RSS
Indice alfabetico

Glossario

Pari opportunità

Quello delle pari opportunità è un principio di carattere generale le cui principali componenti sono la parità di trattamento tra le persone e la parità tra uomini e donne. Tale principio è applicabile in tutti i campi, segnatamente nella vita professionale, nell’istruzione, nell’accesso alle cure sanitarie, ai beni e ai servizi.

Il riconoscimento del principio di parità fa parte degli obiettivi dell’Unione europea (UE) e il principio di non discriminazione, ad esso strettamente connesso, è stato rafforzato dai trattati di Amsterdam e di Lisbona. La Comunità può così adottare tutte i provvedimenti necessari per combattere qualsiasi forma di discriminazione fondata sul sesso, la razza o l'origine etnica, la religione o il credo, la disabilità, l'età o l'orientamento sessuale. Il comitato consultivo per le pari opportunità la assiste in questo compito.

Adottata nel dicembre 2000 e inserita nel trattato di Lisbona nel 2009, la carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea comprende un capitolo intitolato "Parità" che riprende i principi di non discriminazione, parità tra uomini e donne, diversità culturale, religiosa e linguistica. Il capitolo affronta ugualmente il tema dei diritti dei bambini, degli anziani e dei disabili.

Il quadro giuridico europeo è completato da una serie di misure volte a promuovere la parità, quali l’integrazione della non discriminazione in tutte le politiche comunitarie, l’azione positiva, la sensibilizzazione e la formazione, la promozione dell’inclusione dei rom.

Si consulti:

 

Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina