RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Sistema comunitario di ecogestione e audit (EMAS)

Il sistema comunitario EMAS è volto a incoraggiare le organizzazioni europee, siano esse pubbliche o private, a migliorare le prestazioni ambientali. Il nuovo regolamento mira a sviluppare il sistema esistente e a incoraggiare il maggior numero possibile di organizzazioni a parteciparvi. Il sistema presenta parecchi punti forti, da cui le organizzazioni europee possono trarre un valore aggiunto in termini di controllo regolamentare, risparmio sui costi e immagine, purché siano in grado di dimostrare un miglioramento delle loro prestazioni ambientali.

ATTO

Regolamento (CE) n. 1221/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 novembre 2009, sull’adesione volontaria delle organizzazioni a un sistema comunitario di ecogestione e audit (EMAS), che abroga il regolamento (CE) n. 761/2001 e le decisioni della Commissione 2001/681/CE e 2006/193/CE.

SINTESI

Il sistema comunitario di ecogestione e audit (EMAS) è uno strumento al quale possono aderire volontariamente le organizzazioni * aventi sede nel territorio della Comunità o al di fuori di esso. EMAS è inteso a promuovere il miglioramento continuo delle prestazioni ambientali delle organizzazioni appartenenti a tutti i settori di attività commerciale mediante:

  • l’analisi ambientale di tutti i loro aspetti ambientali;
  • l’istituzione e l’applicazione di sistemi di gestione ambientale, sulla base dei risultati dell'analisi ambientale;
  • la valutazione sistematica, obiettiva e periodica di tali sistemi;
  • l’offerta di informazioni sulle prestazioni ambientali;
  • un dialogo aperto con il pubblico e le altre parti interessate;
  • il coinvolgimento attivo e un’adeguata formazione del personale.

Registrazione delle organizzazioni

Le organizzazioni di uno Stato membro presentano la domanda di registrazione all’organismo competente dello Stato membro medesimo. Gli organismi competenti sono designati dagli Stati membri. È possibile presentare un'unica domanda di registrazione. Se un’organizzazione ha siti ubicati in uno o più Stati membri o paesi terzi può presentare un’unica domanda di registrazione cumulativa.

Le organizzazioni che intendono registrarsi per la prima volta:

  • svolgono un’analisi ambientale di tutti gli aspetti ambientali (vedere allegati I e II punto A.3.1);
  • sviluppano e applicano un sistema di gestione ambientale (vedere allegato II);
  • effettuano un audit interno (vedere allegato II punto A.5.5 e allegato III);
  • predispongono una dichiarazione ambientale (vedere allegato IV);
  • attestano il rispetto di tutti gli obblighi normativi applicabili in materia di ambiente;
  • fanno verificare, da un verificatore ambientale accreditato, l’analisi ambientale iniziale, il sistema di gestione ambientale, la procedura di audit e la sua attuazione, e fanno convalidare, dallo stesso, la dichiarazione ambientale.

La domanda di registrazione EMAS comprende:

  • la dichiarazione ambientale convalidata dal verificatore ambientale *;
  • la dichiarazione del verificatore ambientale (vedere allegato VII);
  • un modulo contenente le informazioni richieste per la registrazione (vedere allegato VI);
  • la prova del pagamento dei diritti applicabili, se del caso.

Obblighi delle organizzazioni registrate

Almeno ogni tre anni un’organizzazione registrata:

  • fa verificare l’intero sistema di gestione ambientale e il programma di audit, nonché la sua attuazione;
  • predispone una dichiarazione ambientale aggiornata e la fa convalidare da un verificatore ambientale;
  • trasmette la dichiarazione ambientale aggiornata e convalidata all’organismo competente;
  • trasmette all’organismo competente un modulo compilato contenente le informazioni richieste per la registrazione (vedere allegato VI);
  • versa i diritti per il rinnovo della registrazione all’organismo competente, se del caso.

Ogni anno intermedio, le organizzazioni registrate effettuano un audit interno delle loro prestazioni ambientali e del rispetto dei requisiti legali applicabili in materia di ambiente e aggiornano la dichiarazione ambientale, che dopo la convalida dev'essere trasmessa all'organismo competente dopo aver versato i diritti per l'estensione della registrazione, se del caso.

Le organizzazioni registrate mettono a disposizione del pubblico le dichiarazioni ambientali.

Uso del logo EMAS

Il logo EMAS (vedere allegato V) può essere utilizzato solo dalle organizzazioni registrate e solo finché queste sono in possesso di una registrazione valida.

Il logo contiene sempre il numero di registrazione dell’organizzazione, salvo se usato per promuovere l'EMAS.

Il logo può essere utilizzato sulle informazioni ambientali convalidate da un verificatore ambientale. Il logo EMAS non può invece essere usato sui prodotti o sui loro imballaggi, né in abbinamento con dichiarazioni comparative riguardanti altre attività e altri servizi, o in modo tale da poter essere confuso con i marchi di qualità ecologica assegnati ai prodotti.

Compiti dei verificatori ambientali

I verificatori ambientali valutano la conformità dell’analisi ambientale, della politica ambientale, del sistema di gestione e delle procedure di audit dell’organizzazione, nonché la loro attuazione e la dichiarazione ambientale. I verificatori ambientali verificano inoltre il rispetto, da parte dell’organizzazione, degli obblighi normativi applicabili in materia di ambiente, il miglioramento continuo delle prestazioni ambientali dell’organizzazione e l’attendibilità dei dati e delle informazioni pertinenti.

Il verificatore ambientale convalida, ad intervalli non superiori a dodici mesi, tutte le informazioni contenute nella dichiarazione ambientale aggiornata.

Per ottenere un accreditamento o un’abilitazione, il verificatore presenta domanda all’organismo di accreditamento o di abilitazione di sua scelta.

Sanzioni

Gli Stati membri adottano le opportune misure giuridiche o amministrative in caso di inosservanza delle disposizioni del presente regolamento. Essi possono avvalersi delle disposizioni adottate in conformità della direttiva 2005/29/CE relativa alle pratiche commerciali sleali.

Informazione

La Commissione aggiorna e rende disponibile al pubblico:

  • un registro dei verificatori ambientali e delle organizzazioni in possesso di una registrazione EMAS;
  • una banca dati delle dichiarazioni ambientali;
  • una banca dati delle migliori pratiche relative ad EMAS;
  • un elenco delle risorse comunitarie per il finanziamento dell’attuazione di EMAS.

Contesto

Il presente regolamento abroga il regolamento (CE) n. 761/2001 che ha aperto il sistema EMAS alla partecipazione di tutti i settori economici pubblici e privati.

Termini chiave dell'atto
  • Organizzazione: un gruppo, una società, un’azienda, un’impresa, un’autorità o un’istituzione, ovvero loro parti o combinazione, in forma associata o meno, pubblica o privata, situata all’interno o all’esterno della Comunità, che abbia una propria struttura funzionale e amministrativa.
  • Verificatore ambientale:
    • un organismo di valutazione della conformità a norma del regolamento (CE) n. 765/2008, un’associazione o un gruppo di tali organismi, che abbia ottenuto l’accreditamento secondo quanto previsto dal presente regolamento; oppure
    • qualsiasi persona fisica o giuridica, associazione o gruppo di persone fisiche o giuridiche che abbia ottenuto l’abilitazione a svolgere le attività di verifica e convalida secondo quanto previsto dal presente regolamento.

RIFERIMENTI

Atto Entrata in vigore Termine ultimo di recepimento negli Stati membri Gazzetta ufficiale

Regolamento (CE) n. 1221/2009

11.1.2010

-

GU L 342 del 22.12.2009

Ultima modifica: 22.04.2010
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina