RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 9 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Programma europeo di monitoraggio della Terra (GMES)

L’Unione europea (UE) istituisce il programma europeo di monitoraggio della terra, denominato GMES, nonché le regole relative alla sua fase iniziale di operatività nel periodo 2011-2013.

ATTO

Regolamento (UE) n. 911/2010 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 settembre 2010, relativo al programma europeo di monitoraggio della terra (GMES) e alla sua fase iniziale di operatività (2011-2013).

SINTESI

Il programma operativo GMES si basa sulle attività di ricerca condotte a titolo del settimo programma quadro della Comunità europea per le azioni di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione (2007-2013) nonché sulle attività dell’Agenzia spaziale europea (ESA) per quanto riguarda la componente spaziale del programma GMES.

Ambito di applicazione del programma GMES

Il programma GMES comprende tre componenti:

  • la componente «servizi» che garantisca l’accesso alle informazioni a sostegno di sei settori:
    1. monitoraggio atmosferico,
    2. monitoraggio dei cambiamenti climatici,
    3. gestione delle emergenze,
    4. monitoraggio del territorio,
    5. monitoraggio dell’ambiente marino,
    6. sicurezza;
  • una componente spaziale che garantisca osservazioni spaziali nei sei settori di cui sopra;
  • una componente in situ che garantisca le osservazioni mediante installazioni a bordo di aerei, di navi e a terra nei sei settori di cui sopra.

Fase iniziale di operatività del GMES (2011-2013)

La fase iniziale di operatività del GMES copre il periodo 2011-2013 e può prevedere azioni operative nei campi di seguito elencati:

  • la componente «servizi»;
  • misure a sostegno dell’utilizzo dei servizi da parte degli utenti;
  • accesso ai dati;
  • sostegno alla raccolta di dati in situ;
  • componente spaziale.

Gli obiettivi delle azioni operative sono definiti nell’allegato del regolamento.

Organizzazione

La Commissione garantisce il coordinamento del programma GMES con le attività a livello nazionale, dell’Unione e internazionale, tra cui figura il GEOSS. L’esecuzione e il funzionamento del GMES sono basati su partenariati tra l’Unione e gli Stati membri e l’Agenzia spaziale europea.

La Commissione gestisce i fondi destinati alle attività nel quadro del presente regolamento. Essa garantisce la complementarità e la coerenza del programma GMES con le altre politiche, iniziative e gli altri strumenti dell’Unione pertinenti, in relazione, in particolare, alla competitività e all’innovazione, alla coesione, alla ricerca, ai programmi europei del sistema globale di navigazione satellitare (GNSS), alla protezione dei dati personali, al sistema comune di informazioni ambientali (SEIS), ecc.

La Commissione garantisce che le specifiche dei servizi corrispondano alle esigenze degli utenti. A tal fine, la Commissione istituisce un meccanismo trasparente affinché gli utenti siano regolarmente coinvolti e consultati. La Commissione è inoltre assistita dal forum degli utenti, composto dai rappresentanti di utenti pubblici del GMES nominati dagli Stati membri.

Il coordinamento tecnico e la realizzazione della componente spaziale del GMES sono delegati all’ESA, che ricorre, se del caso, all’Organizzazione europea per l’esercizio dei satelliti meteorologici (EUMETSAT).

La Commissione affida, se del caso, il coordinamento dell’esecuzione tecnica dei servizi GMES a organismi dell’Unione od organizzazioni intergovernative competenti.

Fornitura di servizi

La Commissione adotta misure adeguate volte a garantire una concorrenza effettiva nella fornitura di servizi GMES e a promuovere la partecipazione delle PMI.

La fornitura di servizi GMES viene se del caso decentrata con lo scopo di integrare a livello europeo gli inventari di dati costituiti dagli Stati membri, così da evitare duplicazioni.

Finanziamento

La dotazione finanziaria destinata alle azioni operative per il periodo 2011-2013 ammonta a 107 milioni di EUR. Gli stanziamenti sono autorizzati ogni anno dall’autorità di bilancio. Anche i paesi terzi e le organizzazioni internazionali possono fornire finanziamenti aggiuntivi al programma GMES.

Politica in materia di dati e di informazioni per il GMES

La politica in materia di dati e di informazioni per le azioni finanziate a norma del programma GMES persegue i seguenti obiettivi:

  • promuove l’utilizzo e la condivisione delle informazioni e dei dati del GMES;
  • offre un accesso pieno ed aperto alle informazioni prodotte dai servizi GMES e ai dati raccolti mediante le infrastrutture GMES, nel rispetto degli accordi internazionali, delle limitazioni di sicurezza e delle condizioni di concessione delle licenze pertinenti;
  • rafforza i mercati di osservazione della terra in Europa, onde consentire la crescita e la creazione di posti di lavoro;
  • contribuisce alla sostenibilità e alla continuità della fornitura di dati e informazioni GMES;
  • sostiene le comunità europee di ricerca, di tecnologia e di innovazione.

Allo scopo di fornire un quadro atto a garantire la realizzazione degli obiettivi di tale politica, garantendo nel contempo la necessaria protezione delle informazioni, la Commissione può adottare:

  • misure che stabiliscano le condizioni di registrazione e di concessione di licenze per gli utenti GMES;
  • misure che definiscano i criteri applicabili alla limitazione dell’accesso alle informazioni prodotte dai servizi GMES e ai dati raccolti attraverso l’infrastruttura GMES dedicata.

Comitato GMES

La Commissione è assistita dal «comitato GMES», il quale può riunirsi in formazioni specifiche per trattare questioni concrete, in particolare questioni che attengono alla sicurezza (il «consiglio di sicurezza»).

RIFERIMENTI

Atto Entrata in vigore Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri Gazzetta ufficiale
Regolamento (UE) n. 911/2010

9.11.2010

-

GU L 276 del 20.10.2010

ATTI COLLEGATI

Comunicazione della Commissione al Parlamento Europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni, del 28 ottobre 2009, intitolata «Monitoraggio globale per l'ambiente e la sicurezza (GMES): sfide e fasi successive per la componente spaziale» [COM(2009) 589 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Comunicazione della Commissione al Consiglio, al Parlamento europeo, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni, dell’11 dicembre 2008, intitolata «Monitoraggio globale per l’ambiente e la sicurezza (GMES): per un pianeta più sicuro» [COM(2008) 748 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo, del 10 novembre 2005, intitolata «Monitoraggio globale per l'ambiente e la sicurezza (GMES): dal concetto alla realtà» [COM(2005) 565 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Ultima modifica: 07.03.2011
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina