RSS
Indice alfabetico

Glossario

Clausola di sospensione

La clausola di sospensione è stata introdotta nel trattato sull'Unione europea (articolo 7) dal trattato di Amsterdam.

Tale clausola prevede che in caso di violazione grave e persistente da parte di uno Stato membro dei principi sui quali poggia l'Unione (libertà, democrazia, rispetto dei diritti dell'uomo, delle libertà fondamentali, dello Stato di diritto) tale Stato possa essere sospeso dall'esercizio di determinati diritti (ad esempio il diritto di voto in sede di Consiglio). Restano per contro impregiudicati gli obblighi che incombono allo stesso Stato membro.

Il trattato di Nizza ha completato la procedura con un dispositivo preventivo. Su proposta motivata di un terzo degli Stati membri, del Parlamento europeo o della Commissione, il Consiglio, deliberando alla maggioranza dei quattro quinti dei suoi membri previo parere conforme del Parlamento europeo, può constatare che esiste un evidente rischio di violazione grave dei principi fondamentali da parte di uno Stato membro, e rivolgergli le appropriate raccomandazioni. L’articolo 354 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE) prevede le modalità di voto in seno alle principali istituzioni europee allorquando uno Stato membro vede applicarsi l’articolo 7 del TFUE.

Cfr.:

Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina