RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Verso un partenariato strategico UE-Brasile

La Commissione europea propone un partenariato strategico con il Brasile nell'intento di intensificare e ampliare la cooperazione fra i due partner. Una stretta cooperazione permetterebbe di rinsaldare le relazioni bilaterali e di raccogliere le sfide comuni, a livello regionale (stabilità e prosperità in America latina, rapporti con il Mercosur) e mondiale (lotta contro la povertà, ambiente, energia, ecc.).

ATTO

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio, del 30 maggio 2007, dal titolo: «Verso un partenariato strategico UE-Brasile» [COM(2007) 281 definitivo - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

L'Unione europea (UE) propone un partenariato strategico (lanciato dal vertice di Lisbona del 4 luglio 2007) come contesto in cui intensificare le relazioni con il Brasile. L'obiettivo del partenariato strategico è approfondire la cooperazione nei settori di comune interesse. Per il suo ruolo regionale e internazionale il Brasile costituisce infatti un interlocutore privilegiato dell'UE.

Il programma comune

L'UE e il Brasile hanno interesse a potenziare il multilateralismo, che è particolarmente adatto a rispondere alle sfide mondiali. Si dovrebbe inoltre cercare di intensificare la cooperazione nei consessi internazionali (Nazioni Unite) (EN) (ES) (FR), Organizzazione mondiale del commercio (EN) (ES) (FR) mediante posizioni e iniziative comuni. Sarebbe altresì auspicabile un maggior coordinamento dei loro interventi, come le operazioni di mantenimento della pace, il sostegno a un regime mondiale di non proliferazione o i negoziati per concludere il ciclo di Doha.

Diritti dell'uomo, democrazia e buon governo sono valori comuni di cui i due partner promuovono il rispetto attraverso le norme e gli strumenti internazionali, segnatamente nell'ambito delle Nazioni Unite. Occorre tuttavia migliorare la collaborazione a sostegno di questi valori.

La realizzazione degli obiettivi di sviluppo del millennio (OSM) (EN) (ES) (FR) e lo sviluppo regionale e sociale sono un altro settore di interesse comune. Considerato l'impegno del Brasile nella lotta contro la povertà e le disuguaglianze, i partner potrebbero condividere le rispettive esperienze in materia di cooperazione. I programmi tematici congiunti sulle riforme o sullo sviluppo sociale potrebbero rivelarsi strumenti appropriati e venire estesi, in particolare, alla comunità dei paesi di lingua portoghese (cooperazione trilaterale). Il Brasile ha inoltre attuato politiche efficaci per promuovere lo sviluppo sociale e regionale che ne riducono la dipendenza dagli aiuti. Il persistere delle disparità sociali e regionali potrebbe tuttavia essere oggetto di un dialogo intensificato, basato sugli scambi di esperienze.

Custode della più grande foresta tropicale esistente al mondo, il Brasile è un partner essenziale nel settore della tutela dell'ambiente, specie per quanto riguarda la lotta ai cambiamenti climatici e la protezione della biodiversità. I partner devono unire i loro sforzi nell'ambito della convenzione sulla diversità biologica, dell'obiettivo del 2010 in tema di biodiversità e dei negoziati per un accordo globale post-2012. Altre problematiche comuni sono la gestione delle risorse idriche, la tutela dell'habitat marino, la lotta contro l'inquinamento da mercurio e i modelli di consumo e di produzione sostenibili.

Proseguire il dialogo avviato nel 2007 in materia di energia permetterebbe di migliorare la cooperazione normativa e tecnica e aprirebbe nuove prospettive in termini di sicurezza, sostenibilità e efficienza energetica, nonché per lo sviluppo sostenibile. In linea con il mix energetico dell'UE all'orizzonte 2020, occorre affrontare altre problematiche comuni, come le energie rinnovabili e i biocarburanti, per i quali il Brasile svolge un ruolo di primo piano.

La cooperazione tra i due partner avrà ripercussioni positive sulla stabilità e sulla prosperità dell'America latina, a cui il Brasile sta già dando un contributo determinante a livello bilaterale e regionale. La coesione sociale rappresenta un quadro d'azione comune in tale contesto, i cui interventi possono esplicarsi durante le conferenze UE-ALC (America latina - Caraibi), all'interno delle organizzazioni internazionali o a livello della società civile.

Il peso e l'influenza del Brasile gli conferiscono un ruolo trainante ai fini dell'integrazione regionale nel Mercosur, che potrà avvalersi dell'esperienza dell'UE nell'ambito del partenariato strategico. L'integrazione del Mercosur (EN) (ES) (FR) è un obiettivo importante anche per l'UE, che auspica un consolidamento delle sue relazioni con questa organizzazione tramite un accordo completo ed equilibrato.

È opportuno rafforzare anche le relazioni commerciali ed economiche bilaterali. Il partenariato strategico permetterà di intensificare la cooperazione e i dialoghi nei settore di interesse comune che influiscono sull'occupazione e sulla coesione sociale. Le relazioni fra le parti possono essere rafforzate mediante contesti chiari e stabili, accordi bilaterali e la partecipazione del Brasile a determinati programmi comunitari. Si darà particolare rilievo al commercio e agli investimenti, cercando fra l'altro di agevolare l'accesso ai mercati, alle questioni economiche e finanziarie, alla società dell'informazione e al potenziale delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC), al trasporto aereo e marittimo, alle scienze, tecnologie e innovazioni prioritarie e alla navigazione satellitare (Galileo).

In materia di giustizia, libertà e sicurezza, l'UE e il Brasile devono lottare insieme contro la criminalità organizzata, la corruzione, l'immigrazione illegale e il traffico di droghe illecite in contesti bilaterali e multilaterali. Sarebbe opportuno concludere un accordo di esenzione dal visto per i soggiorni di breve durata onde garantire un trattamento reciproco dei cittadini brasiliani ed europei.

Un altro aspetto del partenariato strategico è la comunanza tra i popoli. Vanno intensificati gli scambi a livello di istruzione superiore sostenuti dai programmi comunitari (ALßAN) (EN) (ES) (FR), Erasmus Mundus e ALFA (EN) (ES) (FR). Si potrebbe promuovere maggiormente la diversità culturale e linguistica nei consessi internazionali come l'UNESCO. Sarebbe inoltre opportuno incoraggiare i contatti fra società civile e imprese da entrambe le parti nell'ambito del programma "Gioventù in azione" o a margine dei vertici.

Contesto

Il partenariato strategico permetterà di approfondire le relazioni fra l'UE e il Brasile, che attualmente si basano sull'accordo quadro di cooperazione del 1992 e sull'accordo quadro di cooperazione UE-Mercosur del 1995.

ATTI COLLEGATI

Dichiarazione comune adottata in occasione del vertice UE-Brasile tenutosi il 4 luglio 2007 a Lisbona (EN )
Il primo vertice tra l'UE e il Brasile, svoltosi a Lisbona il 4 luglio scorso, ha lanciato un partenariato strategico da attuare in base a un piano d'azione e nel quale i due partner si impegnano a dare una risposta comune alle sfide mondiali (pace e sicurezza, riforma delle Nazioni Unite, eliminazione della povertà, ambiente, energia, cambiamenti climatici, ecc.) intensificando il dialogo politico e sostenendo il multilateralismo. L'UE e il Brasile hanno inoltre deciso di intensificare i loro dialoghi politici settoriali (trasporto marittimo, società dell'informazione, ambiente, sviluppo sostenibile), di avviarne altri (energia, occupazione e affari sociali, sviluppo regionale, cultura e istruzione) e di creare un meccanismo di consultazione sulle questioni sanitarie e fitosanitarie. I partner si sono altresì impegnati ad ampliare e approfondire le loro relazioni economiche e commerciali (liberalizzazione degli scambi, agevolazione degli investimenti, conclusione dell'accordo di associazione UE-Mercosur, avvio di un dialogo sulle questioni macroeconomiche e finanziarie, ecc.).

Ultima modifica: 18.12.2007

Vedi anche

  • Per ulteriori informazioni sul vertice UE-Brasile tenutosi il 4 luglio 2007 a Lisbona (EN)
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina