RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Accordo doganale con il Giappone

L’Unione europea (UE) e il Giappone hanno forti relazioni commerciali. La cooperazione tra le autorità doganali è uno strumento essenziale per facilitare la liberalizzazione degli scambi commerciali, ma anche per garantire la sicurezza della catena di approvvigionamento, l’applicazione dei diritti sulla proprietà intellettuale e l’efficacia della lotta contro la frode.

ATTO

Decisione 2008/202/CE del Consiglio, del 28 gennaio 2008, relativa alla conclusione dell’accordo di cooperazione e di assistenza amministrativa reciproca in materia doganale tra la Comunità europea e il governo del Giappone [Gazzetta ufficiale L 62 del 6.3.2008].

SINTESI

Cooperazione doganale

Il presente accordo istituisce una cooperazione estesa a tutti i settori della legislazione doganale.

L'istituzione di tale cooperazione si fonda sulla creazione di canali di comunicazione e su un coordinamento tra autorità doganali *.

Le parti si impegnano a facilitare le operazioni commerciali nel contesto di un maggiore livello di sicurezza. L’accordo è volto soprattutto a migliorare le tecniche e le procedure doganali.

L’obiettivo è quello di rafforzare la cooperazione bilaterale e all’interno delle organizzazioni internazionali.

Assistenza amministrativa reciproca

Il presente accordo prevede due tipi di assistenza tra le autorità, per intervenire in caso di operazioni doganali contrarie alla normativa:

  • l'assistenza su richiesta, in materia di regolarità e regime doganale delle importazioni ed esportazioni di merci, persone sospette, luoghi di stoccaggio, trasporti delle merci;
  • l’assistenza spontanea, specialmente in caso di rischi potenziali per l’economia, per la sicurezza e la salute pubblica. Nell’interesse dell’altra parte, l'autorità interpellata * fornisce tutte le informazioni relative alle attività, ai mezzi e metodi, alle merci, alle persone e ai mezzi di trasporto.

Aspetti formali e deroghe all’obbligo di prestare assistenza

Le domande sono presentate per iscritto in una lingua accettata sia dall’autorità interpellata che dall’autorità richiedente. Qualora l'urgenza della situazione lo esiga, la forma orale può precedere la forma scritta.

Per facilitare il trattamento della domanda, l’autorità richiedente * fornisce sufficienti indicazioni sulla misura richiesta, l’oggetto e il motivo della domanda. Deve inoltre fornire informazioni sulle persone sospette, sugli elementi giuridici in questione, sui fatti pertinenti e sulle indagini già effettuate.

Per espletare una domanda di assistenza, l’autorità interpellata comunica tutte le informazioni già in suo possesso o procede ad adeguate indagini. Le misure adottate sono coordinate con l’autorità richiedente.

Qualora non fosse possibile accedere ad una domanda, si procederà immediatamente ad inviare una comunicazione motivata all’autorità richiedente.

Le parti contraenti possono rifiutarsi o astenersi dal prestare assistenza. La domanda può inoltre essere subordinata a talune condizioni qualora si ritenga possa pregiudicare la sovranità, la sicurezza, l'ordine pubblico o altri interessi di Stato, specialmente quando la protezione delle informazioni trasmesse non viene garantita.

I dati trasmessi sono riservati e protetti dalle leggi e regolamenti applicabili nello Stato del richiedente. Tuttavia queste informazioni possono servire come elementi di prova in caso di procedimenti amministrativi.

Un comitato misto di cooperazione doganale sarà responsabile del corretto funzionamento dell’accordo.

Termini chiave dell’atto
  • Autorità doganale: in Giappone, il ministero delle Finanze e, nell’Unione europea, i servizi della Commissione competenti per le questioni doganali e le autorità doganali degli Stati membri.
  • Autorità richiedente: l’autorità doganale di una Parte contraente, che presenta una domanda di assistenza in base al presente accordo.
  • Autorità interpellata: l’autorità doganale di una Parte contraente, che riceve una domanda di assistenza in base al presente accordo.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale

Decisione 2008/202/CE

28.1.2008

-

GU L 62, 6.3.08

Ultima modifica: 18.05.2011

Vedi anche

  • Sito Internet della direzione generale Fiscalità e unione doganale (DE) (EN) (FR) della Commissione europea
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina