RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Sicurezza degli impianti nucleari

La Commissione ritiene importante stabilire obblighi fondamentali e principi generali in materia di sicurezza nucleare, nonché meccanismi di controllo per assicurare la protezione della popolazione e dei lavoratori contro i pericoli delle radiazioni ionizzanti provenienti dalle installazioni nucleari. Le misure previste devono permettere all’Unione europea (UE) di affrontare meglio i rischi connessi alle materie radioattive.

ATTO

Direttiva 2009/71/Euratom del Consiglio, del 25 giugno 2009, che istituisce un quadro comunitario per la sicurezza nucleare degli impianti nucleari.

SINTESI

La presente direttiva istituisce un quadro comunitario per assicurare la sicurezza nucleare nella Comunità e intende incoraggiare gli Stati membri a garantire un elevato livello di sicurezza nucleare. Essa si applica a qualsiasi impianto nucleare.

Gli Stati membri hanno l’obbligo di istituire un quadro nazionale legislativo, normativo e organizzativo per la sicurezza degli impianti nucleari. Tale quadro deve stabilire le responsabilità per quanto riguarda in particolare:

  • l’adozione di requisiti nazionali di sicurezza nucleare;
  • la predisposizione di un sistema di concessione di licenze e di divieto di esercizio degli impianti nucleari senza licenza;
  • la predisposizione di un sistema di supervisione della sicurezza nucleare;
  • azioni di garanzia dell’esecuzione.

La presente direttiva invita gli Stati membri a istituire un’autorità di regolamentazione competente, indipendente da qualsiasi organismo e dotata dei poteri giuridici e delle risorse umane e finanziarie sufficienti per richiedere al titolare di una licenza di conformarsi ai requisiti nazionali di sicurezza nucleare.

Il titolare di una licenza è il responsabile primario della sicurezza nucleare e non può delegare questa responsabilità. Il titolare è tenuto a valutare e a migliorare costantemente la sicurezza nucleare degli impianti.

Gli Stati membri devono dotare il loro personale dell’esperienza e delle competenze necessarie in materia di sicurezza degli impianti nucleari.

Le informazioni riguardanti la regolamentazione della sicurezza nucleare devono essere rese accessibili al pubblico.

Gli Stati membri hanno inoltre l’obbligo di presentare alla Commissione europea una relazione sui progressi realizzati in materia di sicurezza nucleare ogni tre anni. Devono altresì presentare autovalutazioni del loro quadro nazionale ogni dieci anni.

Contesto

La regolamentazione in materia di sicurezza nucleare si basa sul principio della responsabilità nazionale degli Stati membri. Questo principio consente di rafforzare l’indipendenza delle autorità di regolamentazione nazionali.

Nel 2007, a seguito delle conclusioni del Consiglio, è stato istituito il gruppo dei regolatori europei in materia di sicurezza nucleare (ENSREG) al fine di contribuire al conseguimento degli obiettivi della Comunità in materia di sicurezza nucleare. La presente direttiva rappresenta una tappa cruciale nell’ambito della realizzazione di questi obiettivi.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale
Direttiva 2009/71/Euratom

22.7.2009

22.7.2011

GU L 172 del 2.7.2009

Ultima modifica: 18.11.2009
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina