RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Unione europea e Nazioni Unite: la scelta del multilateralismo

L'Unione europea deve rafforzare la sua partecipazione al sistema di governance e alle attività dell'organizzazione delle Nazioni Unite (ONU). Infatti la cooperazione nel contesto della comunità internazionale è un presupposto fondamentale per affrontare le sfide globali, come la lotta contro la povertà o i cambiamenti climatici.

ATTO

Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo, del 10 settembre 2003 - "L'Unione europea e le Nazioni Unite: la scelta del multilateralismo" [COM(2003) 526 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

La presente comunicazione esamina i mezzi di cui dispone l’Unione europea (UE) per contribuire al costante miglioramento della governance globale, attraverso il sistema di governance dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) *.

Pertanto l'UE ribadisce il suo sostegno al sistema multilaterale di governance * dell’ONU quale strumento di soluzioni pratiche in tutto il mondo, in particolare per lo sviluppo sostenibile, la lotta contro la povertà, la pace e la sicurezza..

Efficienza della governance multilaterale

L'UE dovrebbe rafforzare il suo contributo per l'adozione e l'attuazione di politiche e strumenti multilaterali. Di fatto la sua influenza può essere determinante per l'attuazione degli impegni globali da parte degli Stati membri e dei paesi terzi che sono i suoi partner.

Inoltre, l'UE deve assumere un ruolo più attivo nel processo di riforma istituzionale delle Nazioni Unite per aumentare l'efficienza del sistema, adattarlo ai cambiamenti nelle relazioni multilaterali e promuovere la politica internazionale di aiuto allo sviluppo.

Parimenti, un migliore coordinamento e cooperazione a livello internazionale deve facilitare la verifica degli impegni e rafforzare la promozione della pace, della sicurezza e dei diritti umani.

Infine, la politica estera europea sostiene il rafforzamento delle capacità dei paesi in via di sviluppo per attuare i loro impegni internazionali. Pertanto l'Unione europea integra, soprattutto nei suoi programmi di politica estera, gli obiettivi di sviluppo sostenibile, di assistenza commerciale, di promozione degli standard di lavoro dignitoso, di lotta contro il terrorismo, il narcotraffico e la criminalità organizzata

Efficienza della collaborazione

La Commissione presenta una serie di orientamenti per un più ampio partenariato tra l'UE e l'ONU, al fine di:

  • intensificare il dialogo politico, aumentando gli incontri ad alto livello e la cooperazione con le agenzie delle Nazioni Unite;
  • rafforzare la rappresentanza dell'UE all'interno delle Nazioni Unite;
  • rafforzare la cooperazione finanziaria e il contributo finanziario dell'UE alle operazioni delle Nazioni Unite;
  • stringere partnership strategiche con agenzie, fondi e programmi delle Nazioni Unite nel campo dell'aiuto allo sviluppo e dell'assistenza umanitaria;
  • condurre un dialogo strategico per il coordinamento delle azioni di aiuto umanitario.

La cooperazione politica e tecnica deve altresì essere approfondita nel settore della pace e della sicurezza, sia per la prevenzione dei conflitti, che per la gestione delle crisi o la gestione di situazioni post-crisi. Il partenariato deve essere esteso sistematicamente alle organizzazioni regionali competenti (come l'Organizzazione per la Sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) e il Consiglio d'Europa).

Promozione dei valori e degli interessi dell'UE

L'UE contribuisce in modo sostanziale all'elaborazione delle politiche adottate in seno all'ONU. Tuttavia, vi è la necessità di migliorare il coordinamento delle posizioni dei suoi Stati membri, la coerenza degli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC) con le posizioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, nonché di aumentare il ruolo delle delegazioni dell'UE presso le Nazioni Unite.

Per aumentare l'influenza dell'Unione europea nel sistema di governance delle Nazioni Unite, la Commissione raccomanda di:

  • coordinare le posizioni degli Stati membri e partecipare il più presto possibile al processo decisionale, in particolare in materia di politica sociale internazionale, di salute, di diritti umani, di cooperazione allo sviluppo e di aiuto umanitario;
  • migliorare il coordinamento e il dialogo dell'UE con i paesi o i gruppi di paesi coinvolti in temi specifici;
  • garantire che le politiche europee siano compatibili con le politiche internazionali e verificare una rappresentanza effettiva europea in relazione ai lavori delle Nazioni Unite sulle questioni che interessano l'Unione europea.
Termini chiave
  • Sistema di governance dell'ONU: concetto definito dalla Commissione in applicazione agli organi principali delle Nazioni Unite (in particolare l'Assemblea Generale, il Consiglio economico e sociale e i loro organi sussidiari, il Consiglio di sicurezza, il Segretariato) e ai programmi, i fondi e le agenzie specializzate delle Nazioni Unite, comprese le istituzioni di Bretton Woods (tra cui la Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale).
  • Governance multilaterale: modalità organizzativa delle relazioni internazionali, che coinvolge più di due Stati.
Ultima modifica: 08.09.2011

Vedi anche

  • Il sito web della delegazione dell'Unione europea alle Nazioni Unite (EN) (ES) (FR)
  • I principali organi dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (EN) (ES) (FR)
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina