RSS
Indice alfabetico

Glossario

Comitati e gruppi di lavoro

A tutti gli stadi del processo legislativo intervengono comitati che hanno il compito di assistere le istituzioni comunitarie. Da parte sua, la Commissione, prima di formulare una nuova proposta legislativa, consulta regolarmente dei comitati di esperti composti da rappresentanti degli ambienti interessati, da esperti privati o provenienti dalle pubbliche amministrazioni. Attraverso questi comitati la Commissione resta aperta alle preoccupazioni dei destinatari della nuova normativa. Questi comitati coprono tutti i settori d’intervento dell’Unione europea.

Anche il Consiglio è assistito da comitati e da gruppi di lavoro che ne preparano le decisioni. L'esistenza di alcuni comitati è prevista dagli stessi trattati (ad esempio il comitato per la sicurezza interna, articolo 71 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea). Altri costituiscono dei comitati «ad hoc», come ad esempio il comitato degli affari culturali, che valuta le proposte in materia di cooperazione culturale, prepara i lavori del Consiglio e provvede al monitoraggio delle iniziative in atto. I comitati sono composti dai rappresentanti delle amministrazioni degli Stati membri e da un membro della Commissione. Parallelamente, diversi gruppi di lavoro effettuano lavori preparatori per conto del Coreper. Se alcuni gruppi sono istituiti temporaneamente per trattare un dossier specifico, circa un centinaio di essi è attivo in settori determinati e si riunisce regolarmente.

Una volta adottato un testo legislativo, occorrerà rispettare alcuni principi generali, per la cui applicazione potrebbero essere necessari provvedimenti di esecuzione più precisi. A tal fine il testo legislativo prevede l'istituzione di un comitato in seno alla Commissione al fine di prendere le decisioni più adeguate. Composti di esperti designati dagli Stati membri e presieduti dalla Commissione, questi comitati sono in massima parte gestiti attraverso le regole stabilite dalla decisione del Consiglio, del luglio 2006, cosiddetta «Decisione Comitatologia». I comitati attualmente esistenti operano soprattutto nei settori dell'industria, degli affari sociali, dell'agricoltura, dell'ambiente, del mercato interno, della ricerca e dello sviluppo, della protezione dei consumatori e della sicurezza alimentare.

Si consulti:

Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina