RSS
Indice alfabetico

Glossario

Sviluppo rurale

La politica di sviluppo rurale costituisce il secondo pilastro della politica agricola comune (PAC) e s'inserice nella linea degli obiettivi di competitività di Lisbona e di sviluppo sostenibile di Goeteborg. Essa s'impernia su quattro settori fondamentali:

  • la competitività dell'agricoltura, dei prodotti alimentari e della silvicoltura;
  • la gestione dello spazio e dell'ambiente;
  • la qualità della vita e la diversificazione nelle zone rurali;
  • l'iniziativa comunitaria Leader.

Il miglioramento della competitività è assicurato da azioni che hanno come obiettivo il capitale umano e fisico nonché i prodotti alimentari, compresa la produzione di qualità. Vengono introdotte misure di protezione delle risorse naturali e di miglioramento dei sistemi agricoli e dei prodotti della silvicoltura ad alto valore naturale nonchè dei paesaggi culturali. La qualità della vita nelle zone rurali è migliorata dall'incoraggiamento della diversificazione delle attività economiche e dallo sviluppo delle infrastrutture locali. Infine, l'iniziativa Leader si prefigge la diversificazione delle attività economiche dei territori rurali attraverso l'attuazione di strategie innovatrici di sviluppo territoriale, integrate e partecipative.

La politica di sviluppo rurale è integrata in un quadro finanziario e in una programmazione unica. Il Consiglio ha stabilito orientamenti strategici per il periodo 2007-2013 che saranno tradotti nei piani strategici nazionali. Con decorrenza dal 1° gennaio 2007, tutte le azioni saranno finanziate da un unico fondo: il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR).

Si consulti:

Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina