RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Lotta contro l'HIV/AIDS nell'Unione europea e nei paesi vicini (2009-2013)

Ogni anno vengono diagnosticati più di 50 000 nuovi casi di HIV nell'UE e nei paesi vicini. Attualmente non esiste ancora una cura contro l'HIV, per cui è necessario agire a livello preventivo. La presente comunicazione espone il piano d'azione della Commissione europea in materia di lotta e di prevenzione dell'HIV/AIDS.

ATTO

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni, del 26 ottobre 2009, intitolata «La lotta contro l'HIV/AIDS nell'Unione europea e nei paesi vicini, 2009-2013» [COM(2009) 569 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

La comunicazione enuncia il piano d'azione della Commissione europea in materia di lotta contro l'HIV/AIDS per il periodo 2009-2013, ad integrazione del «programma europeo di azione per lottare contro l'HIV/AIDS, la malaria e la tubercolosi attraverso azioni esterne (2007-2011)».

Situazione attuale dell'HIV in Europa

Il tasso di prevalenza dell'HIV è stimato tra lo 0,1 % e l’1,2 % in Europa, variando da un paese all'altro. La comunicazione registra un allarmante tasso di diffusione del virus soprattutto in Europa orientale. Inoltre fa notare le differenze tra le vie di trasmissione:

  • principalmente attraverso rapporti sessuali nei paesi occidentali dell'Unione europea;
  • principalmente attraverso il consumo di droghe per via endovenosa in Europa orientale e in taluni paesi europei vicini *.

I gruppi «vulnerabili» (che hanno più probabilità di essere infettati) sono principalmente:

  • i consumatori di droga per via endovenosa;
  • gli uomini che hanno relazioni sessuali con altri uomini;
  • le donne;
  • i professionisti del sesso.

Tra il 30 % e il 50 % dei sieropositivi dell'UE e sino al 70 % dei sieropositivi dei paesi europei vicini non sanno di essere stati infettati con il virus HIV. Inoltre, l'accesso alle cure mediche e alle misure di prevenzione resta limitato e non uniforme tra i paesi.

Obiettivi del piano di azione dell'UE 2009-2013

Il piano d'azione dell'UE per la lotta contro l'HIV/AIDS si propone di:

  • contribuire alla riduzione del numero di nuove infezioni in tutti i paesi europei entro il 2013;
  • migliorare l'accesso alla prevenzione, al trattamento, alle cure e all'accompagnamento;
  • migliorare la qualità di vita delle persone che vivono con il virus, che hanno a che fare con questo virus o che sono vulnerabili.

Per raggiungere questi obiettivi, la Commissione europea propone di intervenire nei seguenti ambiti:

  • la leadership politica: la Commissione sottolinea la necessità di collegare le misure di lotta contro l'HIV/AIDS alle priorità socioeconomiche definite nelle strategie politiche a livello nazionale. Essa invita tutte le parti interessate a tener conto dell'HIV nell'attuazione delle politiche, degli atti legislativi e degli accordi dell'UE.
  • la partecipazione della società civile e delle persone che vivono con l'HIV: la Commissione incoraggia le organizzazioni della società civile, le associazioni che rappresentano i sieropositivi e le persone colpite dal virus a partecipare alla lotta contro l'HIV nell'Unione europea e nei paesi vicini. È opportuno in quest'ottica mantenere il forum della società civile (EN) e il gruppo di riflessione sull'HIV (EN).
  • le responsabilità sociali e i diritti dell'uomo: è necessario rispettare i diritti umani delle persone colpite dal virus e lottare contro i pregiudizi e la stigmatizzazione nei loro confronti. A questo proposito, la Commissione intende rafforzare le misure di sensibilizzazione e d'informazione destinate al pubblico e incoraggiare una formazione professionale più approfondita sull'HIV nei settori sociale e sanitario.
  • l'accesso universale alla prevenzione, al trattamento, alle cure e all'accompagnamento: la Commissione intende sostenere la realizzazione di strategie volte a sviluppare l'accesso per tutti a farmaci antiretrovirali sicuri a prezzi abbordabili, attraverso strumenti quali i fondi strutturali o il Fondo sociale. Essa intende sostenere l’UNAIDS (EN) (ES) (FR), l’UNICEF (ES) (FR) (EN) e l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) (EN) (ES) (FR).

Zone prioritarie e gruppi a rischio

La presente comunicazione definisce prioritarie le regioni più colpite, in particolare quella comprendente i paesi situati ad est della zona coperta dalla politica europea di vicinato. Anche se il virus tende a diffondersi sempre più per via eterosessuale, i gruppi più colpiti rimangono i seguenti:

  • gli uomini che hanno relazioni sessuali con altri uomini;
  • i consumatori di droga per via endovenosa;
  • i migranti provenienti da paesi con alti tassi di persone infette da HIV.

La Commissione ritiene fondamentale migliorare la prevenzione all'interno di questi gruppi e regioni, nonché il trattamento delle coinfezioni come la tubercolosi o l'epatite.

Sorveglianza e ricerca

La sorveglianza dell'HIV è realizzata in Europa dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (CEPCM) in cooperazione con l'ufficio regionale dell'OMS per l'Europa e dall’UNAIDS. La Commissione invita gli Stati membri ad applicare la decisione creando una rete di sorveglianza epidemiologica e di controllo delle malattie trasmissibili al fine di raccogliere dati più affidabili ed esaustivi.

La Commissione intende incoraggiare la ricerca sull'HIV attraverso il programma quadro di ricerca e il programma in materia di salute. Intende inoltre sostenere ulteriormente gli investimenti nella messa a punto e attuazione di interventi preventivi e terapeutici innovativi.

Termini chiave dell'atto
  • Paesi vicini: Federazione russa, Algeria, Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Egitto, Georgia, Israele, Giordania, Libano, Libia, Moldova, Marocco, Autorità palestinese, Siria, Tunisia, Ucraina.
Ultima modifica: 01.03.2011
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina