RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Agenzia di approvvigionamento dell’Euratom

La Comunità europea dell’energia atomica (Euratom) opera nei settori legati all’energia atomica come la ricerca, l’elaborazione di norme di sicurezza e l’uso pacifico dell’energia nucleare. Con la creazione di questa agenzia compito essa mira ad assicurare il regolare ed equo approvvigionamento di minerali, materie grezze e materie fissili speciali all'interno dell'Unione europea (UE).

ATTO

Trattato che istituisce la Comunità europea per l’energia atomica (Euratom).
Decisione 2008/114/CE, Euratom del Consiglio del 12 febbraio 2008 che stabilisce lo statuto dell’Agenzia di approvvigionamento dell’Euratom [Gazzetta ufficiale L 41 del 15.2.2008].

SINTESI

L’Agenzia di approvvigionamento dell’Euratom è stata istituita dal traité Euratom. Essa è divenuta operativa il 1° giugno 1960.

Missione

L’agenzia deve assicurare il regolare ed equo accesso di tutti gli utilizzatori dell’Unione europea (UE) ai minerali e ai combustibili nucleari (materie grezze e materie fissili speciali) grazie alla politica comune di approvvigionamento e conformemente ai principi enunciati nel Titolo II, capo VI del trattato.

Per portare a termine la missione ad essa affidata, l’agenzia provvede a:

  • fornire alla Comunità conoscenze, informazioni e consulenze su qualsiasi materia connessa al mercato del nucleare;
  • osservare le tendenze del mercato e dei servizi nucleari che potrebbero incidere sulla sicurezza degli approvvigionamenti;
  • collaborare con il comitato consultivo.

In qualità di responsabile della gestione dell’offerta e della domanda dei minerali, delle materie grezze (ad esempio l’uranio naturale) e di materie fissili speciali (ad esempio l'uranio arricchito e il plutonio) all’interno dell'UE, l’agenzia dispone di:

  • un diritto d’opzione sui minerali, sulle materie grezze e sulle materie fissili speciali prodotte all’interno del territorio degli Stati membri;
  • un diritto esclusivo di stipulare i contratti sulla fornitura di minerali, materie grezze o materie fissili speciali provenienti dall’interno o dall’esterno della Comunità.

Sede e statuto

L’agenzia, con sede a Bruxelles, è stata posta sotto il controllo della Commissione europea che dispone di un diritto di veto sulle sue decisioni (articolo 53.1). È dotata inoltre di personalità giuridica e di autonomia finanziaria.

Diritto di opzione (articolo 57)

L’agenzia gode del diritto di opzione sulle materie prodotte all’interno della Comunità. Viene applicato alla piena proprietà dei minerali e delle materie grezze e al diritto di utilizzazione e consumo delle materie fissili speciali. Secondo le disposizioni del trattato, ogni produttore nel territorio dell’UE è tenuto ad offrire all’Agenzia tutti i minerali, le materie grezze o le materie fissili speciali prodotti preventivamente all’utilizzazione, al trasferimento o alla costituzione in scorta di tali minerali o materie. Tale diritto di opzione viene esercitato mediante la conclusione di contratti di fornitura in via semplificata.

Tuttavia, il produttore può conservare delle materie, previa autorizzazione dell’agenzia, da immagazzinare, utilizzare o mettere a disposizione delle imprese situate nell’UE. Egli deve tuttavia soddisfare alcune condizioni particolari e notificare tale decisione alla Commissione.

Qualora l’agenzia decidesse di non esercitare il proprio diritto d’opzione, è necessario specificare chiaramente tale volontà nel contratto concluso. Di conseguenza, per quanto riguardano i minerali e le materie grezze, l’acquirente possiede tutti i diritti di proprietà. Invece, nel caso delle materie fissili speciali, l’acquirente acquisisce soltanto il diritto di utilizzazione e consumo mentre il diritto di proprietà rimane alla Comunità.

Diritto esclusivo di concludere i contratti di approvvigionamento (articolo 52)

Tutti i contratti relativi alla fornitura delle materie in questione deve essere autorizzato e concluso dall’agenzia. Si tratta dello strumento chiave per il funzionamento dell’Agenzia. Viene applicato a tutti i contratti di fornitura, quali compravendite di materie (uranio naturale, impoverito o arricchito, torio, plutonio), scambi e prestiti.

Tale diritto si applica alle forniture provenienti sia dall’interno che dall’esterno della Comunità. Per quel che riguarda le materie provenienti dai paesi terzi, qualora la Commissione constati che l'agenzia non è in grado di fornire le materie entro un termine ragionevole, gli utilizzatori hanno il diritto di stipulare direttamente contratti con terzi, previa autorizzazione della Commissione.

Invece, in caso di trasferimento, importazione o esportazione di piccole quantità di materia destinata alla ricerca, è sufficiente notificarlo all’agenzia.

Nella pratica e secondo il regolamento dell’agenzia, gli utilizzatori sono autorizzati a negoziare liberamente con il produttore di loro scelta. In seguito alle trattative, i contratti di fornitura di minerali e materie grezze e, per analogia, i contratti di fornitura di materie fissili speciali, compresi i contratti di arricchimento, devono essere sottoposti all’agenzia e vengono conclusi da quest’ultima.

Finanziamenti

Il trattato prevede la possibilità di un canone sulle transazioni destinata a coprire le spese di funzionamento dell’agenzia. L’agenzia è finanziata nella sua quasi totalità dal bilancio comunitario, dal rendimento del suo capitale e dai suoi investimenti bancari.

Ogni anno, il direttore generale dell’agenzia deve presentare alla Commissione il bilancio preventivo.

Direttore generale e organico

Il direttore generale è nominato dalla Commissione. E’ responsabile della gestione dell’Agenzia e la rappresenta in alcune circostanze. L’organico dell’agenzia è costituito dai funzionari permanenti della Commissione a disposizione dell’agenzia.

Comitato consultivo

L’agenzia di approvvigionamento Euratom è assistita da un comitato consultivo che costituisce l’organo di collegamento tra i produttori, gli utilizzatori e l’Agenzia. Fornisce consulenza, pareri e informazioni sull’approvvigionamento di energia nucleare e sul commercio in materia di energia nucleare, e funge anche da forum di discussione.

Il comitato è formato da 56 membri nominati dagli Stati membri su mandato triennale, scelti tra i produttori, gli utilizzatori, oltre che esperti in energia nucleare secondo il loro grado di esperienza e di competenza. Il direttore generale ha l’obbligo di consultare il comitato in caso di decisioni concernenti il capitale dell’agenzia, l’adozione di un regolamento che determini le modalità di raffronto delle domande e delle offerte l’elaborazione del bilancio annuale e dell’elaborazione della relazione annuale dell’agenzia, l’istituzione di succursali dell’agenzia e il suo scioglimento.

Il comitato si riunisce di solito con scadenza semestrale. Può inoltre venire convocato dal direttore generale o su richiesta scritta di un terzo dei membri del comitato, se del caso.

Seguito

Il direttore generale elabora tre documenti principali, in stretta collaborazione con il comitato:

  • il bilancio annuale, completo di conto profitti e perdite. Il documento viene presentato alla Corte dei conti che redige un resoconto sui conti dell’Agenzia;
  • la relazione annuale sulle attività dell’agenzia. Questo documento raccoglie i dati sull’approvvigionamento e la richiesta di combustibili nucleari in seno all’UE;
  • il bilancio per l’anno successivo.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale
Decisione 2008/114/CE, Euratom

3.6.2008

-

JO L 41 del 15.2.2008

ATTI COLLEGATI

Regolamento (Euratom) n° 66/2006 della Commissione, del 16 gennaio 2006 relativo alla dispensa dall’applicazione delle disposizioni del capo relativo all’approvvigionamento per il trasferimento di piccoli quantitativi di minerali, materie grezze e materie fissili speciali [Gazzetta ufficiale L 11 del 17.1.2006].

Ultima modifica: 27.09.2011

Vedi anche

  • Agenzia di approvvigionamento dell’Euratom (EN)
  • Direzione generale dell’Energia - EURATOM (EN)
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina