RSS
Indice alfabetico

Glossario

Lotta contro il riciclaggio di denaro

Il riciclaggio di capitali rappresenta il processo attraverso il quale gli autori di attività criminali mascherano l'origine illecita dei beni e dei proventi che ne derivano.

La lotta contro il riciclaggio dei capitali persegue l'obiettivo di una migliore cooperazione fra gli Stati membri, in particolare delle loro autorità doganali. Essa è disciplinata dal trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE) e assume due forme in seno all'Unione:

  • nel quadro del capo IV (capitali e pagamenti), la libera circolazione dei capitali è regolata allo scopo di controllarne il flusso. Queste attività di regolazione riguardano sia gli autori finanziari sia gli istituti di credito ed altre organizzazione finanziarie, soprattutto transfrontaliere. Esse concernono anche l'uso del sistema finanziario ai fini del riciclaggio di denaro;
  • nel quadro del capo V (cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale), la lotta contro il riciclaggio dei capitali s'iscrive soprattutto nel settore della lotta contro la criminalità organizzata e il terrorismo. Si concentra sia sulla definizione delle infrazioni sia sul rafforzamento dell'assistenza reciproca.

Nell’ambito della cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale, la lotta contro il riciclaggio di denaro si basa su programmi d'azione pluriennali. Il precedente programma quinquennale, adottato all'Aja nel 2004, ha fatto seguito al programma di Tampere del 1999. La lotta al riciclaggio di denaro prosegue ora nell’ambito del programma di Stoccolma (2010-2014) adottato nel 2009.

Si consulti:

Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina