RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Misure commerciali eccezionali

Grazie a misure commerciali eccezionali adottate dall'Unione europea (UE) a favore dei paesi e territori dei Balcani occidentali, quasi tutti i prodotti originari di questi paesi possono essere liberamente importati nell'UE senza dazi doganali e senza restrizioni quantitative. Questo regime commerciale favorevole contribuisce al processo di stabilizzazione e di associazione dei Balcani occidentali.

ATTO

Regolamento (CE) n. 1215/2009 del Consiglio, del 30 novembre 2009, recante misure commerciali eccezionali applicabili ai paesi e territori che partecipano o sono legati al processo di stabilizzazione e di associazione dell'Unione europea (versione codificata).

SINTESI

I paesi dei Balcani occidentali beneficiano di misure commerciali eccezionali per le loro importazioni nell'Unione europea (UE). Tali paesi e territori fanno parte del processo di stabilizzazione e di associazione.

Le misure commerciali eccezionali sono applicabili fino al 31 dicembre 2010.

Preferenze commerciali

I prodotti originari dell'Albania, della Bosnia-Erzegovina, della Croazia, dell'ex Repubblica iugoslava di Macedonia, del Montenegro, della Serbia e del Kosovo, sono importati nell'Unione europea senza dazi doganali * o oneri di effetto equivalente e senza restrizioni quantitative * o misure di effetto equivalente.

Inoltre tali preferenze commerciali si applicano a taluni prodotti agricoli.

Condizioni di ammissione

L'ammissione al beneficio delle misure preferenziali da parte dei paesi e dei territori è subordinata alle seguenti condizioni:

  • osservanza della definizione di prodotti originari ai sensi del regolamento (CEE) n. 2454/93; pertanto i prodotti devono essere interamente fabbricati o essere stati sufficientemente trasformati nel paese o territorio;
  • impegno a non applicare nuovi dazi né nuove restrizioni sui prodotti importati dall’UE;
  • lotta contro la frode mediante la cooperazione amministrativa con l'UE.

I beneficiari devono anche impegnarsi ad avviare riforme economiche efficaci e una cooperazione regionale con gli altri paesi che fanno parte del processo di stabilizzazione e di associazione, in particolare attraverso la creazione di una zona di libero scambio regionale.

La Commissione può sospendere totalmente o parzialmente le preferenze commerciali, se un paese non rispetta i suoi obblighi.

Prodotti agricoli e della pesca

I dazi doganali applicabili a taluni prodotti della pesca e a taluni vini sono sospesi nei limiti definiti nell'allegato I.

I dazi doganali applicabili alle importazioni di carne di vitello o (baby beef), originaria della Bosnia-Erzegovina, Serbia e Kosovo, sono definiti nell'allegato II. Il volume dei contingenti tariffari * totali annui è di 11 475 tonnellate, ripartito nel modo seguente:

  • 1 500 tonnellate (peso carcasse) di prodotti originari della Bosnia-Erzegovina;
  • 9 175 tonnellate (peso carcasse) di prodotti originari dei territori doganali della Serbia o del Kosovo.

Alle importazioni di prodotti del settore dello zucchero originari della Bosnia-Erzegovina, della Serbia e del Kosovo si applicano i seguenti contingenti tariffari annuali:

  • 12 000 tonnellate (peso netto) di prodotti originari della Bosnia-Erzegovina;
  • 180 000 tonnellate (peso netto) di prodotti originari dei territori doganali della Serbia e del Kosovo.

Il regolamento (CE) n. 1234/2007 fissa le modalità di applicazione dei contingenti tariffari relativi a questi prodotti.

La Commissione può adottare misure di protezione, se le importazioni di prodotti agricoli e della pesca causano gravi perturbazioni nel mercato interno dell'UE.

Termini chiave
  • Dazi doganali: dazio che altera il prezzo di un prodotto importato, a prescindere dalla denominazione o dalla tecnica, e che ha l'effetto di restringere la libera circolazione delle merci.
  • Restrizione quantitativa: qualsiasi regolamentazione commerciale che può avere l'effetto di limitare l'importazione di merci in termini di quantità o di valore (ad esempio, quote sulle importazioni).
  • Contingente tariffario: misura commerciale che consente l'eliminazione totale o parziale dei dazi normalmente pagati sulle merci importate, per un periodo o per un volume limitato.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigore - Data di scadenzaTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale

Regolamento (CE) n. 1215/2009

4.1.2010 – 31.12.2010

-

GU L 328 del 15.12.2009

ATTI COLLEGATI

Proposta di regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio che modifica il regolamento (CE) n. 1215/2009 del Consiglio recante misure commerciali eccezionali applicabili ai paesi e territori che partecipano o sono legati al processo di stabilizzazione e di associazione dell'Unione europea [COM(2010) 54 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
La presente proposta mira ad estendere la validità delle preferenze commerciali concesse ai paesi dei Balcani occidentali fino al 2015.
Procedura: 2010/0036 (COD)

Ultima modifica: 21.04.2010
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina