RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 11 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Strumento strutturale di preadesione (ISPA)

Archivi

Al fine di preparare l'adesione dei paesi candidati dell'Europa centrale e orientale (PECO) l'Unione europea fornisce, tramite lo strumento per le politiche strutturali di preadesione, un sostegno finanziario nel settore della coesione economica e sociale e in particolare in materia di ambiente e di trasporti per il periodo 2000-2006.

ATTO

Regolamento (CE) n. 1267/1999 del Consiglio, del 21 giugno 1999, che istituisce uno strumento strutturale di preadesione [Cfr atti modificativi].

SINTESI

La comunicazione della Commissione "Agenda 2000 (castellanodeutschenglishfrançais)" richiede il rafforzamento della strategia di preadesione per tutti i paesi candidati dell'Europa centrale e orientale, per il periodo 2000-2006. Tale rafforzamento implica, a complemento del programma PHARE e dell'aiuto allo sviluppo agricolo, l'istituzione di uno strumento di aiuto di preadesione - IAP - per il periodo 2007-2013.

Misure ammissibili

L'aiuto della Commissione a titolo dell'ISPA si limita a progetti relativi all'ambiente e ai trasporti.

Ambiente

Nel settore dell'ambiente, l'aiuto finanziario concesso dalla Comunità riguarda i progetti ambientali che consentono ai paesi beneficiari di soddisfare i requisiti della legislazione ambientale (castellanodeutschenglishfrançais) e dei partenariati per l'adesione.

Trasporti

Il contributo dell'ISPA in questo settore consiste in un aiuto ai paesi beneficiari per misure nel settore delle infrastrutture di trasporto. I progetti sono intesi a promuovere sistemi di spostamento durevoli. Si tratta, in particolare, di progetti che:

  • costituiscono un interesse comune sulla base dei criteri della decisione n. 1692/96/CE del Parlamento europeo e del Consiglio (sugli orientamenti comunitari per lo sviluppo della rete transeuropea dei trasporti);
  • consentono ai paesi beneficiari di conformarsi agli obiettivi dei partenariati per l'adesione. Ciò comprende l'interconnessione e l'interoperabilità tra le reti nazionali e con le reti transeuropee, nonché l'accesso a queste reti.

In linea di principio, il costo totale di un provvedimento non può essere inferiore a 5 milioni di euro.

Si deve garantire un equilibrio fra i progetti in materia di ambiente e le misure relative alle infrastrutture di trasporto. Può essere concesso un aiuto anche per i seguenti scopi:

  • studi preparatori connessi alle misure ammissibili;
  • misure di sostegno tecnico, tra cui azioni di informazione e di pubblicità.

La selezione e l'approvazione dei progetti si basano sui programmi nazionali relativi ai trasporti e all'ambiente. Tali programmi figurano nel programma nazionale relativo all'adozione dell'acquis - uno degli elementi principali dei partenariati per l'adesione.

Disposizioni finanziarie

La Commissione effettua una ripartizione indicativa delle risorse a titolo dell'ISPA fra i paesi beneficiari sulla base di criteri quali la popolazione o il prodotto nazionale lordo per abitante a parità di potere di acquisto e di superficie.

Forme e livello dell'aiuto

L'aiuto comunitario concesso a titolo dell'ISPA può coprire fino al 75% delle spese pubbliche o assimilabili. La Commissione può decidere di aumentare tale percentuale fino all'85%, in particolare se ritiene che l'attuazione di progetti essenziali in vista della realizzazione degli obiettivi generali dell'ISPA richieda un intervento superiore al 75%. Eccezionalmente, gli studi preparatori e le misure di assistenza tecnica possono essere finanziate al 100% del costo totale.

Compatibilità con le altre politiche comunitarie

Le misure finanziate a titolo dell'ISPA devono conformarsi alle disposizioni previste dagli accordi europei, nonché alle disposizioni comunitarie vigenti in materia di aiuti di Stato.

La Commissione deve garantire il coordinamento e la coerenza fra tali misure e quelle finanziate da altri contributi del bilancio comunitario, come ad esempio nel caso dei contributi a titolo di iniziative comunitarie in materia di cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale, ovvero dalla Banca europea per gli investimenti (BEI).

Valutazione e approvazione delle misure

La Commissione approva le decisioni relative alle misure da finanziare a titolo dell'ISPA previa domanda dei paesi beneficiari. Le decisioni della Commissione con cui vengono approvate le misure devono specificare l'importo dell'aiuto finanziario e un piano di finanziamento, nonché tutte le disposizioni necessarie per la realizzazione delle misure stesse.

Gestione e controllo

L'attuazione dei progetti incombe ai paesi candidati, sotto la supervisione della Commissione. Nell'attuazione del presente regolamento la Commissione vigila a garantire il rispetto dei principi di buona gestione.

Monitoraggio e valutazione

I meccanismi di valutazione e di monitoraggio dell'ISPA devono essere messi in atto congiuntamente dai paesi beneficiari e dalla Commissione. Più in particolare, per il monitoraggio ci si baserà su indicatori fisici e finanziari quantitativi specificamente connessi con il progetto in questione e i suoi obiettivi.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigore
-
Data di scadenza
Data limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale
Regolamento (CE) n. 1267/1999 [adozione: consultazione CNS/1998/0091]29.06.1999-31.12.2006-GU L 161 del 26.6.1999

Atto(i) modificatore(i)Data di entrata in vigoreData limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale
Regolamento (CE) n. 2382/200107.12.2001-GU L 323 del 7.12.2001
Regolamento (CE) n. 2500/200130.12.2001-GU L 342 del 27.12.2001
Regolamento (CE) n. 769/200430.04.2004-GU L 123 del 27.04.2004
Regolamento (CE) n. 2257/200402.01.2005-GU L 389 del 31.12.2004
Regolamento (CE) n. 2112/200528.12.2005-GU L 344 del 27.12.2005

ATTI COLLEGATI

Relazione della Commissione - Relazione generale sugli aiuti di preadesione (PHARE- ISPA - SAPARD) nel 2005 [COM(2006) 746 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale]

Relazione della Commissione - Relazione 2005 sul programma PHARE e gli strumenti di adesione e di transizione [COM(2007) 3 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale]

Relazione della Commissione - Relazione annuale 2005 sullo strumento strutturale di preadesione ISPA [COM(2006) 674 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale]

Relazione generale della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio, del 24 marzo 2006, sugli aiuti di preadesione (PHARE- ISPA - SAPARD nel 2004 [COM(2006) 137 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale]

Relazione della Commissione - Relazione annuale relativa allo strumento strutturale di preadesione (ISPA) 2003 [COM(2004) 612 - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale]

Relazione della Commissione - Relazione annuale sullo strumento per le politiche strutturali di preadesione (ISPA) 2003 [COM(2004) 735 def. - Gazzetta
ufficiale C 10 del 14.1.2005]

Decisione 2004/749/CE del Consiglio, del 21 ottobre 2004, che individua l'orientamento generale di ripartizione dei finanziamenti di cui al regolamento (CE) n. 1267/1999 che istituisce uno strumento per le politiche strutturali di preadesione [Gazzetta ufficiale L 332 del 06.11.2004]
La decisione stabilisce il criterio di ripartizione dei fondi ISPA tra la Bulgaria e la Romania per il triennio 2004-2006.

Relazione della Commissione - Relazione generale sugli aiuti di preadesione (Phare - ISPA - SAPARD) 2002 [COM(2003) 844 def. - Gazzetta ufficiale C 98 del 23.04.2004]

Relazione della Commissione - Relazione annuale sullo strumento per le politiche strutturali di preadesione (ISPA) 2002 [COM(2003) - 655 def. - Gazzetta ufficiale C 96 del 21.04.2004].

Relazione della Commissione - Relazione generale sugli aiuti di preadesione (Phare - ISPA - SAPARD) nel 2001 [COM(2003) 329 def. - Gazzetta ufficiale C 76 del 25.3.2004].

Relazione della Commissione - Relazione generale sull'aiuto di preadesione (PHARE - ISPA - SAPARD) nel 2000 [COM (2002) 781 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Relazione della Commissione - Relazione annuale sullo strumento per le politiche strutturali di preadesione (ISPA) 2001 [COM(2002) 0596 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Relazione della Commissione - Relazione annuale dello strumento per le politiche strutturali di preadesione (ISPA) 2000 [COM(2001) 616 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

La presente scheda di sintesi è diffusa a titolo informativo e non intende interpretare né sostituire il documento di riferimento che rimane l'unica base giuridica vincolante.

Ultima modifica: 05.02.2007
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina