RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Libro verde: verso una rete energetica europea sicura, sostenibile e competitiva

Le reti di distribuzione dell'energia in Europa devono essere trasformate radicalmente. Devono adattarsi alle crescenti esigenze di un'Unione europea allargata e agli obiettivi climatici ed energetici fissati dalla Commissione europea. In questo quadro, le reti transeuropee per l'energia necessitano di nuove interconnessioni e nuove e diversificate fonti di finanziamento, al fine di contribuire ad una rete energetica europea sicura e solidale.

ATTO

Libro verde «Verso una rete energetica europea sicura, sostenibile e competitiva» [COM(2008) 782 def. - Non pubblicato nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

Attraverso il presente Libro verde, la Commissione lancia una consultazione pubblica in vista di elaborare un nuovo approccio strategico in materia di reti energetiche, volto a raggiungere gli obiettivi fissati per il clima e l'energia dell'Unione europea.

Priorità

La priorità principale è quella di migliorare il quadro comunitario con l'obiettivo di sviluppare le reti energetiche degli Stati membri dell'Unione e di integrarle meglio per un migliore funzionamento del mercato interno dell'energia.

Le reti di distribuzione dell'energia costituiscono la chiave di volta della politica energetica. Per questo le reti transeuropee per l'energia (TEN-E) devono rispondere alle nuove esigenze della politica energetica in materia di sostenibilità, approvvigionamento e concorrenza. Adottate nel 1996, tali reti devono essere modificate in modo da poter rispondere meglio agli obiettivi fissati nel quadro della politica energetica europea nel 2007.

Anche la dimensione esterna è un elemento cruciale per lo sviluppo delle reti energetiche. Il mercato interno dell'energia dipende infatti fortemente dalle importazioni. Nella rete dovranno essere integrati nuovi assi di importazione a partire:

  • dall'Asia centrale;
  • dalla regione del mar Caspio;
  • dal Medio Oriente;
  • dall'Africa.

La prevista Agenzia per la cooperazione dei regolatori dell'energia, insieme alle due nuove reti europee degli operatori dei sistemi di trasmissione, si occuperà del coordinamento e della gestione delle reti. Saranno istituiti dei piani per le infrastrutture di durata decennale.

Esiste inoltre a livello europeo un bisogno urgente (oltre agli investimenti necessari per modernizzare le reti energetiche e sostituire le infrastrutture obsolete) di nuovi progetti che permettano di integrare tutti gli Stati membri nel mercato interno, nonché di integrare nuove tecnologie. Le nuovi fonti energetiche devono quindi essere sviluppate e accessibili attraverso migliori connessioni interregionali.

Un nuovo approccio allo sviluppo della rete energetica

Lo sviluppo di reti energetiche deve diventare un elemento centrale nell'attuazione della politica energetica.

Gli obiettivi 20-20-20 devono essere attuati in maniera efficace attraverso programmi collegati alle reti dei settori pubblici e privati. Tali obiettivi comprendono:

  • l'integrazione delle fonti energetiche rinnovabili nella rete;
  • il trasporto di energie dalle aree ricche di risorse verso i centri di consumo;
  • lo sfruttamento delle tecnologie per la decentralizzazione della produzione energetica e delle reti intelligenti;
  • lo sfruttamento dell'energia prodotta dagli impianti eolici offshore;
  • lo sviluppo delle tecnologie di trasporto e di stoccaggio di CO2.

La ricerca scientifica europea deve orientare le sue attività verso lo sviluppo di tecnologie per le reti energetiche in grado di stoccare e incorporare fonti diverse di produzione di energia elettrica. L'iniziativa industriale europea per le reti elettriche, ad esempio, fa parte delle priorità del piano strategico europeo per le tecnologie energetiche. che mira soprattutto a promuovere sistemi energetici a basso tenore di carbonio.

Risulta parimenti cruciale migliorare il quadro legale ed economico della cooperazione con i paesi terzi fornitori e di transito per garantire la stabilità degli approvvigionamenti.

Una rete energetica europea completamente interconnessa

Il terzo pacchetto sul mercato interno dell'energia migliorerà la cooperazione fra i gestori dei sistemi di trasmissione (GST) e i regolatori dell'energia, in modo da rendere il mercato interno dell'energia più funzionale.

È prevista una cooperazione tra l'ENTSO (European Network of Transmission System Operators for Electricity) e l'Agenzia per la cooperazione dei regolatori dell'energia, al fine di ottimizzare le reti esistenti.

Anche il progetto riguardante il nuovo sistema di trasporto europeo (NETS) che integra i gestori delle reti di trasporto del gas nell'Europa centrale e sud-orientale, costituisce un'iniziativa pertinente e può rappresentare un passaggio verso l'istituzione di un gestore europeo dei sistemi di trasporto.

Mettere le TEN-E al servizio della sicurezza dell'approvvigionamento e della solidarietà

La Commissione considera le seguenti opzioni per migliorare il funzionamento delle TEN-E:

  • determinare gli obiettivi delle TEN-E dalla politica energetica dell'Europa;
  • estendere il loro campo di applicazione all'intera rete di trasporto dell'energia;
  • pianificare le TEN-E in maniera tale da riflettere le leggi di mercato;
  • restringere il campo d'intervento delle TEN-E ad un numero limitato di progetti strategici;
  • sviluppare gli scambi di buone pratiche tra gli Stati membri;
  • determinare un coordinatore europeo per le missioni su grande scala;
  • ottimizzare la gestione delle risorse.

L'obiettivo è fare evolvere il quadro di sostegno comunitario verso un nuovo quadro politico per le infrastrutture energetiche europee, dotato di un nuovo strumento per la sicurezza e le infrastrutture energetiche.

Contesto

Attualmente le reti energetiche europee necessitano di una forte modernizzazione e di uno sviluppo delle connessioni est-ovest e nord-sud, per poter garantire la sicurezza energetica dell'Unione europea.

Per tale ragione il presente Libro verde apre un dibattito sull'istituzione di un quadro giuridico stabile e chiaro destinato ad accrescere la solidarietà e la sicurezza di approvvigionamento energetico nell'Unione europea.

Ultima modifica: 09.04.2009

Vedi anche

Per ulteriori informazioni, consultare il seguente sito Internet:

  • Infrastrutture energetiche, DG Energia (EN)
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina