RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 9 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Programma per i diritti dei minori

Il programma presentato dalla Commissione si propone di potenziare la promozione e la tutela dei diritti dei minori attraverso l’attuazione dei principi enunciati nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea (UE) e delle norme internazionali in materia. Prevede una serie di azioni dirette a integrare maggiormente i concetti di benessere e la tutela dei minori nelle politiche dell’Unione.

ATTO

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni del 15 febbraio 2011, dal titolo “Programma dell’Unione europea per i diritti dei minori” [COM(2011) 60 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

Il trattato di Lisbona inserisce la promozione e la tutela dei diritti dei minori tra gli obiettivi dell’Unione europea (UE) che sono peraltro sanciti nella Carta dei diritti fondamentali dell’UE, la quale invita le autorità pubbliche e le istituzioni private a rendere il rispetto dell’interesse superiore del minore un elemento fondamentale per la definizione e l’attuazione delle misure riguardanti i minori. Inoltre, tutti gli Stati membri hanno ratificato la convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo.

Il programma della Commissione per i diritti dei minori si propone di imporre a tutte le politiche dell’UE che hanno ripercussioni sui minori il rispetto dei diritti di questi ultimi. Definisce i principi e gli obiettivi dell’UE in questo campo e presenta undici azioni che saranno avviate dalla Commissioni nei prossimi anni.

Principi generali

Secondo la strategia per l’attuazione della Carta dei diritti fondamentali dell’UE, la Commissione deve assicurare il rispetto dei diritti fondamentali e, di conseguenza, i diritti dei minori, nel corso di tutta la procedura legislazione e dell’attuazione della normativa.

La Commissione si impegna anche a collaborare con le organizzazioni competenti allo scopo di produrre dati ufficiali, affidabili e comparabili, che consentiranno di sviluppare e attuare politiche relative ai diritti dei minori e realmente fondate sui fatti.

Infine, l’esecutivo europeo si impegna a proseguire e potenziare la collaborazione con le parti interessate per favorire lo scambio di buone pratiche con e tra le autorità nazionali incaricate di proteggere e promuovere i diritti dei minori.

Obiettivi

  • Adeguare ai minori la giustizia: i minori possono dover affrontare il sistema giudiziario per varie ragioni: come vittime, testimoni o indagati, richiedenti asilo o coinvolti dal divorzio dei genitori. L’Unione deve provvedere affinché quando entrano in contatto con la giustizia si tenga conto delle loro esigenze specifiche e della loro vulnerabilità;
  • Proteggere i minori più vulnerabili: l’azione dell’UE deve occuparsi prioritariamente delle categorie di minori particolarmente vulnerabili, ad esempio i minori a rischio di povertà e di esclusione sociale, i minori disabili, i minori che richiedono asilo e i minori Rom o scomparsi. Su un piano diverso, anche i minori che utilizzano Internet sono vulnerabili, poiché rischiano di essere esposti a contenuti dannosi o di rimanere vittime di cyberbullismo;
  • Promuovere e tutelare i diritti dei minori nell’azione esterna dell’UE: nelle sue relazioni con i paesi terzi, l’Unione intende dare priorità alla promozione e alla tutela dei diritti dei minori. Innanzitutto contrasterà ogni forma di violenza che riguardi i minori, il lavoro minorile, il coinvolgimento di minori in gruppi armati e il turismo sessuale, attraverso la cooperazione bilaterale e multilaterale, dispositivi commerciali e l’aiuto umanitario;
  • Sensibilizzare i minori: da indagini Eurobarometro si evince che il 76 % dei minori intervistati non sa di avere dei diritti mentre il 79 % non sa a chi rivolgersi in caso di necessità. L’Unione intende informare meglio i minori sui loro diritti, affinché possano partecipare alle decisioni che li riguardano.

Azioni

L’UE propone undici azioni che mirano a promuovere e tutelare i minori, vale a dire:

  • adottare una proposta di direttiva volta a rafforzare la protezione delle vittime vulnerabili, in particolare i minori;
  • presentando una proposta di direttiva che sancisca garanzie specifiche per indagati vulnerabili, in particolare i minori;
  • rivedere la normativa che agevola il riconoscimento e l’esecuzione delle decisioni in materia di responsabilità genitoriale;
  • promuovere le direttive del Consiglio d’Europa sulla giustizia adattata ai bambini, integrandole nell’elaborazione della normativa civile e penale;
  • sostenere attività di formazione per giudici e altri professionisti per favorire una partecipazione ottimali al sistema giudiziario;
  • migliorare la formazione delle autorità che si occupano dei minori non accompagnati originari di paesi non membri dell'UE da un adulto al loro arrivo sul territorio dell’UE;
  • rivolgere una particolare attenzione ai minori nell’ambito del quadro delle misure che gli Stati membri assumono a favore dell’integrazione dei Rom;
  • incoraggiando l’attivazione rapida della linea di assistenza telefonica europea 116 000 per la segnalazione di minori scomparsi e la realizzazione di sistemi di “allerta rapimenti”;
  • adottare misure nel quadro del programma dell'UE “Internet più sicuro” contro il bullismo, il grooming, l’esposizione a contenuti dannosi e altri rischi connessi alla navigazione su Internet da parte dei giovani;
  • attuare gli orientamenti dell’UE per promuovere e tutelare i diritti dell’infanzia nelle sue relazioni con i paesi terzi, nonché i suoi orientamenti sui bambini e i conflitti armati;
  • creare uno sportello unico dedicato ai minori sul sito Internet Europa, per consentire loro di accedere a informazioni sull’Unione e sui loro diritti.

ATTI COLLEGATI

Comunicazione della Commissione del 4 luglio 2006, da titolo “Verso una strategia europea sui diritti dei minori” [COM(2006) 367 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Ultima modifica: 14.06.2011
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina