RSS
Indice alfabetico

Glossario

Lotta contro la frode

La lotta contro la frode e la corruzione s'iscrive nel quadro generale della lotta contro la criminalità organizzata ma riguarda anche il problema più specifico della lotta contro ogni attività illegale che nuoce agli interessi finanziari dell’Unione. Si basa principalmente su l'articolo 325 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE) relativo alle attività che coinvolgono gli interessi finanziari dell’Unione e che invita il Consiglio e il Parlamento europeo ad approvare le misure secondo la procedura legislativa ordinaria, previa consultazione della Corte dei conti.

Dal giugno 1999, la lotta contro la frode è condotta in seno alla Commissione europea dall'Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF). L'OLAF sostituisce l'Unità di coordinamento della lotta antifrode (UCLAF) istituita nel 1988.

In base ai Capi 4 e 5 del TFUE, relativi alla cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale, è compito di Eurojust e Europol sostenere gli Stati membri nella lotta contro la frode e la corruzione.

Per rafforzare l'azione comunitaria in materia di lotta contro la frode, in occasione della Conferenza intergovernativa di Nizza (febbraio 2000), la Commissione europea aveva proposto di introdurre nei trattati una base giuridica che consentisse di creare un quadro normativo relativo all'azione giudiziaria penale contro le frodi transnazionali e di istituire la figura di un procuratore europeo incaricato del coordinamento delle indagini e della repressione dei reati ai danni degli interessi finanziari dell'Unione. La proposta ha portato all'elaborazione di un libro verde (dicembre 2001) sulla tutela penale degli interessi finanziari comunitari, che suggerisce la creazione di una procura europea. L’articolo 86 del TFUE prevede l’istituzione di una Procura europea a partire da Eurojust.

Si consulti.:

Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina