RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Apertura e neutralità della rete Internet in Europa

Nel 2009, la Commissione europea ha promosso una riforma della legislazione sulle telecomunicazioni nell'Unione europea (UE) e ha sottolineato la necessità di monitorare l’impatto degli sviluppi tecnologici e del mercato sulle «libertà della rete». La presente comunicazione risponde quindi al desiderio di conservare una rete conforme con tali libertà, vale a dire «aperta» e «neutrale».

ATTO

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni, del 19 aprile 2011, dal titolo «Apertura e neutralità della rete internet in Europa» [COM(2011) 222 definitivo – Non pubblicato nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

La presente comunicazione mira a promuovere il carattere neutrale e aperto di Internet, in conformità con l’agenda digitale europea. L'obiettivo è preservare il carattere aperto di Internet, consentendo l'offerta di servizi di qualità elevata e innovativi, contribuendo al contempo a garantire il rispetto dei diritti fondamentali, come la libertà di espressione e la libertà imprenditoriale.

Il successo di Internet nel mondo può essere in parte spiegato con il suo carattere aperto e accessibile a tutti, privati e imprese. Tuttavia, il presente documento pone in evidenza la necessità di dispiegare appieno il potenziale della rete Internet.

Questioni di neutralità della rete Internet

Il concetto di neutralità della rete è in parte definito nella direttiva quadro sulle comunicazioni elettroniche come la capacità degli utenti di accedere alle informazioni e di diffonderle nonché di utilizzare le applicazioni e i servizi da loro scelti.

Attualmente, gli ostacoli alla neutralità di Internet sono:

  • il blocco o la limitazione del traffico operati da alcuni operatori di rete, che consistono nel limitare l'accesso ad alcuni servizi Internet (Web Tv, videoconferenze, ecc.) o ad alcuni siti Internet. L’Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche (BEREC) e le autorità nazionali di regolamentazione (ANR) possono ricevere le denunce da parte degli utenti;
  • la congestione del traffico che richiede una gestione ragionevole. Vi sono tre diverse tecniche di gestione del traffico per alleggerire la congestione:
    1. la differenziazione dei pacchetti;
    2. l’instradamento IP (routing);
    3. il filtraggio che distingue il traffico «sicuro» dal traffico «nocivo».
  • la mancanza di trasparenza che impedisce ai consumatori di fare la loro scelta consapevole dei servizi. Le ANR sono tenute a fissare i requisiti minimi di qualità del servizio.

Quadro normativo sulla neutralità della rete Internet

Le disposizioni del quadro normativo si articolano attorno a due elementi principali:

  • i principi di concorrenza: la neutralità di Internet è fortemente correlata alla concorrenza del mercato. È quindi importante che le tariffe al dettaglio di accesso ad Internet non siano regolamentate nell'Unione europea, in modo che i consumatori possano beneficiare di una vasta gamma di servizi a prezzi adattati alle proprie esigenze.
  • il quadro modificato per le telecomunicazioni: questo quadro legislativo è stato modificato nel 2009. Aiuta a preservare il carattere aperto e neutrale di Internet, nel senso che permette ai consumatori di avere informazioni su:
    1. le condizioni che limitano l'accesso e/o l'utilizzo di servizi e applicazioni;
    2. le procedure adottate dal fornitore per misurare e modellare il traffico in modo da evitare la saturazione delle linee di rete.
    Il quadro normativo permette, inoltre, ai consumatori di cambiare operatore mantenendo il proprio numero, entro un giorno lavorativo.

La neutralità della rete Internet dipende inoltre ampiamente dalla protezione dei dati di carattere personale.

Percorsi per preservare la neutralità e l'apertura della rete Internet

La Commissione sta esaminando le soluzioni da attuare per affrontare gli ostacoli causati da:

  • cambiamento dell'operatore;
  • pratiche di blocco;
  • pratiche di limitazione;
  • determinate pratiche commerciali alla base dei blocchi e delle limitazioni;
  • pratiche discriminatorie da parte degli operatori dominanti.

Tuttavia, la Commissione deve garantire che gli accordi non impediscano la libertà di espressione e di informazione e continuare a proteggere la vita privata e familiare, e i dati personali.

Contesto

La presente comunicazione si basa sui risultati di una consultazione sull'apertura e sulla neutralità della rete Internet, che si è svolta tra il 30 giugno e il 30 settembre 2010, cui hanno partecipato gli operatori di rete, i fornitori di contenuti, gli Stati membri, le organizzazioni dei consumatori e della società civile, e gli utenti privati.

La Commissione intende continuare a lavorare con il BEREC per adottare ulteriori disposizioni sulla neutralità della rete Internet.

Ultima modifica: 03.08.2011

Vedi anche

  • Risultati della consultazione sull'apertura e sulla neutralità della rete Internet (EN) - Direzione generale della Società dell'informazione e dei media
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina