RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Specie della flora e della fauna selvatiche minacciate (CITES)

L'obiettivo del presente regolamento è garantire la protezione e la conservazione delle specie animali e vegetali selvatiche in via di estinzione, controllandone il commercio e stabilendo delle condizioni per la loro importazione, esportazione o riesportazione e la loro circolazione all'interno dell'Unione europea (UE), conformemente alla convenzione CITES.

ATTO

Regolamento (CE) n. 338/97 del Consiglio, del 9 dicembre 1996, relativo alla protezione di specie della flora e della fauna selvatiche mediante il controllo del loro commercio [Cfr. atti modificativi].

SINTESI

Il presente regolamento si applica nel rispetto degli obiettivi, dei principi e delle disposizioni della convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e di fauna selvatiche minacciate di estinzione (CITES). Il regolamento prevede un elenco delle specie minacciate raggruppate in quattro allegati (A, B, C e D). Il grado di protezione e la natura delle misure commerciali applicabili alle specie interessate variano in funzione degli allegati in cui sono riportate tali specie.

L'applicazione del presente regolamento richiede condizioni comuni per:

  • il rilascio, l'uso e la presentazione dei documenti riguardanti l'importazione, l'esportazione o la riesportazione di esemplari delle specie contemplate dal suddetto regolamento. Tali documenti sono validi in tutta la Comunità, fatte salve misure più rigorose che possono essere adottate dagli Stati membri;
  • la vendita e qualsiasi altra transazione commerciale all'interno della Comunità di esemplari delle specie elencate nell'allegato A.

Introduzione nella Comunità

L'importazione di esemplari di specie minacciate di estinzione è subordinata a:

  • la presentazione di una licenza di importazione rilasciata da un organo di gestione dello Stato membro di destinazione o di una notifica d'importazione; e
  • l'attuazione delle verifiche necessarie.

In qualsiasi momento, la Commissione può stabilire restrizioni all'importazione, sia generali sia riguardanti alcuni paesi di origine; essa pubblica regolarmente un elenco di tali restrizioni nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Esportazione o riesportazione dalla Comunità

L'esportazione o la riesportazione dalla Comunità di esemplari delle specie minacciate di estinzione è subordinata a:

  • la presentazione di una licenza di esportazione o di un certificato di riesportazione rilasciati dall'organo di gestione dello Stato membro nel cui territorio si trovano gli esemplari; e
  • l'attuazione delle verifiche necessarie.

Rigetto delle domande di licenze e certificati

Quando uno Stato membro rigetta una domanda di licenza o certificato, ne informa immediatamente la Commissione che avviserà gli altri Stati membri.

Deroghe

Il regolamento prevede delle deroghe per gli esemplari che sono nati e allevati in cattività o riprodotti artificialmente, per gli esemplari in transito, per gli esemplari che siano oggetti personali o domestici o destinati a istituzioni scientifiche.

Disposizioni relative al controllo delle attività commerciali

Sono vietati l'acquisto o il commercio di esemplari delle specie elencate nell'allegato A.

Gli Stati membri possono inoltre vietare la detenzione di esemplari delle specie elencate nell'allegato A.

Spostamento degli esemplari vivi

Qualsiasi spostamento all'interno della Comunità di un esemplare vivo di una delle specie inserite nell'allegato A è soggetto alla previa autorizzazione di un organo di gestione dello Stato membro in cui l'esemplare si trova.

Lo spostamento all'interno della Comunità di un esemplare vivo di una delle specie inserite nell'allegato B è soggetto al rispetto, da parte del destinatario, delle regole di protezione degli animali (sistemazione e cure necessarie).

La Commissione può stabilire, in qualsiasi momento, restrizioni alla detenzione o allo spostamento di esemplari di specie in relazione alle quali siano state previste restrizioni all'introduzione nella Comunità.

Luoghi di introduzione e di esportazione

Gli Stati membri devono:

  • designare gli uffici doganali che espletano le verifiche e formalità per le specie previste dal regolamento. L'elenco di questi uffici è pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea;
  • designare gli organi di gestione e le autorità scientifiche responsabili dell'attuazione del regolamento. L'elenco di questi organi è pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea;
  • controllare l'osservanza delle disposizioni del regolamento e sanzionare le infrazioni.

Comunicazione delle informazioni

Il regolamento prevede uno scambio di informazioni tra i vari organi responsabili dell'attuazione del regolamento: gli Stati membri, la Commissione, il segretariato CITES, ecc.

Gli Stati membri redigono dei rapporti annuali che riportano il volume degli scambi degli esemplari disciplinati dal regolamento. Ogni due anni, redigono dei rapporti dettagliati sull'attuazione e l'applicazione del regolamento.

Contesto

La convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e di fauna selvatiche minacciate di estinzione (CITES) è stata sottoscritta a Washington il 3 marzo 1973 ed è entrata in vigore il 1° gennaio 1975. Ad oggi, conta 175 parti sottoscriventi.

Il testo della CITES è stato modificato nel 1983 al fine di permettere alle organizzazioni regionali di integrazione economica, come la Comunità europea, di divenirne parte (emendamento di Gaborone). Tuttavia, il numero delle parti che hanno ratificato tale emendamento è insufficiente perché possa entrare in vigore. Date tali premesse, la posizione comunitaria all'interno delle conferenze della CITES è rappresentata dagli Stati membri dell'UE che agiscono congiuntamente nel quadro di una posizione stabilita dal Consiglio.

RIFERIMENTI

Atto Data di entrata in vigore Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri Gazzetta ufficiale

Regolamento (CE) n. 338/97

1.3.1997

-

GU L 61 del 3.3.1997

Atto/i modificatore/i Data di entrata in vigore Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri Gazzetta ufficiale

Regolamento (CE) n. 1497/2003

30.8.2003

-

GU L 215 del 27.8.2003

Regolamento (CE) n. 1882/2003

20.11.2003

-

GU L 284 del 31.10.2003

Regolamento (CE) n. 834/2004

19.5.2004

-

GU L 127 del 29.4.2004

Regolamento (CE) n. 1332/2005

22.8.2005

-

GU L 215 del 19.8.2005

Regolamento (CE) n. 398/2009

10.6.2009

-

GU L 126 del 21.5.2009

Le modifiche e correzioni successive al regolamento (CE) n. 338/97 sono state integrate al testo di base. La presente versione consolidata  ha unicamente un valore documentale.

MODIFICHE DEGLI ALLEGATI

Allegato I – Elenco delle specie minacciate di estinzione
Regolamento (CE) n. 318/2008 [Gazzetta ufficiale L 95 dell'8.4.2008];
Regolamento (CE) n. 407/2009 [Gazzetta ufficiale L 123 del 19.5.2009];
Regolamento (UE) n. 709/2010 [Gazzetta ufficiale L 212 del 12.8.2010].

ATTI COLLEGATI

Regolamento (UE) n. 997/2010 della Commissione, del 5 novembre 2010 , che sospende l'introduzione nell'Unione di esemplari di talune specie di flora e fauna selvatiche [Gazzetta ufficiale L 290 del 6.11.2010].

Misure applicative

Raccomandazione 2007/425/CE della Commissione, del 13 giugno 2007, che individua una serie di azioni per l’esecuzione del regolamento (CE) n. 338/97 del Consiglio, relativo alla protezione di specie della flora e della fauna selvatiche mediante il controllo del loro commercio [Gazzetta ufficiale L 159 del 20.6.2007].
Gli Stati membri devono introdurre una serie di misure, tra le quali l'adozione di piani di azione nazionali per coordinare l'esecuzione del regolamento (CE) n. 338/97, la messa a punto di sanzioni dissuasive per le infrazioni a tale regolamento, una dotazione adeguata di risorse umane, finanziarie e formative ai servizi responsabili dell'esecuzione del regolamento, un’adeguata informazione del pubblico, il controllo regolare dei commercianti e dei detentori di animali e piante, quali i negozi di animali, gli allevatori e i vivai, la designazione di punti di contatto nazionali per lo scambio di dati e di informazioni, il sostegno ai programmi di rafforzamento delle capacità di gestione e di controllo nei paesi terzi, nonché la collaborazione tra servizi e lo scambio di informazioni tra gli Stati membri e le autorità di gestione opportune (come quelle della CITES, dell'Interpol e dell'Organizzazione mondiale delle dogane).

Regolamento (CE) n. 865/2006 della Commissione, del 4 maggio 2006, recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 338/97 del Consiglio relativo alla protezione di specie della flora e della fauna selvatiche mediante il controllo del loro commercio [Gazzetta ufficiale L 166 del 19.6.2006].
I formulari delle licenze di importazione, esportazione e riesportazione devono essere conformi al modello riportato nell'allegato I del presente regolamento. I formulari sui quali sono redatte le notifiche di importazione devono essere conformi al modello riportato nell'allegato II. I formulari sui quali sono redatti i certificati per mostra itinerante devono essere conformi al modello riportato nell'allegato III. I formulari sui quali sono redatti i fogli aggiuntivi allegati ai certificati di proprietà personale devono essere conformi al modello riportato nell'allegato IV. I formulari previsti dagli articoli 5, 8 e 9 devono essere conformi ai modelli dell'allegato V. Un modello per le etichette è riportato nell'allegato VI. I codici da inserire nella descrizione degli esemplari e le unità di misura da utilizzare sono riportati nell'allegato VII, mentre l'allegato VIII riporta un elenco di opere di riferimento per l'indicazione dei nomi scientifici delle specie. L'oggetto della transazione e l'origine delle specie devono essere indicati con i codici dell'allegato IX. Il regolamento stabilisce inoltre le condizioni per il rilascio, l'uso e la validità dei documenti. Stabilisce altresì delle disposizioni specifiche per gli esemplari nati e allevati in cattività o riprodotti artificialmente, oltre che per i campioni.
Cfr. versione consolidata

Ultima modifica: 10.12.2010
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina