RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Agenzia per la cooperazione fra i regolatori nazionali dell’energia

L'Agenzia per la cooperazione fra i regolatori nazionali dell'energia è stata concepita per assistere le autorità di regolamentazione dei mercati dell'energia nell'esercizio a livello comunitario delle funzioni di regolamentazione svolte negli Stati membri e, se necessario, nel coordinamento delle loro azioni

ATTO

Regolamento (CE) n. 713/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 luglio 2009, che istituisce un’Agenzia per la cooperazione fra i regolatori nazionali dell’energia (Testo rilevante ai fini del SEE).

SINTESI

Il presente regolamento istituisce l'Agenzia per la cooperazione fra i regolatori dell'energia al fine di esercitare, a livello comunitario, le funzioni svolte dalle autorità di regolamentazione degli Stati membri.

L’Agenzia per la cooperazione fra i regolatori nazionali dell'energia è un organismo della Comunità dotato di personalità giuridica. L'Agenzia esprime pareri su tutte le questioni relative ai regolatori dell'energia, partecipa allo sviluppo di codici di rete nel settore dell'energia elettrica e del gas e decide in merito alle infrastrutture transfrontaliere, comprese le deroghe a talune disposizioni della normativa applicabile.

Compiti

Compiti relativi alla cooperazione dei gestori dei sistemi di trasmissione

L'Agenzia ha il compito di esprimere un parere in merito al progetto di statuto, all'elenco dei membri e al progetto di regolamento interno delle REGST (Rete europea dei gestori dei sistemi di trasmissione) dell'energia elettrica e del gas e di controllare l'esecuzione dei compiti. L’Agenzia svolge un ruolo importante nell’elaborazione di orientamenti quadro cui i codici di rete devono conformarsi. Inoltre l'Agenzia controlla la cooperazione regionale dei gestori dei sistemi di trasmissione nei settori dell'energia elettrica e del gas, e l'esecuzione dei compiti delle REGST dell'energia elettrica e del gas.

Compiti in relazione alle autorità nazionali di regolamentazione

L'Agenzia ha il compito di adottare decisioni individuali su questioni tecniche a determinate condizioni. L’Agenzia può formulare raccomandazioni finalizzate ad assistere le autorità di regolamentazione e gli attori del mercato nello scambio di buone prassi. Fornisce inoltre un quadro entro il quale le autorità nazionali di regolamentazione possono cooperare.

L'Agenzia può esprimere un parere sulla conformità di una decisione, presa da una autorità di regolamentazione, alla normativa comunitaria applicabile. Se un’autorità nazionale di regolamentazione non si conforma al suo parere, l’Agenzia informa la Commissione e lo Stato membro in questione.

Sussistendo determinate condizioni, l'Agenzia decide altresì in merito alle condizioni di accesso e di sicurezza operativa applicabili alle infrastrutture dell'energia elettrica e del gas che collegano almeno due Stati membri.

Compiti relativi alle infrastrutture transfrontaliere

Le condizioni di accesso alle infrastrutture transfrontaliere includono:

  • la procedura di assegnazione delle capacità;
  • i tempi di assegnazione;
  • la condivisione delle entrate derivanti dalla congestione;
  • l’imposizione di corrispettivi agli utenti dell’infrastruttura prevista.

L'Agenzia si occupa delle condizioni di accesso e di sicurezza operativa soltanto se le competenti autorità nazionali di regolamentazione non sono riuscite a raggiungere un accordo entro un periodo di sei mesi o ne hanno fatto una richiesta congiunta.

L'Agenzia esegue il monitoraggio dei mercati interni dell'energia elettrica e del gas naturale, in particolare dei prezzi al dettaglio di energia elettrica e gas naturale.

Organizzazione

L'Agenzia è composta da:

  • un consiglio di amministrazione che adotta un programma pluriennale;
  • un comitato dei regolatori che fornisce degli orientamenti al direttore;
  • un direttore, designato per cinque anni e responsabile della sua gestione;
  • una commissione dei ricorsi.

Risorse finanziarie

Le entrate dell'Agenzia sono costituite da quanto segue:

  • sovvenzioni iscritte nel bilancio generale dell'Unione europea;
  • tasse pagate all'Agenzia;
  • contributi volontari provenienti dagli Stati membri;
  • lasciti, donazioni o sovvenzioni.

Partecipazione di paesi terzi

L’Agenzia è aperta alla partecipazione di paesi terzi che hanno concluso accordi con la Comunità.

Contesto

Per agevolare la consultazione degli organismi di regolamentazione degli Stati membri, la decisione 2003/796/CE della Commissione ha istituito un gruppo di consulenti indipendenti in materia di energia elettrica e gas, denominato il "Gruppo dei regolatori europei per il gas e l’energia elettrica" (ERGEG). Pur considerando il contributo positivo del lavoro dell'ERGEG, è necessario che gli Stati membri cooperino nell'ambito di una struttura comunitaria al fine di consolidare il mercato interno dell’energia elettrica e del gas.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale
Regolamento (CE) n. 713/2009

3.9.2009

-

GU L211 del 14.8.2009

Ultima modifica: 23.11.2009
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina