RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Transito Kaliningrad - Russia continentale: proposte e realizzazione

La presente comunicazione rende conto delle discussioni tenutesi tra l'Unione europea (UE) e la Russia relative al transito di persone e di merci verso e a partire dall'oblast di Kaliningrad. Viene inoltre proposta una serie di raccomandazioni riguardo alla posizione dell'Unione in materia.

ATTO

Comunicazione della Commissione, del 18 settembre 2002, al Consiglio - Kaliningrad: Transito [COM(2002) 510 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

La presente comunicazione rende conto delle discussioni tenutesi tra l'Unione europea (UE) e la Russia relative al transito di persone e di merci verso e a partire dall'oblast di Kaliningrad. Essa non contempla il piccolo traffico frontaliero, che non costituisce una caratteristica specifica di Kaliningrad.

Valutazione

Sulla principale questione di fondo, ovvero la circolazione delle persone, l'acquis di Schengen si fonda sul principio che il modo migliore per tutelare la sicurezza dell'Unione consiste nell'esigere che le persone in transito sul territorio degli Stati membri siano in possesso della documentazione necessaria. Il visto sarà imposto ai cittadini russi fintanto che la Russia figurerà nell'elenco dei paesi terzi i cui cittadini devono avere un visto per poter attraversare le frontiere esterne degli Stati membri dell'UE.

Oltre alle possibilità prospettate nella "linea comune" * (visti di transito che autorizzano più ingressi rilasciati gratuitamente o quasi), la Commissione ritiene che si debba vagliare la possibilità di rilasciare un documento di transito speciale ("documento di transito agevolato"). Detto documento equivarrebbe a un visto di transito per più ingressi destinato ai cittadini russi in buona fede che viaggiano frequentemente e direttamente tra Kaliningrad e la Russia continentale. Le autorità russe potrebbero fornire anticipatamente gli elenchi di questo tipo di viaggiatori. Il documento sarebbe rilasciato gratuitamente o quasi dai consolati dei paesi candidati interessati.

La Commissione è disposta a valutare ulteriormente la fattibilità di un'esenzione dal visto per i passeggeri dei treni diretti. Per motivi di sicurezza, questi treni dovrebbero viaggiare ad una certa velocità e avere vagoni costruiti in modo tale da impedire ai passeggeri di scendere senza il permesso delle autorità lituane.

L'introduzione del documento di transito agevolato presupporrebbe:

  • la piena collaborazione dei paesi candidati e un adeguato sostegno amministrativo e finanziario della Comunità europea;
  • la totale collaborazione della Russia, specie per quanto riguarda:
    - l'apertura di nuovi consolati;
    - la trasmissione degli elenchi dei cittadini russi che potrebbero ricevere il "documento di transito agevolato";
    - la riammissione delle persone in soggiorno irregolare mediante la conclusione e l'applicazione di un accordo di riammissione e la ratifica dell'accordo frontaliero con la Lituania;
    -la riduzione dei tempi per il rilascio dei passaporti internazionali ai cittadini russi entro termini prestabiliti. I passaporti interni russi potrebbero essere accettati per un breve periodo transitorio purché corredati di visti/documenti di transito agevolato.

L'UE dovrebbe garantire ai paesi candidati che, accettando e applicando le flessibilità suddette, non rischiano di ritardare l'abolizione dei controlli alle frontiere interne, e quindi la piena integrazione nella zona Schengen.

La Commissione raccomanda di definire la posizione dell'UE in base alle seguenti misure, oltre a quelle già esposte nella linea comune del 13 maggio 2001:

  • le autorità consolari degli Stati membri dell'UE o dei paesi candidati potrebbero rilasciare un "documento di transito agevolato" ai cittadini russi che viaggiano su strada o in treno. La Russia dovrebbe collaborare accettando rapidamente l'apertura dei nuovi consolati richiesti dalla Lituania;
  • il documento di transito agevolato non verrebbe rilasciato alla frontiera;
  • l'UE dovrebbe esaminare la proposta russa di avviare colloqui sulle condizioni necessarie per instaurare, a termine, un regime di viaggi senza visto;
  • la ricerca di una soluzione al problema della circolazione delle persone e delle merci dovrebbe procedere di pari passo con un'intensificazione della cooperazione sul futuro della regione di Kaliningrad.

Contesto

Il Consiglio europeo di Siviglia ha invitato la Commissione a presentare uno studio complementare sulle possibilità che si offrono per risolvere la questione del transito verso e a partire dall'oblast di Kaliningrad. La presente comunicazione rappresenta la risposta della Commissione.

Termini chiave dell'atto
  • Linea comune: linea comune concordata dal Consiglio Affari generali il 13 maggio 2002 (doc. 8304/02), che definisce le posizioni di base dell'acquis di Schengen e che prevede, nello specifico: visti che autorizzano più ingressi, che verrebbero rilasciati caso per caso e potrebbero valere per un periodo piuttosto lungo, compreso un trattamento favorevole per alcune categorie, come gli autotrasportatori; fino all'abolizione dei controlli alle frontiere interne, flessibilità per quanto riguarda i diritti di rilascio dei visti; esenzione dal visto per determinate categorie di persone (titolari di passaporti diplomatici, membri degli equipaggi di aerei e navi, ecc.).
  • FRTD: documento di transito ferroviario agevolato
  • FTD: documento di transito agevolato

ATTI COLLEGATI

Relazione della Commissione, del 22 dicembre 2006, sul funzionamento del transito agevolato di persone tra la regione di Kaliningrad e il resto della Federazione russa [COM(2006) 840 definitivo - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

La Commissione si compiace del fatto che, tre anni dopo la sua entrata in vigore, il sistema di transito agevolato funzioni senza problemi e che entrambi i partner si dichiarino soddisfatti della sua applicazione. Il sistema FTD/FRTD * sembra rispondere alle esigenze dell'acquis di Schengen, non essendo stato registrato nessun caso di immigrazione clandestina.

Per questo motivo, la Commissione non vede la necessità di modificare il sistema. A lungo termine, il regime di transito agevolato dipenderà dalla futura evoluzione degli accordi in materia di politica dei visti tra l'UE e la Russia.

La Commissione continuerà a sostenere finanziariamente il sistema di transito con il Fondo per le frontiere esterne.

Rimangono da esaminare due punti:

  • l'FRTD * è apposto su un foglio separato e non sul passaporto del viaggiatore, come prevede il regolamento (CE) n. 693/2003. Di conseguenza, non è possibile verificare se l'FRTD sia usato per un unico viaggio di andata e ritorno o per viaggi frequenti. Un'applicazione corretta comporterebbe anche l'aumento delle richieste di FTD *, che possono essere ottenuti per viaggi multipli al costo di 5 euro (viaggi frequenti);
  • la questione della semplificazione delle formalità dei controlli alla frontiera potrebbe essere affrontata a livello bilaterale se le autorità lituane, russe e bielorusse saranno interessate. Esistono due possibilità:
  • primo, invece di due fermate (una per ciascun versante della frontiera), effettuarne soltanto una, durante la quale le autorità dei due paesi potrebbero espletare contemporaneamente i controlli;
  • secondo, prevedere un sistema che consenta alle due parti di espletare i controlli durante il viaggio in treno.
Ultima modifica: 22.05.2007
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina