RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Dominio di primo livello ".eu"

Il dominio Internet di primo livello ".eu" consente all’Europa di disporre di una propria identità Internet, mira a rafforzare la visibilità dell’Unione europea su Internet, aumentare la scelta di nomi di dominio a disposizione degli utilizzatori e favorire lo sviluppo del commercio elettronico nell’ambito del mercato interno.

ATTO

Regolamento CE n. 733/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 aprile 2002, relativo alla messa in opera del dominio di primo livello .eu.

SINTESI

Il presente regolamento mira a stabilire le condizioni di messa in opera del dominio di primo livello (TLD) ".eu", in particolare a designare un registro e realizzare il quadro di politica generale in cui funzionerà il registro.

La creazione del TLD ".eu" è uno degli obiettivi definiti nel piano di azione eEurope 2002 per accelerare il commercio elettronico e promuovere l'uso di Internet.

Il dominio ".eu" non sostituirà quelli già esistenti nell’Unione europea (UE) (".fr" per la Francia o ".it" per l’Italia, ad esempio), ma li integra e offre agli utilizzatori la possibilità di disporre di una identità Internet paneuropea (in particolare indirizzi di siti web o di posta elettronica).

Obiettivi

La realizzazione di un TLD ".eu" risponde ai seguenti obiettivi:

  • promuovere l'uso delle reti Internet e ampliare la scelta degli utenti offrendo loro possibilità di registrazione complementari rispetto ai domini nazionali di primo livello (ccTLD) esistenti o ai domini generici di primo livello;
  • migliorare l'interoperabilità dei server transeuropei garantendo la disponibilità dei server di nome ".eu" nell’UE;
  • aumentare la visibilità del mercato interno europeo sulla rete mondiale e promuovere l'immagine dell'Unione europea sulle reti di informazione mondiali.

Caratteristiche del registro

La Commissione europea designa il registro, dopo la pubblicazione di un invito a manifestazione di interesse nella Gazzetta ufficiale.

Il registro è un organismo senza scopo di lucro, costituito conformemente alla legislazione di uno Stato membro e stabilito nell’UE.

Obblighi del registro

Il registro ha i seguenti compiti:

  • registrare nel TLD ".eu", a cura di qualsiasi conservatore del registro accreditato, i nomi di dominio richiesti da qualsiasi impresa, organizzazione e persona fisica stabilita o residente nell’UE;
  • adottare la politica di registrazione per il TLD ".eu" in consultazione con la Commissione e altre parti interessate e in linea con le regole di politica pubblica;
  • applicare diritti, direttamente connessi ai costi sostenuti;
  • attuare la politica e la procedura di risoluzione extragiudiziale delle controversie per risolvere prontamente i conflitti tra i titolari di nomi di dominio concernenti i diritti connessi a detti nomi e le controversie inerenti a singole decisioni prese dal registro;
  • adottare ed espletare le procedure per il riconoscimento dei conservatori del dominio ".eu";
  • assicurare l'integrità delle basi di dati dei nomi di dominio.

Quadro d’azione

La Commissione europea adotta le regole di politica pubblica relative alla messa in opera e al funzionamento del TLD ".eu" e i principi di politica pubblica in materia di registrazione. Queste regole comprendono:

  • una politica per la risoluzione extragiudiziale delle controversie;
  • una politica pubblica in materia di registrazione abusiva e a fini di speculazione dei nomi di dominio;
  • una politica relativa all'eventuale revoca dei nomi di dominio;
  • problemi di lingua e di concetti geografici;
  • trattamento dei diritti di proprietà intellettuale e altri diritti.

Mantenimento dei diritti

L’UEconserva tutti i diritti connessi al TLD ".eu", in particolare i diritti di proprietà intellettuale e gli altri diritti relativi alle banche dati del registro.

Relazione di attuazione

La Commissione deve presentare una relazione al Parlamento europeo e al Consiglio sull’attuazione, l’efficacia e il funzionamento del TLD ".eu" un anno dopo l’adozione del regolamento e in seguito ogni due anni.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreData limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale

Regolamento (CE) n. 733/2002

30.4.2002

-

GU L 113, 30.4.2002

Atto/i modificatore/iEntrata in vigoreTermine ultimo di recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale

Regolamento (CE) n. 1137/2008

11.12.2008

-

GU L 311, 21.11.2008

ATTI CONNESSI

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio, del 6 luglio- Relazione sull'attuazione, sul funzionamento e sull'efficacia del dominio di primo livello ".eu" [COM(2007) 385 definitivo].
A due anni dal lancio, il successo del dominio di primo livello (TLD) ".eu" è innegabile. La relazione specifica che i nomi di dominio ".eu" sono utilizzati attivamente e rispondono alle esigenze dei cittadini europei, dell’industria e di altre organizzazioni. Secondo EURid (http://status.eurid.eu/), su Internet sono stati creati oltre 2,8 milioni di domini ".eu". Il TLD ".eu" si colloca così al quarto posto a livello europeo e al nono a livello mondiale, fra i maggiori domini di primo livello (".com", ".net", ".info", "ecc."). La sfida attuale è migliorare ulteriormente il servizio offerto ai clienti adottando, ad esempio, un codice di condotta per gli uffici di registrazione.

Regolamento (CE) n. 874/2004 della Commissione, del 28 aprile 2004, che stabilisce le disposizioni applicabili alla messa in opera e alle funzioni del dominio di primo livello .eu e i principi relativi alla registrazione [Gazzetta ufficiale L 162 del 30.4.2004].
Tale regolamento elenca gli elementi necessari all’attuazione del regolamento (CE) n. 733/2002, tra i quali il contenuto delle richieste di registrazione, le norme relative al riconoscimento dei conservatori del registro, le procedure relative alle lingue e ai nomi geografici riservati, nonché alle registrazioni speculative e abusive dei nomi di dominio.
Esso fissa inoltre una procedura di registrazione per fasi, nonché una procedura di risoluzione extragiudiziale delle controversie.
Le richieste di registrazione devono essere inviate ai conservatori del registro riconosciuti dal registro EURid che la Commissione ha designato come gestore dei nomi di dominio ".eu" (cfr. più sotto). Le registrazioni saranno effettuate in base al principio "primo arrivato, primo servito" (articolo 14).

Ultima modifica: 11.05.2011

Vedi anche

  • Sito web della direzione generale Società dell’informazione: dominio di primo livello «.eu». (EN)
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina