RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Clean SKY

L'iniziativa tecnologica congiunta (ITC) "Clean Sky" mira a creare un partenariato di ricerca pubblico-privato su scala europea nel settore dell'aeronautica al fine di sviluppare le tecnologie necessarie per un sistema aereo pulito, innovativo e concorrenziale.

ATTO

Regolamento (CE) n. 71/2008 del Consiglio, del 18 dicembre 2007, che istituisce l'impresa comune Clean Sky.

SINTESI

L'iniziativa tecnologica congiunta (ITC) "Clean Sky" (cielo pulito) rientra nell'ambito del programma specifico "Cooperazione" (settimo programma quadro di ricerca e sviluppo tecnologico – 7° PQ).

Obiettivi

Creata per il periodo che va fino al 31 dicembre 2017, l’iniziativa “Clean Sky” mira principalmente a:

  • accelerare lo sviluppo di tecnologie adeguate ad una generazione di trasporti aerei più ecologici;
  • garantire un coordinamento efficace della ricerca aeronautica su scala europea;
  • permettere la realizzazione di un sistema di trasporto aereo innovativo e competitivo;
  • migliorare la creazione di nuove conoscenze e la valorizzazione dei risultati della ricerca.

In termini quantitativi, "Clean Sky" mira a ridurre, entro il 2020, le emissioni di CO2 del 50 %, quelle di NOx dell'80 % e l'inquinamento acustico del 50 %.

I "dimostratori tecnologici integrati" (DTI)

La struttura di "Clean Sky" è costituita da sei settori tecnici, denominati "dimostratori tecnologici integrati", che coprono tutti gli aspetti relativi ad un aeromobile. Essi serviranno da quadro di riferimento per i lavori di ricerca dalla fase sperimentale fino alla fase delle dimostrazioni in volo.

Più concretamente, i sei DTI sono:

  • il DTI relativo agli aeromobili ad ala fissa intelligente, centrato sulle tecnologie delle ali;
  • il DTI relativo agli aeromobili ecologici per il trasporto regionale (motori, gestione dell'energia e nuove configurazioni meno rumorose);
  • il DTI relativo agli aeromobili ad ala rotante ecologici, centrato sull'installazione di pale e motori innovativi, meno rumorosi, che riducono le scie, consumano meno carburante e utilizzano traiettorie di volo rispettose dell'ambiente;
  • il DTI relativo ai sistemi per operazioni rispettose dell'ambiente, centrato soprattutto sulle apparecchiature e le architetture nonché sulla gestione termica;
  • il DTI relativo ai motori ecologici sostenibili, mirante allo sviluppo di tecnologie per sistemi a bassa pressione leggeri e silenziosi nonché alla riduzione degli ossidi di azoto (NOx);
  • il DTI relativo alla progettazione ecocompatibile, che riguarderà il ciclo di vita dei materiali e dei componenti (progettazione, fabbricazione, manutenzione e distruzione/riciclaggio).

Un valutatore tecnologico indipendente è incaricato della valutazione e del controllo dei risultati delle ricerche in questi diversi settori al fine di ottimizzare l'impatto del programma per quanto riguarda i suoi obiettivi ambientali.

Membri ed organi

I membri fondatori sono:

  • l'Unione europea (UE), rappresentata dalla Commissione;
  • dodici responsabili di DTI e gli associati;
  • ogni soggetto pubblico o privato (industria, imprese, PMI, centri di ricerca, università, ecc.) stabilito in uno Stato membro o in un paese associato al settimo programma quadro che, a determinate condizioni e con riserva dell'approvazione del comitato direttivo, può chiedere di aderire all'impresa.

Gli organi dell'impresa comune Clean Sky sono:

  • il consiglio di direzione;
  • il direttore esecutivo;
  • i comitati direttivi dei DTI;
  • il comitato direttivo del valutatore tecnologico;
  • il forum generale.

Il gruppo di rappresentanti degli Stati nazionali è l'organo consultivo dell'impresa.

Bilancio

Il contributo massimo della Comunità ammonta a 800 milioni di euro, provenienti dallo stanziamento di bilancio assegnato al tema "Trasporti" del programma specifico "Cooperazione". Ad esso si aggiunge un contributo (almeno) equivalente apportato dagli altri membri dell'impresa, per un bilancio totale di 1,6 miliardi di euro.

Disposizioni generali

In quanto organismo comunitario, "Clean Sky" è dotato di personalità giuridica.

Ulteriori informazioni sugli obiettivi e le attività dell'ITC "Clean Sky", sulla sua natura ed il suo funzionamento, sul ruolo e i compiti dei suoi membri ed organi e sul suo finanziamento figurano nell'allegato del regolamento.

Contesto

Oltre a "Clean Sky", sono previste altre cinque iniziative analoghe nei settori della miniaturizzazione (ENIAC), dei sistemi informatici invisibili (ARTEMIS), dei medicinali innovativi, dell'idrogeno e delle pile a combustibile e della sorveglianza mondiale per l'ambiente e la sicurezza (GMES).

RIFERIMENTI

AttoEntrata in vigore - scadenzaTermine per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale

Regolamento (CE) n. 71/2008

7.2.2008 – 31.12.2017

-

GU L 30 del 4.2.2008

Le modifiche e correzioni successive del regolamento (CE) n. 71/2008 sono state integrate nel testo di base. Questa versione consolidata ha solo valore documentale.

Ultima modifica: 09.11.2011

Vedi anche

  • Sito Internet dedicato a “Clean Sky” (EN)
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina