RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Aspetti giuridici del commercio elettronico ("direttiva sul commercio elettronico")

La direttiva sul commercio elettronico è intesa a rafforzare la certezza del diritto nel commercio elettronico per migliorare la fiducia degli utenti Internet. A tal fine essa stabilisce un quadro giuridico stabile, assoggettando i servizi della società dell'informazione ai principi del mercato interno (libera circolazione e libertà di stabilimento) e stabilendo alcune misure armonizzate.

ATTO

Direttiva 2000/31/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'8 giugno 2000, relativa a taluni aspetti giuridici del commercio elettronico nel mercato interno ("direttiva sul commercio elettronico").

SINTESI

La direttiva si basa sugli orientamenti contenuti nella comunicazione della Commissione [COM(97) 157 def.] sul commercio elettronico avente come obiettivo l'istituzione di un quadro giuridico coerente a livello europeo per il commercio elettronico. L'approccio seguito mira ad evitare un numero eccessivo di norme, basandosi sulle libertà del mercato interno, tenendo conto delle realtà commerciali e garantendo una tutela efficace degli obiettivi di interesse generale. La direttiva si basa inoltre sulla volontà di eliminare le disparità esistenti nella giurisprudenza degli Stati membri in modo da instaurare una certezza idonea a favorire la fiducia dei consumatori e delle imprese.

Campo d'applicazione

Essa riguarda in particolare i seguenti settori e attività on-line: giornali, banche dati, servizi finanziari, servizi professionali (di avvocati, medici, contabili, agenti immobiliari), servizi ricreativi (ad esempio, video a richiesta), commercializzazione e pubblicità dirette e servizi d'accesso a Internet.

La direttiva si applica unicamente ai fornitori di servizi * che abbiano sede nell'Unione europea. Tuttavia, per non ostacolare il commercio elettronico mondiale, la direttiva presta particolare attenzione ad evitare incompatibilità con l'evoluzione giuridica in atto in altre parti del mondo.

Applicazione della legislazione dello Stato dove è stabilito il prestatore

L'articolo 3 prevede che i prestatori di servizi della società dell'informazione (ad esempio, operatori dei siti Internet) rispettino le disposizioni nazionali vigenti nello Stato membro ove sono stabiliti (regola del paese d'origine o "clausola del mercato interno"). La direttiva definisce il luogo di stabilimento del prestatore come il luogo in cui un operatore esercita effettivamente e a tempo indeterminato un'attività economica mediante un'installazione stabile. Tale norma del paese d'origine costituisce l'elemento fondamentale della direttiva poiché crea la chiarezza e la certezza del diritto necessarie per permettere ai prestatori di servizio di proporre i propri servizi in tutta l'Unione.

Principio dell'assenza di autorizzazione preventiva

La direttiva vieta agli Stati membri di imporre ai servizi della società dell'informazione regimi di autorizzazione speciali che non si applicherebbero a servizi analoghi forniti con altri mezzi. Ad esempio, sarebbe contrario alla direttiva assoggettare l'apertura di un sito web ad un procedimento di autorizzazione. Un sito potrà essere però subordinato ad autorizzazione se l'attività contemplata è un'attività regolamentata (ad esempio, servizi bancari e finanziari on-line)

Trasparenza

Gli Stati membri devono prevedere nella loro legislazione che i prestatori di servizi della società dell'informazione rendano facilmente accessibili in modo diretto e permanente ai loro destinatari * e alle autorità competenti le informazioni di base sulle loro attività: nome, indirizzo, indirizzo di posta elettronica, numero di immatricolazione al registro del commercio, titolo professionale e iscrizione ad associazioni professionali, numero della partita IVA.

Comunicazioni commerciali e spamming

Le comunicazioni commerciali * devono essere chiaramente identificabili e inequivocabili (art. 6) in modo da rafforzare la fiducia del consumatore e garantire pratiche commerciali leali. Inoltre, le comunicazioni commerciali attraverso messaggi elettronici devono essere chiaramente identificate fin dal momento in cui il destinatario le riceve. Inoltre, gli Stati devono adottare i provvedimenti necessari per far sì che i prestatori che inviano per posta elettronica comunicazioni commerciali non sollecitate consultino regolarmente e rispettino i registri negativi ("opt out") * in cui possono iscriversi le persone fisiche che non desiderano ricevere tali comunicazioni commerciali. Tuttavia, la direttiva non vieta agli Stati membri di scegliere il sistema cosiddetto dell'"opt in * " .

Contratti on-line

La direttiva obbliga gli Stati membri a eliminare qualsiasi divieto o restrizione concernente l'utilizzazione dei contratti elettronici. Inoltre, essa garantisce la certezza del diritto imponendo alcuni obblighi d'informazione per la conclusione dei contratti elettronici. Tali disposizioni completano la direttiva del 1999 relativa alle firme elettroniche (castellanodeutschenglishfrançais).

Responsabilità degli intermediari

La questione della responsabilità degli intermediari, in particolare dei fornitori di "hosting", è fra le più delicate. Infatti, si tratta di stabilire in che misura tali intermediari tecnici possono esser ritenuti responsabili dei contenuti illeciti e dannosi pubblicati sulla loro rete o sul loro server.

Per eliminare le incertezze giuridiche esistenti, la direttiva esonera da qualsiasi responsabilità gli intermediari che hanno un ruolo passivo, nella misura in cui provvedono semplicemente al "trasporto" di informazioni provenienti da terzi. Inoltre, essa limita la responsabilità dei prestatori di servizi per altre attività intermediarie come l'archiviazione delle informazioni. In altri termini, i fornitori d'infrastruttura e i fornitori d'accesso non potranno essere ritenuti responsabili delle informazioni trasmesse, purché non diano origine alla trasmissione e non selezionino il destinatario della trasmissione o le informazioni trasmesse.

Tuttavia, la direttiva precisa che gli Stati membri possono stabilire che gli operatori del sito Web siano tenuti ad informare non appena possibile le autorità pubbliche competenti di presunte attività illecite esercitate da utenti Internet. Allo stesso modo, gli Stati membri possono prevedere l'obbligo per i fornitori di "hosting" di comunicare alle autorità competenti le informazioni che permettono di identificare i proprietari delle pagine ospitate.

Applicazione della direttiva

Gli Stati membri e la Commissione incoraggiano l'elaborazione, da parte di associazioni o organizzazioni professionali, di codici di condotta a livello comunitario volti a contribuire all'efficace applicazione della direttiva. Tuttavia, la Commissione garantirà la conformità di questi codici ai principi del diritto comunitario e la loro trasparenza a livello comunitario. Le associazioni dei consumatori devono essere coinvolte nel processo di elaborazione e di applicazione dei codici di condotta (art. 16).

Gli Stati membri provvedono affinché la loro legislazione consenta, in caso di dissenso tra prestatore e destinatario di un servizio della società dell'informazione, l'uso efficace, anche per vie elettroniche adeguate, di strumenti di composizione extragiudiziale delle controversie. Gli Stati membri provvedono affinché gli organi di composizione extragiudiziale delle controversie applichino, nel rispetto del diritto comunitario, principi di indipendenza, di trasparenza, del contraddittorio, di efficacia del procedimento, di legalità della decisione, di libertà per le parti e di rappresentanza (art. 17).

Gli Stati membri provvedono a che le attività dei servizi della società dell'informazione possano essere oggetto di ricorsi giurisdizionali efficaci che consentano di prendere provvedimenti atti a porre fine alle violazioni e a impedire ulteriori danni agli interessi in causa (art. 18).

Gli Stati membri provvedono a che le loro autorità competenti dispongano di adeguati poteri di controllo e di indagine ai fini dell'efficace applicazione della direttiva. Essi provvedono anche a che le rispettive autorità collaborino con le autorità nazionali degli altri Stati membri. A tal fine essi designano un punto di contatto, di cui comunicano gli estremi agli altri Stati membri e alla Commissione (art. 19).

Deroghe

La direttiva prevede tre tipi di deroghe:

  • alcune attività sono escluse dal campo d'applicazione (allegato 1), come le attività notarili o di rappresentanza in giudizio;
  • l'articolo 3 (clausola del "paese d'origine") non si applica ad alcuni settori particolari (ad esempio per i diritti d'autore o le obbligazioni contrattuali riguardanti i contratti conclusi dai consumatori);
  • gli Stati membri possono prendere misure che limitano la libera circolazione dei servizi provenienti da un altro Stato membro (deroghe caso per caso) adottate per motivi specifici (ad esempio inerenti alla tutela dei minori, alla salute o alla protezione del consumatore).
Termini chiave dell'atto
  • servizi della società dell'informazione: qualsiasi servizio prestato normalmente dietro retribuzione, a distanza, per via elettronica e a richiesta individuale di un destinatario di servizi;
  • prestatore: ogni persona fisica o giuridica che presta un servizio della società dell'informazione;
  • prestatore stabilito: prestatore che esercita effettivamente e a tempo indeterminato un'attività economica mediante un'installazione stabile. La presenza o l'uso di mezzi tecnici e di tecnologie per effettuare il servizio non costituiscono uno stabilimento del prestatore;
  • destinatario di servizi: la persona fisica o giuridica che, a scopi professionali e non, utilizza un servizio della società dell'informazione, anche per ricercare o rendere accessibili delle informazioni;
  • comunicazioni commerciali: tutte le forme di comunicazione, salvo casi particolari descritti nella direttiva, destinate, in modo diretto o indiretto, a promuovere beni, servizi o l'immagine di un'impresa, di un'organizzazione o di una persona che esercita un'attività commerciale, industriale, artigianale o che eserciti una professione regolamentata.
  • opt-out: invio non autorizzato di messaggi commerciali a una lista di indirizzi elettronici, costituita da utenti internet che non hanno espressamente acconsentito a ricevere messaggi commerciali, ma che hanno la possibilità di ritirarsi dalla lista. In tale sistema, l'autorizzazione dell'utente Internet è implicita.
  • opt-in: invio autorizzato di messaggi commerciali a una lista di indirizzi elettronici costituita da utenti Internet che hanno espresso preliminarmente il loro consenso per ricevere messaggi pubblicitari. In questo caso, l'accordo dell'utente Internet è esplicito.
  • spamming (o invio massiccio di messaggi elettronici indesiderati): lo spam è un termine appartenente al gergo americano ed è utilizzato per definire l'invio indiscriminato di e-mail (comunicazioni e messaggi). Lo "spamming" consiste nella diffusione generalizzata di uno stesso messaggio a un gran numero di utenti Internet. Si tratta anche di una tecnica di commercializzazione primaria non mirata che utilizza gli indirizzi elettronici per inviare messaggi pubblicitari che inquinano le caselle di posta elettronica degli utenti Internet.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreData limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale
Direttiva 2000/31/CE [adozione: codecisione COD1998/0325]17.07.2000-GU L 178 del 17.07.2000

ATTI CONNESSI

Relazione della Commissione del 21 novembre 2003: prima relazione in merito all'applicazione della direttiva 2000/31/CE del Parlamento europeo e del Consiglio dell'8 giugno 2000 relativa a taluni aspetti giuridici dei servizi della società dell'informazione, in particolare il commercio elettronico, nel mercato interno ("direttiva sul commercio elettronico").

Questa relazione costituisce la prima valutazione del recepimento, dell'applicazione e dell'impatto della direttiva sul commercio elettronico. Essa dimostra che la direttiva ha avuto un effetto positivo sul commercio elettronico in Europa, che è in continuo aumento.

In generale il recepimento della direttiva negli Stati membri è soddisfacente. Gli Stati membri, ad eccezione dei Paesi Bassi, hanno deciso di ricorrere all'adozione di una legge orizzontale sul commercio elettronico, in modo da fornire un quadro nazionale quanto più chiaro possibile. L'attenzione durante la fase di recepimento si è concentrata sulla clausola del mercato interno e sulle disposizioni concernenti la responsabilità dei fornitori intermedi di servizi. Alcuni Stati membri hanno deciso di includere nelle rispettive leggi nazionali alcuni elementi aggiuntivi non contemplati dalla direttiva, tra cui la responsabilità dei fornitori di link e di motori di ricerca, le procedure per la notifica e la rimozione dei contenuti illeciti, le prescrizioni in tema di registrazione dei fornitori di servizi, filtraggio, cifratura e ritenzione dei dati. Inoltre, la relazione sottolinea che la direttiva sembra aver avuto successo nel ridurre i procedimenti giudiziari e quindi l'incertezza del diritto, in particolare per quanto riguarda la responsabilità giuridica degli intermediari Internet. Ciò dimostra che la direttiva è riuscita a fornire un quadro giuridico adeguato per i servizi della società dell'informazione.

Per quanto riguarda il controllo dell'attuazione della direttiva, la Commissione si impegnerà a:

- garantire la corretta applicazione della direttiva;

- incoraggiare la cooperazione amministrativa e lo scambio di informazioni tra gli Stati membri;

- migliorare l'informazione e la sensibilizzazione delle imprese e dei cittadini;

- seguire gli sviluppi politici e individuare i futuri settori di intervento;

- rafforzare la cooperazione internazionale e il dialogo normativo.

Comunicazione della Commissione, del 14 maggio 2003, al Consiglio, al Parlamento europeo e alla Banca centrale europea intitolata: "L'applicazione ai servizi finanziari degli articoli da 3, paragrafo 4, a 3, paragrafo 6, della direttiva sul commercio elettronico" [COM(2003) 259 - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Questa comunicazione intende assicurare che i meccanismi istituiti dagli articoli da 3, paragrafo 4, a 3, paragrafo 6, della direttiva sul commercio elettronico, che permettono agli Stati membri di applicare caso per caso restrizioni basate sull'interesse generale a un servizio della società dell'informazione di un altro Stato membro, abbiano piena e totale applicazione. Pur non costituendo un documento interpretativo, la comunicazione offre un'assistenza agli Stati membri che intendono avvalersi dei suddetti meccanismi. L'analisi si fonda sulla giurisprudenza della Corte di giustizia. La comunicazione non riguarda sistematicamente tutti gli aspetti degli articoli considerati, ma unicamente quelli per i quali la Commissione ha constatato la necessità di fornire chiarimenti e assistenza.

 
Ultima modifica: 05.01.2005
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina