RSS
Indice alfabetico

Glossario

Lotta contro il razzismo e la xenofobia

La prima grande iniziativa nell'ambito della lotta contro il razzismo è stata l'adozione - da parte del Consiglio e dei rappresentanti degli Stati membri, nel luglio 1996 - di una risoluzione che proclamava il 1997 "Anno europeo contro il razzismo".

Il trattato di Amsterdam ha fornito il primo fondamento giuridico per combattere le discriminazioni fondate sul sesso, la razza o l'origine etnica, la religione o le convinzioni personali, gli handicap, l'età o le tendenze sessuali, nonché per la lotta contro il razzismo e la xenofobia nell’ambito della cooperazione giudiziaria e della polizia in materia penale.

Nel giugno 2000, il Consiglio ha adottato una direttiva importante che attua il principio della parità di trattamento fra le persone indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica. Nello stesso anno, il Consiglio ha altresì adottato una direttiva sulla parità di trattamento nel settore dell’occupazione e nel 2004 una direttiva sulla parità di trattamento fra donne e uomini al di fuori del mercato del lavoro. Queste, insieme alla proposta adottata nel 2008 per una nuova direttiva sulla parità di trattamento fra le persone indipendentemente dal loro credo, disabilità, età o tendenza sessuale, completano insieme il quadro legale dell’Unione europea nella lotta contro le discriminazioni.

Nel 2000 il Consiglio ha adottato un programma di azione comunitaria di lotta contro la discriminazione (2001-2006) al fine di promuovere azioni volte a prevenire e combattere, in particolare, la discriminazione in base alla razza e all'origine etnica. Il programma è stato sostituito dal programma PROGRESS (2007-2013), il programma comunitario per l’occupazione e la solidarietà.

Parallelamente all'attuazione dell'articolo 13, l'Unione europea ha proseguito il suo impegno per integrare la lotta contro il razzismo e la xenofobia in tutte le sue politiche, nella fattispecie nei settori dell'occupazione, dei fondi strutturali europei, dell'istruzione, della formazione e della gioventù. Inoltre, l'articolo 29 del trattato sull'Unione europea, introdotto dal trattato di Amsterdam, fornisce una base giuridica per la lotta contro il razzismo e la xenofobia nell'ambito della cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale.

Il trattato di Nizza (2003) è stato affiancato al meccanismo di sanzione previsto dal trattato di Amsterdam un meccanismo di prevenzione o allarme, in particolare in caso di violazioni dei diritti dell'uomo quali il razzismo, la xenofobia e l'antisemitismo.

Si consulti:

Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina