RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 20 lingue
Nuove lingue disponibili:  BG - CS - ET - GA - LV - LT - HU - MT - PL - RO - SK - SL

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Cooperazione con gli Stati Uniti per le operazioni di gestione delle crisi

L'Unione europea (UE) e gli Stati Uniti condividono obiettivi comuni in materia di politica estera. In particolare, incoraggiano la risoluzione pacifica dei conflitti e la ricostruzione e la stabilizzazione dei paesi in crisi. L'UE e gli Stati Uniti hanno quindi deciso di unire i loro sforzi per alcune operazioni di gestione di crisi condotte dall'Unione europea nei paesi terzi.

ATTO

Accordo quadro tra gli Stati Uniti d’America e l’Unione europea sulla partecipazione degli Stati Uniti d’America alle operazioni dell’Unione europea di gestione delle crisi.

SINTESI

Il presente accordo quadro si applica a tutte le operazioni di gestione di crisi condotte dall'Unione europea (UE) nei paesi terzi, alle quali gli Stati Uniti hanno deciso di partecipare. L'accordo definisce inoltre le modalità della partecipazione degli Stati Uniti e le relazioni con l'UE durante lo svolgimento delle missioni.

Partecipazione degli Stati Uniti alle operazioni di gestione di crisi condotte dall'Unione europea

Gli Stati Uniti decidono di partecipare alle operazioni condotte dall'UE caso per caso. L'UE adotta quindi una decisione che invita gli Stati Uniti a partecipare a una determinata operazione. Se accettano, gli Stati Uniti si impegnano anche a rispettare i termini della decisione del Consiglio in virtù della quale l'UE ha deciso di condurre l'operazione pertinente.

Successivamente, l'UE e gli Stati Uniti si consultano sul contributo proposto dagli Stati Uniti. Il contributo si traduce con l'invio di personale, unità o mezzi civili. L'UE e gli Stati Uniti concordano altresì su un eventuale contributo al bilancio dell’operazione. Gli Stati Uniti sostengono i costi connessi alla loro partecipazione, a meno che tali costi non siano previsti dal bilancio.

In qualsiasi momento, gli Stati Uniti possono decidere di ritirarsi del tutto o parzialmente dall'operazione militare, previa consultazione con l'UE. D'altra parte, la decisione di terminare l'operazione di gestione della crisi spetta essenzialmente all'UE. L'Unione europea deve comunque consultare gli Stati Uniti se tale paese contribuisce ancora nel momento in cui tale decisione è all'esame.

Inoltre, tutte le controversie connesse all'interpretazione o all'applicazione del presente accordo sono composte tra l'UE e gli Stati Uniti per via diplomatica tra le parti..

Status del contingente americano distaccato a un'operazione dell'UE

Lo status del contingente americano è gestito ai sensi dell'accordo sullo status della missione concluso tra l'UE e lo Stato in cui è condotta l'operazione. Gli Stati Uniti devono poter esaminare l’accordo sullo status prima di decidere se partecipare o meno all’operazione.

Se l'accordo non è ancora concluso, le parti si mettono d'accordo su uno strumento equivalente prima dello spiegamento del contingente americano.

L'accordo sullo status della missione definisce in particolare iprivilegi e le immunità del personale e delle unità distaccati dagli Stati Uniti.

Inoltre, gli Stati Uniti conservano il diritto di esercitare la competenza sul loro personale distaccato nel paese dove è condotta l'operazione. Allo stesso modo, sono competenti a soddisfare le richieste di indennizzo, legate alla loro partecipazione conformemente al loro diritto nazionale.

Svolgimento delle operazioni

L'Unione europea è responsabile delle operazioni di gestione delle crisi. Essa definisce gli obiettivi e gli orientamenti delle missioni.

Gli Stati Uniti assicurano che il loro personale e le loro unità eseguano i loro compiti in conformità con tali orientamenti. Il personale e le unità distaccate sono tenuti a seguire le direttive del capomissione o del comandante dell'UE, ma restano sotto l'autorità generale degli Stati Uniti.

Inoltre, gli Stati Uniti nominano un punto di contatto nazionale per rappresentare il loro contingente nazionale in seno all'operazione. Il punto di contatto riferisce al capomissione su questioni nazionali ed è responsabile della disciplina del contingente americano.

Rinuncia alle richieste di indennizzo

In base al presente accordo, l'UE e gli Stati Uniti rinunciano alle richieste di indennizzo della controparte per i danni causati nello svolgimento delle loro funzioni ufficiali, salvo in caso di negligenza grave o di comportamento doloso.

La rinuncia alle richieste di indennizzo deve essere oggetto di una dichiarazione degli Stati Uniti e di ciascuno Stato membro dell'UE.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreData limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale

Accordo quadro tra gli Stati Uniti d’America e l’Unione europea

Vedi articolo 10.1

Applicazione provvisoria: 17.5.2001

-

GU L 143 del 31.5.2011

Il presente documento di sintesi, diffuso a titolo informativo, non è inteso a interpretare né sostituire il documento di riferimento, che costituisce l'unica base giuridica vincolante.

Ultima modifica: 29.07.2011
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina