RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 9 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Riesame della politica ambientale - 2006

Archivi

Il presente riesame della politica ambientale illustra l'evoluzione della politica ambientale europea nel 2006 e le prospettive per l'anno successivo.

ATTO

Comunicazione della Commissione del 30 aprile 2007 «Riesame della politica ambientale 2006» [COM(2007) 195 definitivo - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

La Commissione passa in rassegna gli eventi che hanno maggiormente caratterizzato la politica ambientale dell'Unione europea nel corso del 2006 nelle quattro principali aree considerate prioritarie nell'ambito del sesto programma comunitario di azione in materia di ambiente, anche ai fini del miglioramento della normativa.

La lotta contro i cambiamenti climatici ha visto nel 2006 un rafforzamento dei legami tra le politiche energetiche e climatiche e l'adozione di un « pacchetto energia » e di misure di lotta contro i cambiamenti climatici. D'altro canto sono state adottate varie proposte, in particolare in materia di trasporti aerei, e sono stati compiuti dei progressi nel campo della cooperazione internazionale. Gli Stati membri hanno dovuto comunicare i loro piani nazionali di assegnazione per il periodo 2008-2012, nell'ambito del sistema comunitario di scambio delle quote di emissioni di CO2 e la Commissione ha già reso noto il proprio parere per dieci di questi piani nazionali.

Nel 2007 la Commissione intende concentrarsi sulla revisione del sistema di scambio delle quote, sulla cattura e lo stoccaggio sotterraneo del carbonio, sull'adattamento ai cambiamenti climatici, sul sostegno alla creazione di un Fondo mondiale per l'efficienza energetica e le energie rinnovabili, nonché sulla scarsità delle risorse idriche.

Di fronte alla perdita di diversità biologica, l'UE ha mantenuto il suo impegno attraverso l'adozione di un piano d'azione sulla biodiversità che stabilisce le priorità per il 2010 e oltre, di un piano d'azione per le foreste e della strategia tematica per la protezione del suolo.

In futuro, ci si dovrà concentrare sull'applicazione della rete Natura 2000 all'ambiente marino, sulla prosecuzione dei negoziati internazionali nell'ambito della convenzione sulla diversità biologica e della convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione (CITES ( (ES) (DE) (EN) (FR))), sulla lotta contro la deforestazione e la caccia commerciale alle balene.

In materia di salute ambientale, alla fine del 2006 l'UE ha adottato la nuova regolamentazione « REACH », consentendone l'entrata in vigore nel corso del 2007. Ha inoltre adottato la strategia tematica sui pesticidi e quella sull' ambiente urbano, e ha rielaborato la legislazione nel settore delle acque di balneazione e delle acque sotteranee ( (ES) (DE) (EN) (FR)).

L'azione nel settore della salute prevede anche la valutazione intermedia del piano d'azione per l'ambiente e la salute, nonché delle proposte concernenti gli inquinanti atmosferici e dei negoziati internazionali concernenti il mercurio.

Nel 2006 sono state attuate le strategie tematiche sulle risorse naturali e sui rifiuti adottate nel 2005 in vista di un utilizzo più sostenibile delle risorse. Sono state adottate varie direttive sulle sostanze, i prodotti pericolosi e i rifiuti, in particolare sulle pile e i veicoli fuori uso, o sulla restrizione dell'uso di alcune sostanze pericolose.

La Commissione prevede di pubblicare un Libro verde sul consumo e la produzione sostenibili e di adottare delle misure relative alla politica industriale e agli appalti pubblici. Porterà avanti la promozione delle ecotecnologie che sarà oggetto di una valutazione. Si prevede inoltre la pubblicazione di un Libro verde sulla demolizione delle navi.

Per migliorare la normativa, la Commissione ha continuato a rivedere la legislazione in vari settori ai fini di una sua semplificazione. Prosegue inoltre la cooperazione con le parti interessate al fine di individuare le eventuali difficoltà che sorgono nell'attuazione della legislazione. Ha inoltre sviluppato degli strumenti che le consentono di migliorare la valutazione dell'impatto delle sue proposte politiche.

Nel 2007 la Commissione intende gettare le basi di un sistema comune di informazioni ambientali, pubblicare un Libro verde sugli strumenti di mercato e lanciare un sistema di informazione sulle acque.

Contesto

Questo rapporto di attività costituisce un contributo al processo di Lisbona e alla strategia europea di sviluppo sostenibile ( (ES) (DE) (EN) (FR)), di cui l'ambiente costituisce un elemento essenziale, e mira a garantire il follow-up del sesto programma d'azione in materia di ambiente.

Ultima modifica: 28.07.2007
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina