RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Gestione controllata dei rifiuti pericolosi (fino alla fine del 2010)

Archivi

L'Unione europea stabilisce un quadro per la gestione, il recupero e lo smaltimento corretto dei rifiuti considerati come pericolosi.

ATTO

Direttiva 91/689/CEE del Consiglio, del 12 dicembre 1991, relativa ai rifiuti pericolosi [Cfr. atti modificativi].

SINTESI

La presente direttiva introduce una definizione precisa ed uniforme dei rifiuti pericolosi e mira a garantire una gestione rispettosa dell’ambiente del flusso di tali rifiuti. La direttiva integra la direttiva quadro sui rifiuti (direttiva 2006/16/CE) imponendo nuovi controlli sulla gestione dei rifiuti pericolosi, in particolare requisiti di tracciabilità, il divieto di mescolare i rifiuti pericolosi con altri rifiuti e l’obbligo di notificare alla Commissione i rifiuti che presentano proprietà pericolose, ma che non sono registrati come tali.

I rifiuti pericolosi disciplinati dalla presente direttiva sono raggruppati in un elenco * stilato in base alle categorie, ai costituenti e alle caratteristiche riportati in allegato alla direttiva. La presente direttiva non riguarda i rifiuti domestici. Gli allegati alla direttiva possono essere modificati per adeguarli ai progressi scientifici e tecnici in materia.

Gli Stati membri verificano che tali rifiuti pericolosi siano catalogati e identificati, e non siano mescolati né tra loro, né con rifiuti non pericolosi, a meno che non siano state adottate le necessarie misure per salvaguardare la salute e l'ambiente.

Qualsiasi stabilimento o impresa che effettui operazioni di smaltimento deve ottenere un'autorizzazione. Ciò è valido anche nel caso in cui tali operazioni siano finalizzate ad un recupero. In quest'ultimo caso è possibile una deroga se il tipo di recupero non è tale da nuocere alla salute o all'ambiente, o se lo Stato membro ha adottato e comunicato alla Commissione le misure generali che stabiliscono le condizioni da rispettare per effettuare questo genere di recupero.

Gli stabilimenti o le imprese che effettuano operazioni di smaltimento o finalizzate al recupero dei rifiuti pericolosi, nonché i produttori di questi, sono soggetti a ispezioni periodiche, in relazione soprattutto alle origini e alle destinazioni di questi rifiuti. I trasportatori, i produttori, gli stabilimenti e le imprese tengono un registro delle loro attività e lo trasmettono alle autorità competenti designate per ogni Stato.

Le autorità competenti rendono pubblici i piani di gestione dei rifiuti pericolosi che la Commissione poi valuterà.

Nei casi di emergenza o di grave pericolo, gli Stati membri prendono tutte le misure necessarie, comprese, se del caso, deroghe temporanee alla presente direttiva, al fine di garantire che i rifiuti pericolosi non costituiscano una minaccia per la popolazione o per l'ambiente. Gli Stati membri informano la Commissione di tali deroghe.

Il regolamento (CE) n. 166/2006, che istituisce un registro europeo delle emissioni e dei trasferimenti di sostanze inquinanti (PRTR), armonizza le norme relative alla comunicazione abituale d'informazioni relative alle sostanze inquinanti, compresi i rifiuti, da parte degli Stati membri alla Commissione.

La presente direttiva è abrogata dalla direttiva 2008/98/CE a decorrere dal 12 dicembre 2010.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale

Direttiva 91/689/CEE

19.12.1991

11.12.1993

GU L 377 del 31.12.1991

Atto(i) modificatore(i)Data di entrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale

Direttiva 94/31/CE

22.7.1994

-

GU L 168 del 2.7.1994

Regolamento (CE) n. 166/2006

24.2.2006

-

GU L 33 del 4.2.2006

Direttiva 2008/98/CE

12.12.2008

-

GU L 312 del 22.11.2008

Le successive modifiche e correzioni alla direttiva 91/689/CEE sono state integrate nel testo di base. Questa versione consolidata ha unicamente un valore documentale.

ATTI COLLEGATI

Decisione 96/302/CE della Commissione, del 17 aprile 1996, che definisce la forma in cui devono essere comunicate le informazioni ai sensi dell'articolo 8, paragrafo 3, della direttiva 91/689/CEE del Consiglio relativa ai rifiuti pericolosi [Gazzetta ufficiale L 116 dell’11.5.1996].

Decisione 97/622/CE della Commissione, del 27 maggio 1997, relativa ai questionari per le relazioni degli Stati membri sull'applicazione di talune direttive concernenti i rifiuti (applicazione della direttiva 91/692/CEE del Consiglio) [Gazzetta ufficiale L 256 del 19.9.1997].
Vedi versione consolidata .

Applicazione della legislazione

Relazione della Commissione, del 20 novembre 2009, sull’attuazione della legislazione comunitaria relativa ai rifiuti Direttiva 2006/12/CE relativa ai rifiuti, Direttiva 91/689/CEE relativa ai rifiuti pericolosi, Direttiva 75/439/CEE concernente gli oli usati, Direttiva 86/278/CEE sui fanghi di depurazione, Direttiva 94/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio, Direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti e Direttiva 2002/96/CE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche nel periodo 2004-2006 [COM(2009) 633 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
In alcuni casi le risposte degli Stati membri non sono state abbastanza precise per chiarire se la direttiva fosse stata attuata debitamente. In particolare, permangono dei dubbi a proposito dell’applicazione del divieto di mescolare i rifiuti nonché delle relative esenzioni da questo divieto e dall’obbligo di ottenere autorizzazioni. Diversi Stati membri non hanno garantito la regolarità delle ispezioni. Altre preoccupazioni riguardano l’obbligo dei fabbricanti di presentare relazioni. È stato individuato un caso di mancanza di regole chiare in materia di imballaggio ed etichettatura di rifiuti pericolosi, che necessita di ulteriori verifiche.

Relazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo, del 19 luglio 2006, sull'attuazione della legislazione comunitaria relativa ai rifiuti - direttiva 75/442/CEE relativa ai rifiuti, direttiva 91/689/CEE relativa ai rifiuti pericolosi, direttiva 75/439/CEE concernente gli oli usati, direttiva 86/278/CEE sui fanghi di depurazione, direttiva 94/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio, direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti, nel periodo 2001-2003 [COM(2006) 406 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
In questa relazione la Commissione sottolinea che la produzione di rifiuti pericolosi è aumentata, che lo smaltimento in discarica rimane il sistema di trattamento più diffuso (26 % in media), mentre la percentuale di riciclaggio medio ha raggiunto il 21 %. Tutti gli Stati membri hanno recepito le disposizioni della presente direttiva e procedono alle ispezioni periodiche; la frequenza di tali ispezioni è variabile e dipende dal tipo e dalla quantità di rifiuti, nonché dal tipo d'impianto interessato. Nella maggior parte degli Stati membri i rifiuti pericolosi rientrano nei piani generali di gestione dei rifiuti, adottati ai sensi della direttiva quadro sui rifiuti.

Relazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo, del 19 maggio 2003, sull’attuazione della legislazione comunitaria direttiva 75/442/CEE relativa ai rifiuti, direttiva 91/689/CEE relativa ai rifiuti pericolosi, direttiva 75/439/CEE concernente gli oli usati, direttiva 86/278/CEE sui fanghi di depurazione e direttiva 94/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio – Nel periodo 1998-2000 [COM(2003) 250 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
La relazione segnala una stabilizzazione della produzione di rifiuti pericolosi. La percentuale media di riciclaggio di questi rifiuti si colloca al 27% circa, mentre la percentuale media di smaltimento in discarica si colloca al 22%. La maggior parte degli Stati membri ha comunicato alla Commissione i rifiuti che a loro avviso presentano caratteristiche di pericolosità.

Relazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo, del 10 gennaio 2000, relativa all'attuazione della legislazione comunitaria sui rifiuti per il periodo 1995-1997 (direttive 75/442/CEE, 91/689/CEE, 75/439/CEE, 86/278/CEE) [COM(1999) 752 def.].
In questo documento la Commissione rileva che la maggior parte degli Stati membri non ha recepito correttamente la direttiva relativa ai rifiuti pericolosi, mentre altri non hanno stilato un elenco complementare a quello già istituito dalla Commissione contenente i rifiuti pericolosi.

Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo, del 27 febbraio 1997, relativa all’applicazione delle direttive 75/439/CEE, 75/442/CEE, 78/319/CEE e 86/278/CEE sulla politica in materia di rifiuti [COM(97) 23 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Elenco dei rifiuti e dei rifiuti pericolosi

Decisione 2000/532/CE della Commissione, del 3 maggio 2000, che sostituisce la decisione 94/3/CE che istituisce un elenco di rifiuti conformemente all'articolo 1, lettera a), della direttiva 75/442/CEE del Consiglio relativa ai rifiuti e la decisione 94/904/CE del Consiglio che istituisce un elenco di rifiuti pericolosi ai sensi dell'articolo 1, paragrafo 4, della direttiva 91/689/CEE del Consiglio relativa ai rifiuti pericolosi [Gazzetta ufficiale L 226 del 6.9.2000].
Si veda la versione consolidata .

Ultima modifica: 25.02.2010
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina