ed inviti a presentare proposte.

Controllo e valutazione

In collaborazione con gli Stati membri, la Commissione ha assicurato un regolare controllo del programma. Una volta completato, il programma eLearning è stato sottoposto ad una valutazione esterna, al fine di valutare l’impatto generale del programma nonché la pertinenza e l'efficacia delle diverse azioni.

Contesto

In occasione del Consiglio europeo di Lisbona, svoltosi il 23 e 24 marzo 2000, i capi di Stato e di governo hanno assegnato all’Unione europea l’obiettivo di «diventare l’economia della conoscenza più competitiva e dinamica del mondo entro il 2010». Da allora l'Europa ha già compiuto notevoli progressi nell’applicazione delle TIC ma occorre fare ancora molto per svilupparne l’utilizzazione a fini pedagogici. Il programma eLearning puntava a colmare queste lacune intensificando gli impegni già intrapresi.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigore – Data di scadenzaTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale
Decisione n° 2318/2003/CE

20.01.2004 – 31.12.2006

-

GU L 345 del 31.12.2003

ATTI COLLEGATI

Relazione della Commissione europea al Consiglio, al Parlamento Europeo, al Comitato economico e sociale europeo E AL Comitato delle regioni – Relazione finale sull'attuazione e l'impatto della seconda fase (2000-2006) dei programmi d'azione comunitari in materia d'istruzione (Socrates) e di formazione professionale (Leonardo da Vinci) e del programma pluriennale (2004-2006) per l'integrazione efficace delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) nei sistemi d'istruzione e di formazione in Europa (eLearning) [COM(2009) 159 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
Il programma eLearning, insieme al programma Socrates e al programma Leonardo da Vinci, sono stati inseriti nel nuovo programma di apprendimento permanente 2007-2013. Pertanto la valutazione finale del programma per il periodo 2004-2006 è stata redatta congiuntamente con gli altri due programmi. La presente relazione si basa su una valutazione esterna comprendente un'analisi delle relazioni nazionali dei paesi che vi partecipano.
L'impatto positivo del programma eLearning si è evidenziato attraverso:

  • risultati nel breve termine;
  • la cooperazione transnazionale tra istituti;
  • la qualità dell'insegnamento, dell'apprendimento e dei programmi;
  • lo sviluppo della cultura digitale.

In generale il programma ha avuto effetti significativi sull'istruzione e sulla formazione, contribuendo alla creazione di uno spazio europeo dell'istruzione. Tali effetti sono sia qualitativi che quantitativi, osservabili a livello delle persone, degli istituti e dell'elaborazione delle politiche. In particolare, il programma eLearning ha fornito un valore aggiunto nell'affrontare le disuguaglianze socioeconomiche e nello stabilire una cultura di cooperazione tra gli istituti europei.
Nel corso della sua durata, il programma ha finanziato le seguenti attività:

  • i progetti di gemellaggio elettronico, che hanno coinvolto 7 813 scuole (23 812 scuole iscritte alla partecipazione);
  • 21 progetti sui campus virtuali;
  • 25 progetti sulla cultura digitale;
  • 16 progetti riguardanti azioni trasversali.

Decisione n. 1720/2006/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 novembre 2006, che istituisce un programma d'azione nel campo dell'apprendimento permanente [Gazzetta ufficiale L 327 del 24.11.2006].
Non vi è stato un rinnovamento del programma eLearning sotto forma di programma settoriale ed i suoi obiettivi sono stati integrati nell'ambito del programma d'azione nel campo dell'apprendimento permanente (2007-2013).
L'obiettivo generale del programma è favorire gli scambi, la cooperazione e la mobilità tra i sistemi di istruzione e di formazione europei, affinché questi diventino un punto di riferimento mondiale in materia di qualità. Lo sviluppo di contenuti, servizi, pedagogie e pratiche innovative basati sulle TIC rientra nelle attività di base del programma.

Ultima modifica: 02.10.2009
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina