RSS
Indice alfabetico

Glossario

Comitato delle regioni

Istituito nel 1992, in base al trattato di Maastricht, e instaurato nel 1994, il Comitato delle regioni (CdR) è un organo consultivo che consente alle collettività territoriali di far ascoltare la loro voce nel processo decisionale dell'Unione europea. Esso è composto da 344 rappresentanti delle collettività locali e regionali, nominati per cinque anni dal Consiglio.

Il CdR viene consultato dal Consiglio, dal Parlamento e dalla Commissione nei settori di rilevanza per gli interessi regionali e locali. Dall'entrata in vigore del trattato di Amsterdam, nel maggio del 1999, è previsto che il Comitato delle regioni debba essere consultato in numerosi settori: la coesione economica e sociale, l'occupazione, la politica sociale, le reti transeuropee di trasporto, l'energia e le telecomunicazioni, l'istruzione e la gioventù, la formazione professionale, la cultura, l'ambiente, la sanità pubblica e i trasporti.

Il CdR può del pari rilasciare pareri di propria iniziativa.

El Tratado de Lisboa mejora la situación de las regiones y las ciudades en el sistema político de la Unión Europea y potencia la función institucional de su órgano representativo en Bruselas, el Comité de las Regiones, a lo largo de todo el proceso legislativo. Además de ver ampliados sus requisitos de consulta durante la aprobación de la legislación de la UE, al CDR se le reconoce ahora el derecho de interponer recursos ante el Tribunal de Justicia Europeo en dos casos: para proteger sus propias prerrogativas institucionales y para reclamar la anulación de cualquier nueva legislación de la UE que considere infringe el principio de subsidiariedad en los ámbitos políticos en los que el Tratado de la UE exige que se consulte al CDR.

Si consulti:

 

Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina